Non toccare le suore dei talent o muori

Al solito, un post di critica contro il potere precostituito (e mediatico) diventa una polemica epocale. Parlo dell’articolo di ieri, quello su suor Cristina, per intenderci. Nello specifico, mi si è descritto – e cito a caso – come talebano, omofobo, cattofascista, ecc. Quando invece l’unico termine corretto era: nauseato. Ma capisco che per certi tutori di certo garantismo il diritto del peggio ad essere tale coincide con l’impossibilità che tu possa essere critico nei confronti del peggio in questione. Ne prendo atto.

Due sole considerazioni, a chiosa di quanto accaduto:

1. Non ho mai detto che la suora non dovesse andare a cantare e amenità simili. Ho detto, semmai, che la “persona” Cristina non interpreta se stessa, ma interpreta un abito, un messaggio, un progetto politico di riqualificazione mediatica, già avviata con Bergoglio dopo il disastro ratzingeriano. Avallare e applaudire questo atto di restyling significa, né più né meno, appoggiarne il piano politico di cui si fa portatore. E per me è da imbecilli. Non vi piace se lo dico? Pazienza, ma se una suora può cantare e portare il messaggio di Dio in TV, io posso pure reagire così:

2. Non credo di aver offeso nessuno usando la chiosa finale “coglioni”. Ho solo usato un epiteto in un contesto volutamente dissacrante, così come avrei potuto scrivere o dire “raga’ non diciamo cazzate”.

Il problema semmai è che ci sono ambiti di intoccabilità per cui non si deve discutere su quanto si possa essere sgallettate dietro un talent (e ci sta, ognuno è libero di essere leggero come meglio crede) e, più in generale, contro il buonismo imperante, meglio se interpretato dalla tonaca di turno.

Il dramma è quando la leggerezza diventa veicolo di pericolosità sociale. E ogni indicatore politico ci suggerisce che la strada intrapresa è quella. Ostinarsi a non voler vedere la cosa è, per me, miope.

Forse non dovevo toccare il giocattolo, perché altrove e in altri contesti sono stato anche più sgradevole. Non capisco, tuttavia, perché posso descrivere un omofobo come un laido idiota ma non posso dire a uno o più gay che non rendersi conto della pericolosità del maquillage vaticano in atto – che passa anche per la suora in questione – sia un atto di imbecillità collettiva.

Poi non si condivide questo mio pensiero? Liberi/e di esternare in tal senso, ma faccio notare, visto che si gioca a chi è più liberal e a chi è più taleban, che io non dico che non si possa esprimere pareri contrari, mentre si pretende che chi ha certe posizioni non debba averle. Magari solo perché “offendono” la sensibilità da fan del talent del momento.

Poi sapete che c’è? Che uno può pure ritirarsi a vita privata. Poi voglio vedere come vi sposate votando Renzi e osannando suore.

Annunci

La suora di regime (ma poi non venite a lamentarvi)

un momento laico a The Voice

Non è per fare sempre l’anticlericale – che in Italia significa, né più né meno, avere a cuore la democrazia – ma questo entusiasmo collettivo e generalizzato per la suora di turno vi rende degni e degne di tutto quello che la chiesa sta facendo a questo paese. E sì, sto parlando di suor Cristina a The Voice.

Perché il pubblico che si alza inneggiante dopo le prime sette notte – per un’interpretazione che poi si rivelerà pure accettabile, ma ora ditemi che ha cambiato il panorama musicale mondiale o i vostri ultimi destini – denuncia la nostra solita e provincialotta sudditanza culturale e fa regredire, ancora una volta, la società italiana in gregge, concetto molto caro in Vaticano. Basterà che la prima delle pecore si getti nel burrone che tutto il resto le andrà dietro.

Le lacrime di J-Ax, poi – uno che è diventato famoso per un cantico all’istituto della marijuana, per non parlare del fatto che sarebbe anche l’ora che realizzasse di non avere più tredici anni – ci fanno capire che c’è salvezza per chi si fa di canne dalla mattina alla sera e forse dimostrano che un abuso di certe sostanze alla lunga ti rincoglionisce, ma in ogni caso anche lì vince san Patrignano e quell’ideologia su cui si basano leggi come la Fini-Giovanardi, per intenderci. Ma contenti voi!

Ancora: mi sembra oltre modo patetico l’entusiasmo incondizionato di quelle orde di froci (uso un altro termine molto in voga nella cultura cattolica) che nella vita di tutti i giorni sono pro-matrimonio e cose così, quando la suora di cui sopra sta alla loro voglia di sposarsi come Crudelia Demon sta a una cucciolata di dalmata.

E non voglio aprire il capitolo sull’immaginario di autorappresentazione estetica degli stessi, signori incondizionati della “selfie incazzata” e fuori dal coro, con pelo e barba come filosofia di vita, per poi ridursi all’equivalente bear di un chierichetto da oratorio. Ma l’aggettivo che descrive tutto ciò l’ho già usato e ricorda, appunto, il pathos nel suo significato primario di sofferenza. Altro concetto caro oltre Tevere.

Il tutto mentre abbiamo un papa ultra-mediatico che fa finta di essere all’ultima moda quando ha già fatto sapere – ma voi siete troppo ciechi per rendervene conto – che su coppie gay, interruzione di gravidanza e genitorialità fuori dal matrimonio in chiesa lui non è nessuno per decidere, visto che tutto è stato già detto nel catechismo. Dove c’è scritto che, se proprio ci vogliono bene, siamo malati da compatire.

Insomma, per farla breve: oggi a The Voice tifate il team “suora & Bergoglio”, ma domani quando vi tolgono 194 e divorzio – e se vi aprono le cliniche per le teorie riparative – poi non venite a lamentarvi. Coglioni.