Del perché, a parer mio, il gay renziano non merita stima

raduno renziano

Purtroppo è più forte di loro: i gay renziani non vanno contraddetti (così come i renziani in genere) o reagiscono male. In questo sono abbastanza simili ai loro pigmalioni berlusconiani. Stamattina sono incappato in una discussione, che si prolungava già da ieri, con alcuni sostenitori del premier e del suo nuovo corso, che io critico in quanto tale. Ne è nato il solito flame, sul quale non voglio dilungarmi.

Faccio solo notare che seguono svariati insulti sul fatto che scrivo per il Fatto Quotidiano e amenità similari. Adesso, stiamo appunto parlando di persone LGBT o che nella vita si dicono friendly e poi il massimo che riescono a concepire per una coppia dello stesso sesso è una leggina a diritti dimezzati.

Andrebbe loro risposto in modo congruo, tipo:

Ma poiché credo che l’argomentazione sia qualcosa che meriti di più rispetto a centoquaranta caratteri – anche se il loro leader li ha abituati a “tanto”, temo – cercherò di spiegare una volta per tutte perché credo che, se sei gay e voti e sostieni Renzi, sei una persona non degna della mia stima. Procederò per punti:

1. il Pd – la cui coalizione ho votato nelle elezioni del 2013 – ha prodotto, per mano di collaboratori renziani, una legge contro l’omofobia che permette, a determinati soggetti e in specifici contesti (tipo scuole, chiese e partiti) di poter affermare frasi anche offensive contro le persone LGBT. Secondo la vulgata che sostiene tale legge, poter dire che essere gay è una malattia dalla quale si può guarire rientra nella cosiddetta libertà di pensiero

2. la legge sulle unioni civili, poi, dimostra ancora una volta la vera natura del leader e dei suoi seguaci. Non si vuole infatti un provvedimento che vuole far rientrare nel rango degli/lle uguali anche le persone LGBT, attraverso l’accesso al matrimonio, ma creare un istituto a parte per gay e lesbiche. Insomma, ci tengono lontani dal matrimonio, riservato alla massa dei normali, in quanto”froci” e “lelle”. Adesso capisco che per qualcuno questa può essere una conquista, o il massimo a cui aspirare, ma per me è un insulto alla mia dignità di essere umano e di cittadino

3. se questo è vero, quindi se l’insulto contro una categoria di persone rientra nella facoltà che abbiamo di esprimere opinioni su qualcuno e se quelle stesse categorie vanno trattate come oggetti “a parte”, a cui riservare quindi apartheid di tipo giuridico, sarò libero di dispensare dal mio concetto di rispetto e di stima quei gay e quelle lesbiche che votano per chi li tratta in un certo modo. In quanto gay e in quanto sostenitori del premier, appunto

4. ne consegue che posso utilizzare l’aggettivo “renziano” come connotato negativamente. D’altronde, lo facevo già – secondo l’uso linguistico del tempo – con i berlusconiani, verso cui tutte le persone affezionate al concetto di legalità nutrivano un sano disappunto, potrò farlo con le loro brutte copie.

Concludendo, la mia idea personale è che leggi come quelle proposte (e mai votate) non aiutano al raggiungimento della piena uguaglianza, ma segnano un solco tra la norma e lo scarto da essa. Ciò non vuol dire che io “rifiuto” queste leggi – se le dovessero mai approvare potrei al massimo evitare di avvalermene – né che abbia gli strumenti per fare in modo che esse non vengano votate. Più semplicemente, me ne distanzio, vista qual è la filosofia che le anima.

Poi, se democrazia è accettare che una massa numerosa, la cosiddetta maggioranza, vada unita e granitica verso un “nuovo verso” che per me è poco dignitoso, sempre il medesimo concetto di democrazia mi dà la facoltà di pensare che quel nuovo corso sia orripilante e di non avere stima alcuna per chi lo propina come unico possibile: si chiama, appunto, libertà di pensiero. Se vale per gli omofobi con cui fanno accordi e per i politici che eleggono, varrà anche per un comune cittadino che esprime le sue idee. O no?

Dulcis in fundo, ci sarebbe da fare un lungo discorso sul fatto che non è vero che dopo Renzi c’è il nulla, e semmai che visto il nulla che c’è intorno abbiamo Renzi come suo prodotto conseguente. Ma questa è un’altra storia che mi appassiona ben poco. Per il resto, a buon rendere.

P.S.: onde evitare confusione, e visto che mi è già stato chiesto, definisco “gay renziano” chi difende Renzi per tutto quello che fa, in modo acritico, o chi lavora per lui dentro il partito. Passi chi lo ha votato nell’illusione di avere un leader normale, purché smetta ad un certo punto.

Annunci

Gufi

gufi

gufi

“Chi siamo noi?”
“Renziani!”
“E cosa vogliamo?”
“Cambiare verso!”
“E cosa diciamo a chi non vuole?”
“Gufi!”
“E come otterremo il cambiamento?”
“Gufi!”
“Ragazzi, il cambiamento…”
“Gufi!”
“Chi siamo noi?”
“Gufi!”

Scusate, ma oggi m’è presa così… :)

Pensieri random sulle elezioni europee

vinciamo poi...

vinciamo poi…

Pensieri random, e molto a caldo, sulle proiezioni delle elezioni europee, il cui spoglio è attualmente in corso:

  •  a vedere gli exit pool il prezzo orientativo di un italiano è di 80 euro. 
  • adesso voi gioite, ma se vincono Renzi e Merkel vincono larghe intese, precariato, ingiustizia sociale e tagli alla spesa pubblica.
  • sempre sugli exit pool: l’italiano medio(cre) ha votato per anni Berlusconi, perché adesso non dovrebbe votare la sua ridicola fotocopia?
  • vi faccio notare che il Pd è riuscito a superare il 30% dopo la trasformazione dell’ex sinistra in un partito conservatore. Cattolico lo era già. Omofobo pure.
  • per capire come stanno messi male nel PSE: Schultz si affida al successo del Pd italiano per risollevare il fallimento della socialdemocrazia (come se il Pd fosse di sinistra).
  • la cosa peggiore della vittoria del Pd è che tra i renziani crescerà la sindrome di rivalsa dello sfigato che li ha caratterizzati fin ora.
  • ora vedrete che col Pd al 40% ci fanno subito le unioni civili uguali ai matrimoni… (e soprattutto credeteci).
  • un pensiero al M5S i cui militanti (alcuni di loro) mi diedero del mafioso quando dissi che in democrazia avrebbero dovuto permettere, a suo tempo, un governo Bersani.
  • Debora Serracchiani è la risposta di “sinistra” a Stefania Prestigiacomo. Sono venti secondi che la ascolti ed è già narcolessia.
  • i gay entusiasti della vittoria del Pd sembrano galline contente di essere finite in batteria perché almeno così si mangia (tradotto per i renziani: non vi sto dicendo che siete galline, non è un insulto, è una battuta e no, non sono come Hitler, men che mai sono “dopo Hitler” e se proprio ci tenete, ricordo che siete voi quelli alleati con un partito al cui congresso si salutavano col saluto romano, per dirla tutta).
  • va dato atto ai detrattori di Grillo che gli hashtag  e rientrano in quel linguaggio dell’ironia che vince. Questo almeno.

Dulcis in fundo: non ho votato per il M5S, il suo posizionamento non mi sconvolge – per me è già un buon inizio se la Lista Tsipras ottiene dei seggi qui in Italia – e continuerò a credere che la vittoria del Pd sia solo il proseguimento di un percorso che porterà ancora a larghe intese, diseguaglianze sociali e al rinfocolare i partiti estremisti che dite di non amare.

Il resto, più ragionato, a quando dati e numeri saranno più certi.

Ottanta euro, il prezzo della democrazia

20140314-091745.jpg

Renzi ci comprerà per 80 euro?

Ho un problema con una parte del fan club di Matteo Renzi. Un problema di democrazia. Nel senso che non li tollero, i suoi supporter, e faccio pubblica confessione di questo.

Mi sembrano la derivata prima dei berlusconiani della prima (e ultima) ora in quanto a tendenza idolatrica del leader, nonostante l’evidenza della bolla di sapone che rappresenta. E hanno la stessa affezione al rispetto per gli altri del grillino medio, solo che non usano parolacce. Solo il metodo. Se non fai parte del gruppo, se non concepisci la politica come asservimento tout court alle parole del capo, sei una merda. Solo che non hanno  il coraggio di dirtelo.

Ammetto di essere fumantino, non ho problemi a cancellarti da Facebook, a defollowarti da Twitter, a dirti che se te la bevi tutta e non sei disposto a mettere in discussione nulla del verbo del tuo leader, per me sei un collaborazionista. Mi si accusa perciò – in ordine casuale – di “fascismo”, di insulto, di subire l’onta della lesa maestà. Mai un dubbio sul fatto che tu possa avere idee del cazzo, tuttavia. Per ipse dixit. Egli lo ha detto, sei tu (cioè io) che ti ostini a pensare.

Due fatti, per dare l’idea di quanto sia degradato e degradante il dibattito politico: più volte, parlando con renziani/e più o meno celebri, mi sono sentito dire frasi del tipo “non capisco come tu possa fare l’insegnante”, o più esplicitamente “tu non meriti di fare l’insegnante”. Si mette in dubbio la mia professionalità sul luogo di lavoro per le mie idee politiche. Roba da ventennio, ma da parte di esponenti e militanti di un partito che si chiama “democratico”. Lo stesso che ha votato una norma (renziana, si ricordi) che permette di dire nelle scuole che essere froci è una malattia, ma che poi si scandalizza per un vaffanculo in mezzo a una discussione concitata.

Ancora, la questione degli ottanta euro. Non si concepisce che si possa pensare che riscuotere venti centesimi l’ora, di fronte agli squilibri permanenti, gli sprechi di denaro pubblico e i privilegi della casta, sia un insulto. E si pretende che chi denuncia la stortura esibisca una moralità maggiore di chi invece ha deciso di accontentarsi del sistema criticato. Tradotto: in molti mi hanno chiesto di rinunciare all’aumento in busta paga. Come se avessi suggerito di rifiutarli, quei soldi. Come se il prezzo per poter criticare un’azione che reputo demagogica ed elettorale (e non solo io) fosse di manco tre euro al giorno. “Sempre meglio di niente”, questa è l’analisi, raffinata e sofferta, che mi si oppone. E si pretende dimostrazione di onestà intellettuale. Da me.

Per cui, rilancio, quando diciamo che questo paese è uno schifo in merito ai diritti civili per coerenza ce ne dovremmo andare in massa oppure ce lo dovremmo far piacere così com’è. Lo suggerì pure Rosy Bindi, a suo tempo. E lo disse di noi gay.

Oppure, secondo la stessa logica, dovremmo accogliere con una certa gratitudine la già citata legge Scalfarotto sull’omofobia: rispetto al niente di prima è pur sempre qualcosa, no? Anche se non è molto. Anche se ci offende.

E vorrei davvero che mi si rispondesse in merito – anche se poi i renziani non rispondono, se interrogati – fosse non altro per sapere quanta coerenza devo dimostrare a chi non è disposto a tollerare che si possa avere un’idea al riguardo.

E vi dirò di più, amici e amiche pro-Renzi, questa idea la potete lasciare a costo zero. Perché la democrazia non si compra e non si vende. Al massimo, qualche volta, la si può accompagnare con qualche parola di troppo. Per quella facoltà, garantita dalla Costituzione, che si chiama libertà di pensiero. O almeno così si spera.

Il dibattito italiano sui diritti dei gay? Un porno

Scusate se mi autocito:

porno

Per chi non lo sapesse (riassunto delle puntate precedenti): i renziani hanno depositato in Parlamento un disegno di legge sulle unioni civili, ma Angelino Alfano stoppa il segretario del Pd, ricordandogli che prima c’è la “famiglia” (e si spera che non intenda la connotazione siciliana del termine).

La domanda sorge spontanea: chissà perché la destra italiana si ricorda delle famiglie solo quando c’è da stoppare i diritti di gay, lesbiche e trans.

 

Unioni civili: facciamo chiarezza…

20131221-143429.jpg

Il mio articolo di apertura alle civil partnership ha destato sgomento e curiosità tra chi, da anni, legge le mie pagine e chi, più recentemente, prova a farlo senza capire il reale peso delle mie parole.

Altri, amici e amiche di percorso, mi chiedono il perché di questa inversione. Proverò a spiegarmi meglio.

Pensavo e continuo a pensare che il matrimonio sia l’unica richiesta che il movimento deve fare alla politica per una questione di uguaglianza sostanziale e formale. Le unioni civili come ipotizzate in passato erano fumose (anche il più recente “civil partnership alla tedesca” non faceva ben sperare). In passato, infine, si è mediato per istituti minori a diritti minori.

Il ddl presentato contiene a mio modesto giudizio due sostanziali novità:

1. parte dal presupposto che la materia trattata è in evoluzione per cui non chiude la questione, bensì la apre;

2. il testo non media per diritti minori, ma sancisce diritti uguali. L’esatto opposto dei DiCo e delle soluzioni alla Bersani, per intendersi.

Siamo anche lontani, per adesso, dallo svilimento operato sulla legge contro l’omofobia, di “renziana” architettura.

Avevo scritto nella lettera a Cristiana Alicata, infine, che se si fosse partiti da diritti uguali, anche con nome diverso, e con la tutela dell’omogenitorialità, purché inteso come primo passo, sarebbe stato il minimo sindacale su cui poter fare cadere alcuni veti iniziali.

Tempo fa sempre sulle civil partnership (si era ai tempi delle primarie del 2012 e se fossi stato un iscritto in quel contesto avrei votato Renzi, in chiave antiapparato e prima della vicenda sul ddl Scalfarotto) avevo detto le stesse identiche cose: se uguali davvero al matrimonio, se con tutela della genitorialità, se con apertura alla piena uguaglianza, si sarebbe trattato di un primo passo accettabile. Insufficiente ma accettabile.

La mia posizione è questa a livello di politica istituzionale. Se in parlamento questo si discute su questo dobbiamo confrontarci.

Vero è l’esempio di Rosa Parks, per cui si batteva per gli stessi sedili dei bianchi. Ma con i diritti previsti (a meno che a livello giuridico non ci siano cavilli nascosti, ma io non ho queste competenze per dimostrare l’esistenza di eventuali trappole), non si tratta di qualcosa di diverso bensì delle stesse identiche prerogative.

Adesso io non ho proposto entusiastiche adesioni o iscrizioni in massa al Partito democratico. Ho usato le parole “sostegno vigile”. E ho pure spiegato i passi che secondo me vanno a favore della credibilità del progetto.

Va da sé che se il testo dovesse essere peggiorato la situazione muterebbe radicalmente. Perché cambierebbe il piano dell’uguaglianza sostanziale.

Per altro vi faccio notare altri due aspetti fondamentali della vicenda.

In primo luogo: si accusa il movimento di disfattismo e incapacità di politiche costruttive. Avviare caute aperture in merito significherebbe inchiodare i partiti a prendersi le loro responsabilità oggettive. Se questo progetto fallisse, sarebbe la riprova che è la politica l’ostacolo maggiore alla nostra felicità e non certo il movimento a fare da ostacolo (anche perché il movimento non vota in parlamento).

Secondo aspetto: essere possibilisti su queste civil partnership non significa credere che Pd e Scelta Civica le approveranno. Su questo continuo ad avere forti dubbi. Non significa di conseguenza rivalutare a priori la qualità politica di questi soggetti né consegnar loro le nostre intenzioni di voto.

Abbiamo in pratica la possibilità di obbligare questa gente con i loro strumenti e la loro strategia a fare parte dei nostri interessi. Se falliscono, ci perdono la faccia loro. Se ci riescono, vinciamo noi. Anzi, cominciamo a farlo.

Siamo sicuri/e, e lo chiedo anche qui, che sia strategicamente lungimirante non perseguire questa strada? Io sono dell’idea che essa vada tentata. Per ottenere i diritti del matrimonio o per dimostrare una volta per tutte che questi partiti sono i nostri veri nemici politici.

Primarie, voterò Civati. E poi libera tutti

In poche battute: alle primarie di domenica voterò Civati, perché mi sembra un uomo di sinistra, una sinistra moderna, europea e coraggiosa.

Perché non ha paura, soprattutto quando si parla di questione LGBT, di usare le parole per quello che sono: sì al matrimonio, sì alle adozioni, sì alla tutela dell’omogenitorialità.

E mettiamoci pure che conosco personalmente molti/ volontari/e che si sono impegnati/e nel sostenere e mandare avanti questa candidatura, e sono persone valide, impegnate, limpide. Amici e amiche di cui mi fido.

Per queste ragioni mi recherò ai box di un partito a me sostanzialmente inviso e gli darò l’ultima chance di essere ancora “credibile” sul panorama nazionale. E coerentemente, se dovesse vincere Civati potrei anche pensare di votare in futuro in una coalizione di centro-sinistra. E si noti il condizionale.

Se invece non dovesse vincere e dovessero andare a capo della segreteria Renzi o Cuperlo, in quel caso scatterebbe il ragionamento opposto. Mani libere sul dopo, e pazienza se alle primarie ti sei “impegnato” a votare Pd anche alle prossime elezioni politiche. Questa logica della cambiale in bianco e questa pretesa di fedeltà da parte di un partito che ha sempre tradito tutte le sue promesse elettorali – e di conseguenza milioni di elettori ed elettrici – è francamente ridicola. Se poi i dirigenti piddini vogliono essere presi in giro, sarà un piacere regalar loro due euro e quest’illusione.

Faccio notare, infine, come sia attualmente bersaglio di renziani, su Twitter, che stanno contestando questo mio modo di pensare. Una di loro sostiene che il mio non votare centro-sinistra, un domani, coinciderebbe col voto alla destra. Le ho fatto notare che esistono liste come il M5S o Rifondazione, che non sono proprio filoberlusconiane… mi ha risposto che sarebbe comunque o un voto fascista, il mio, o sostanzialmente “inutile”. Evviva la democrazia, insomma.

Un altro renziano, invece, mi sta addirittura suggerendo di non andare proprio. O scelgo Renzi o me ne sto a casa. Oppure se voto Civati, secondo la sua logica, sarò poi obbligato a votare Pd. Mi piacerebbe proprio vedere come mi costringeranno a farlo. E se questa è la democrazia dei renziani – o voti me o stai a casa – vedo un futuro ancora più cupo del ventennio appena trascorso.

Anche per queste ragioni, tolto un Cuperlo che significherebbe optare per un Pd per come è sempre stato – ovvero dannoso, inutile e bugiardo – ancora una volta vedo il voto a Civati come l’ultima speranza per il centro-sinistra in questo paese.

Marattin, l’orifizio di Vendola e la pianta dell’omofobia

Ok, diciamocela tutta: tale Luigi Marattin ha fatto una enorme cazzata – o per usare il suo linguaggio, mutuato a sua volta da quello di Vendola, ha eretto un monumento colossale di fallica forma col suo volto stampato sopra.

Per chi ancora non lo sapesse, questo signore, assessore renziano a Ferrara e in quota Pd, dopo aver sentito il governatore pugliese che decretava la sconfitta di Renzi, ha lasciato su Facebook la seguente dichiarazione:

Dubito che ci fosse, in quelle parole, un diretto attacco omofobo contro il leader di SEL. Eppure quella dichiarazione, e le altre a venire per giustificare questa caduta di stile – tra cui emerge un elogio al Don’t task, don’t tell, monumento dell’omofobia nell’esercito americano – hanno un retroterra spiccatamente omofobo.

Perché?

Innanzi tutto, l’espressione in sé richiama alla sodomia. E la sodomia, nei secoli dei secoli, non è mai stata vista come qualcosa di cui essere particolarmente fieri. Poi, e siamo pure d’accordo, noi abbiamo desemantizzato, per cui un “vaffanculo” è divenuto un insulto generico, al pari di un “va a cagare” di sgarbiana memoria o di un più elegante “va a quel paese”. Ma se volessimo fermarci alle origini, l’omofobia c’è.

In secondo luogo: in linguistica esiste una branca che fa leva sulla percezionalità del fatto linguistico. In altri termini, se io dico una cosa e quella affermazione richiama in molti una sensazione specifica, quella sensazione esiste. È il caso di alcune parole, che i dialettologi non sanno se inserire tra quelle dell’italiano o, appunto, dei dialetti. E allora un approccio percezionale ci può venire in aiuto: se per i parlanti l’uso del termine x ha valore dialettale, allora siamo dentro il dialetto.

Mutatis mutandis, ciò vale pure per le affermazioni di Marattin. Magari non perché lui abbia voluto dare questo significato, ma depositandosi su un gay, per altro già bersagliato dal fuoco degli insulti omofobi, quella dichiarazione è divenuta, sic et simpliciter, una boutade omofoba.

E sia ben chiaro, non venitemi a dire che questa è la prova provata che non si possono più attaccare i gay. Perché poi mi dovrete spiegare:

a. perché mai dovrebbero essere attaccati, i gay
b. perché non si rilancia quest’accusa ad altre categorie o minoranze.

Infatti, e siamo al terzo punto, quando parliamo di minoranze, parliamo di minority stress, ovvero il castello di accuse, discriminazioni, insulti, ecc, che si fanno ai danni di quel gruppo specifico. In base a ciò si è molto più sensibili, oggi, a non fare battute di un certo tipo su ebrei, neri, in parte sulle donne – ma solo in parte – sui portatori di handicap, gruppi religiosi e via dicendo.

In altre parole: Marattin non avrebbe usato, molto probabilmente, frasi del tipo “tornatene al tuo paese, scimmia” contro un nero, oppure un “sei roba da forno” contro un ebreo. Invitare a “dar via il culo” – e scusate l’apertura petrarchesca, ma di questo stiamo parlando grazie al nostro nuovo eroe – se applicato a un gay, pubblico e visibile, muove molte sensibilità.

Marattin questo non lo ha previsto. O non lo ha potuto (o voluto?) prevedere. Questo lo renderebbe inadatto a ricoprire una carica pubblica – se fossimo in un paese civile, va da sé – perché ha reso più fertile, e manco senza saperlo, il terreno sul quale prospera rigogliosa l’erbaccia dell’omofobia. E questo è un fatto grave, a prescindere o meno dalla sua intenzionalità.

Concludo con un ultimo consiglio a quanti, dentro il Pd – soprattutto i bersaniani – si stanno stracciando le vesti in seguito all’accaduto: vi ricordo che il vostro presidente, al secolo Rosy Bindi, dice cose anche peggiori. Non usa parolacce e immagini simili, ma è decisamente peggio. Se volete far pulizia, ed essere un minimo credibili, cominciate anche da lì.