Ferite e feritoie

Cuore-FeritoOggi ho appreso che il prezzo da pagare per non essere monadi è quello di accettare la nostra sensibilità. E che si è sensibili laddove si è feriti. Perché è in quella lacerazione che riusciamo a far entrare l’altro. Questo non significa ritornare dentro quel dolore, ma tornarci sopra, per guarirlo o per tentare di farlo.

Ho anche capito una verità forse da un po’ dimenticata: troppo spesso chiediamo agli altri il permesso di essere liberi. Succede quando teniamo in considerazione il loro giudizio. E questo ci fa perdere noi stessi.

E poi c’è quella storia dei rami secchi. Che li tagli e ci fai una piccola catasta e dai fuoco a tutto. Per non guardare l’albero della tua vita. Perché a volte è più comodo distruggere. Come è più semplice dimenticare o far finta di nulla di fronte al dolore. Ma non funziona esattamente così. La legna brucia, diventa cenere. Ma sotto, il fuoco arde ancora e può tornare in fiammate improvvise. E illumina il tuo albero, la tua esistenza, le verità dimenticate, i nuovi saperi.

Basta solo un po’ di coraggio in più. Per trovarlo, ne serve molto. Ma non è detto che sia impossibile.

Annunci

Ombre d’agosto

L’estate non è solo il tempo della luce. Perché per quanto possa essere luminosa, una stella, genera ombre. E tanto più forte è il chiarore, tanto più spesse le tenebre, alle sue spalle.

Credo, o almeno così ho imparato, da solo, che crescere significhi cedere pezzi di te destinati a portare sofferenza, inazione, circoli viziosi. Tagliare i rami secchi. Amputare gli arti andati a male. Sostituire organi che non funzionano più.

Cesoia. Un volo che richiede più sforzo. Dolore alle ali. Bisturi. Il rimedio non è mai indolore.

Ma come sempre accade, di fronte a una malattia che ti mette alla prova, per affrontare il taglio, i punti, la sutura, la riabilitazione, pensi a quello di buono che c’è. Pensi alle cose belle della tua vita. Pensi al bene che, da solo, sei in grado di creare. Di donare agli altri. Anche se non sempre, tutti se ne accorgono. E come dico sempre, in questi casi, se il vaso non è in grado di contenerlo, non è certo colpa del fiume.

 Aspetterò, allora, che il sole si faccia meno arrogante. Per respirare meglio e profondamente. Per rendere le ombre meno dure. Per andar oltre, rispetto alla vita di chi non mi vuole. Per appropriarmi, in pieno, della mia.