O come dicevan tutti, Renzi

Premetto una cosa, affinché su questo io possa essere molto chiaro da subito: sono dell’idea che Renzi abbia tutto il diritto di correre alle primarie, di vincerle e di guidare il Pd e il prossimo governo, in caso di vittoria elettorale. La democrazia, per altro, è l’arte del possibile…

Per tale ragione non mi stupisce che il sindaco di Firenze abbia diversi sostenitori, sia tra le file dei big della politica, sia tra le persone comuni. E non mi stupisce nemmeno che dietro i suoi sostenitori politici ci siano persone come Alicata e Scalfarotto, esponenti della comunità LGBT.

Capisco di meno le critiche di chi vede in Renzi il male del mondo. E men che mai le capisco se provengono dall’interno del suo partito. Lo etichettano, infatti, come il “nuovo Berlusconi”, quando si dimentica però che il Pd è stato uno degli alleati di ferro del sistema berlusconiano – se non c’era questa attuale classe dirigente, il cavaliere non sarebbe sopravvissuto alla prima legislatura, e invece…

Oppure lo additano come probabile responsabile della svolta “a destra” che subirà il Partito democratico in caso di una sua vittoria. Ricordo, ancora, che quella svolta a destra c’è già stata addirittura dentro i DS: fu D’Alema, ad esempio, a permettere che venissero finanziate le scuole private – leggi: cattoliche – che, secondo la Costituzione, non dovrebbero ricevere nemmeno un soldo pubblico. E invece.

Se Renzi dovesse diventare il leader del Pd, penso, finalmente quel partito completerà una dolorosa ma necessaria (per esso) transizione tra posizioni identitarie novecentesche e una nuova dimensione pragmatista e post-ideologica di nuovo millennio. Si definirà di centro-sinistra, per non dispiacere al suo elettorato. Ma sarà uno dei tanti partiti conservatori europei, forse pure moderatamente accomodante su alcune questioni – diritti civili, fine vita, ecc – ma pur sempre un partito di destra economica, vicino alle istanze dei vari Marchionne, Marcegaglia, ecc.

Cosa che, vi ricordo, è già: basti pensare agli osanna dei vari Chiamparino al modello Marchionne… Solo che adesso nessuno, dentro il Pd, può dirlo apertamente.

Per cui non mi scandalizza e non mi sembra strano che esponenti del mondo LGBT sostengano Renzi e, come si sostiene, fosse anche in previsione di poltrone sicure (e chiarisco anche su questo punto: per me è legittimo sostenere qualcuno per crescere politicamente e avere riscontri in tal senso). Perché se vincesse Bersani, o se gli stessi fossero a favore di quest’ultimo, le dinamiche rimarrebbero immutate nella gestione dei rapporti di potere dentro il partito – tradotto: io ti sostengo, tu mi dai una poltrona – e le politiche economiche e sociali sarebbero in direzione degli interessi del capitale, soprattutto del grande capitale, con qualche magro contentino alle classi lavoratrici.

Certo, vero è pure che Renzi piace un sacco a Adinolfi, che è omofobo. E a Paola Binetti, che sta alla democrazia come Giuliano Ferrara sta al fitness. Ma questo è un problema interno a un partito che non riesce ancora a esprimere una classe dirigente che obbedisca a due criteri fondamentali: essere progressista e di respiro europeo.

Per cui, ben venga pure Renzi, a guidare il Partito democratico. Non sarà peggiore di Massimo D’Alema (per cui finanzierà la scuola privata, impoverendo quella pubblica) o di Rosy Bindi (prevederà istituti minori per le coppie gay, scongiurando che si arrivi al matrimonio) e così via.

Io – stando così le cose – continuerò a non votarlo. Lui e il suo partito. Come ho sempre fatto.

Lettera aperta alla militanza (e a qualche amico) del pd

A questo punto dovrei scrivere e declamare a gran voce: io l’avevo detto. E infatti, lo sto facendo. L’avevo detto che la commissione sui diritti era una farsa. Anzi, peggio, un imbroglio. Bastava vedere chi c’era a capo: Rosy Bindi. Come mettere un simpatizzante del Ku Klux Klan in una commissione sui diritti dei neri. Come mettere un deputato amico dei mafiosi alla Commissione Giustizia. Come mettere una suora e il suo cilicio mentale nell’olimpo di ogni felicità.

Per l’ennesima volta, da quando è nato, dai tempi bui e ridicoli dei DiCo, il partito che si candida a governare il paese non è nemmeno capace di pronunciare le parole per quelle che sono. Non solo non sapete dire, cari amici e amiche “democrats”, termini semplici quali “matrimonio”, “amore”, “affetto”. No. Passi per Bindi, che di amore – lo si vede dai segni che l’inappetenza emotiva del credo di cui si fa portatrice, ben lontano dal messaggio di Cristo, e più vicino alla real politik vaticana, ha lasciato in modo indelebile sul suo corpo: avete fatto caso che la signora in questione non sorride mai? – di amore, dicevo, evidentemente non ne ha più memoria. Ma Bersani? E tutti gli altri? Ma siete così ridotti male, nell’inseguire le logiche di un pensiero talmente vecchio che esso stesso, se potesse, vi definirebbe obsoleti, asciutti, polverosi?

La direzione nazionale del partito democratico ieri ha dimostrato due cose.

La prima: il pd è un partito che tradisce il suo nome stesso. È democratica un’organizzazione che impedisce ai suoi rappresentanti di votare, in nome di una disciplina di partito che, almeno a parole, faceva orrore già ai tempi del PCI? E un partito che dice di essere una cosa – democratico – e poi obbedisce ai peggiori istinti clericali e veterocomunisti, può mai avere un’autorizzazione politica a governare il nostro paese, già martoriato da vent’anni della peggior politica mai attuata nell’ultimo secolo e mezzo?

La seconda: basta aver letto per pochi minuti Twitter per essersi resi conto che moltissima gente, eterosessuale e non, ha provato un profondo disgusto per quanto accaduto ieri. Riporto alcuni tweet che secondo me sono importanti:

Pietro Raffa Inseguire il 6% di Casini continuando a ignorare che c’é un mondo là fuori.

Daniele Sensi La base del PD è chiamata ad un grave atto di responsabilità: mollare il PD.

Cetty D. A che ora è la camera ardente del PD?

Andrea DiSt strano! Il #PD nato per salvare dirigenti finiti e la sxDC ha dimostrato di essere la sx DC piena di dirigenti finiti del PCI.

luca trentini Vergogna al PD! Ma democratico dove? Riformisti? Chiamatevi DC e non ne parliamo più! Il mio voto non lo avrete mai! Indignato!

Dabliu (Non che ci fossero dubbi ma…) Il mio voto non lo vedete manco col binocolo. Adieu.

stefano boeri Un Partito riformista europeo che non prende posizione netta sulle #unionicivili e sui #matrimonigay non è un partito riformista europeo.

Ebbene, forse vi sfugge un’evidenza fondamentale. Questa gente è “moderata”, nel senso che non cadrebbe nella categorizzazione che vuole l’arena politica divisa in “estremisti” e non. Tradotto in termini più pratici: nessuno di loro, a leggerli, auspica i carri armati sovietici o il disordine – inteso come casino – del più becero antagonismo. Sono, in altre parole, vostri potenziali elettori. Qualcuno è, addirittura, pure di casa vostra.

Avete perso, e forse definitivamente, una fetta di elettorato. Gay, gay-friendly e critico. Forse lo fate per avere i voti di Casini – senza curarvi del fatto che ha portato in Parlamento personaggi di spicco come Romano e Cuffaro – e l’appoggio del Vaticano. E forse vi sfugge. Ed è grave. Ma forse, ed è più grave ancora, volete proprio questo. E questo è abominevole. Come l’omofobia di Rosy Bindi, l’opportunismo di D’Alema, l’incapacità politica di Bersani.

Ancora, una critica va a chi, a cominciare dai miei amici e dalle mie amiche più importanti, ci milita. Leggo, sul Fatto, quanto segue:

All’assemblea nazionale dei Democratici, che ha approvato con cinque astenuti e un voto contrario la relazione del segretario Pierluigi Bersani, si è deciso di non votare un ordine del giorno sulle unioni omosessuali. La spiegazione ufficiale è tecnica: l’odg sarebbe precluso dal momento che è già stato votato in precedenza un documento sui diritti degli individui.

Mi chiedo: dov’eravate voi, ieri, quando si trattava di votare? Perché avete accettato il documento di Bersani? Perché c’è stato un solo voto contrario? Il pretesto per cui non vi è stato fatto votare, non vi fa capire che nutrire dall’interno questo sistema equivale a dare linfa a un cancro che, invece di essere convertito in organo, sta divorando anche voi?

Riporto, a tal punto, un articolo di Zambardino, che chiama a una presa di responsabilità personaggi noti come Scalfarotto e Concia:

Siete persone indipendenti, con una vita, devo credere che “star dentro” ubbidisca a motivazioni diverse dal dar vita e corpo alla battaglia per la quale tutti ritengono che “siate lì’?” Magari qualcuno fra voi si sente un “dirigente complessivo”? Non sbagliatevi fino a questo punto: siete lì perché siete ciò che siete.

Nessuno vi vuole confusi nel calderone dell’estremismo omosessualista che sta alla vostra sinistra – non vi si vuole così male. Ma diciamocelo: il risultato di questi vostri quattro anni sono disperanti. Altrimenti ditela tutta e fino in fondo: state nel Pd perché vi fa comodo. Un paio di opportunisti in più non ammazzeranno nessuno.

Miei cari amici e amiche del pd, temo che dopo ieri, l’assemblea di partito di cui fate parte, a pieno titolo, ha dimostrato a me, a voi e a molti altri/e che se vogliamo diritti veri non abbiamo altra scelta che l’emigrazione. Il vostro partito ha fatto una scelta, quella di creare un apartheid giuridico. E per quanto vi ostiniate a non volerlo vedere e a sperare il contrario, la vostra permanenza autorizza e dà forza a questo stato di cose. Non le parole del nemico sono tremende, ma il silenzio degli amici. E rimanere lì, vi porterà a non dire molte cose. È questo che volete?

Basterà vedere l’ennesima perifrasi usata per chiamare l’amore di cui siamo capaci: “presidio giuridico”. Vi dico una verità: l’altra sera ho baciato un ragazzo, che ha gli occhi bellissimi e la cui tenerezza ha dato un senso all’universo intero. I presidi mi ricordano i militari, agli angoli delle strade, con il mitra in mano. Quando ho abbracciato il cielo, non pensavo ad armi o fucili. Quella parola, presidio, non può descrivere né l’emozione di un momento, né il progetto di una vita.

Quella parola fa paura, perché è cattiva e inutile.

Un po’ come rischia di diventare l’aggettivo democratico se continuate a utilizzarlo per descrivere un partito che assomiglia sempre di più a una navata polverosa del più anonimo corridoio vaticano. E lì ognuno, poi, proprio perché dentro quel sistema, dovrà assumersene ogni responsabilità.

SEL 2010: rinasce la Sinistra italiana (con qualche se e qualche ma)

Finalmente un leader che dice delle cose di sinistra. E dice cose che non hanno niente a che fare con D’Alema, il suo grigiore e la sua vicinanza culturale e politica all’Opus Dei. A cominciare dalle famiglie gay e lesbiche. Laddove D’Alema le insulta, Vendola spende parole a loro favore.

«Cosa vi ha ferito e vi ferisce, due persone dello stesso sesso che si amano, o le politiche liberiste che hanno impoverito la famiglia?»

Parole parziali – che a onor del vero Bersani non saprebbe nemmeno come pronunciare – ma pur sempre di tono diverso dell’ex leader diessino che, sempre facendo leva sul sentimento religioso di questa Italietta berlusconiana, le invitava a non emulare il matrimonio per non offendere il sacramento cristiano. Quanto meno, Vendola, in questo caso, non ha peccato di ignoranza e di squallore intellettuale.

Ma non è tutto. Il neopresidente di SEL, acclamato all’unanimità al congresso che si è appena svolto, ha parlato di grandi temi sociali e politici. Ha parlato di lavoro, ha ricordato Moro e ha suggerito a certi partiti, che si ostinano a pensare di poter interpretare i bisogni del paese ma incapaci di darne una lettura concreta – e in questo sta la loro ugualità (per cui definire identici pd e PdL non è qualunquismo, è analisi del vero) – che anche il leader democristiano avrebbe capito la piazza della FIOM.

Diritti civili e diritti sociali portati sullo stesso livello. Questa è sinistra. E la sinistra è rinata, in un partito piccolo che fa leva su un leader carismatico, altra grave mancanza di ciò che rimane di quella sinistra italiana che giace sulle macerie di un cattocomunismo che ha permesso il ventennio berlusconiano.

Vendola, per fortuna, ha il carisma che manca al soporifero Bersani e una visione politica che farebbe (e di fatto fa) invidia a quei generali che conquistano solo brucianti sconfitte quali il già citato D’Alema o l’inutile e dannosissimo Veltroni.

Tutto questo lascia ben sperare.

Certo, il discorso del governatore della Puglia ha le sue ombre. Troppo morbida, quasi compiacente, la sua affezione per i cattolici. Secondo me ha fatto male a prestare il fianco ai cattolici. Il clericalismo da lui citato si combatte proprio con l’anticlericalismo. È ora di abbattere i privilegi della chiesa, non dare corda a un’istituzione che per metodi e effetti sociali ricorda sempre di più una riproposizione in chiave pseudo-spirituale di fascismi e mafie varie, i quali non si sono combattuti e non si combattono con il dialogo, ma eliminandone le certezze economiche e le influenze politiche.

Che poi, dietro questo disegno, ci sia della buona fede (nel senso che Vendola, secondo me, crede davvero di intrecciare un’alleanza programmatica con certi personaggi) e alte finalità politiche è abbastanza evidente. Peccato, tuttavia, che se ti allei con gli esponenti di una élite che pare sia culturalmente più vicina al tradimento di Giuda che al sacrificio di Cristo, alla fine ci rimani fregato. La storia dovrebbe insegnarlo.

Al di là di queste ombre, gravose per l’appunto, il progetto di SEL appare di ampio respiro. Il nuovo partito si colloca idealmente in quell’ambito di rinnovamento sociale che ha radici solide – i legami col marxismo senza assumerne il velleitarismo rivoluzionario – ma che guarda al presente per costruire il tempo a venire. Un presente in cui i problemi sono quelli dei cassintegrati, della scuola ridotta a un cumulo di rovine del sapere, degli operai che difendono il loro posto di lavoro nonostante personaggi di dubbia “qualità” umana come Marchionne, degli immigrati che aiutano a ripopolare il paese con energie nuove e con spirito di sacrificio, di milioni di persone GLBT che vanno avanti in una quotidianità che continua a non (pre)vederli.

La sinistra, al congresso di SEL, è perciò rinata. Se il partito democratico ha a cuore le sorti del paese, come dice da quando è nato, pur avendo consegnato il paese a Berlusconi, dovrebbe limitarsi a fungere da bacino elettorale per il disegno vendoliano: affermazione che può apparire offensiva o provocatoria, ma che a ben vedere richiama un’altra realtà, visto che l’elettorato del pd ha digerito in modo quasi egregio la svendita dei valori della sinistra al progetto neoclericale portato avanti da gente come Rutelli, Fioroni, Bindi, Binetti e compagnia (non) bella. E questa alleanza dovrebbe includere anche l’Italia dei Valori e i Radicali, le cui forze propulsive non possono che portare un beneficio alla nuova sinistra italiana, a quello che appare, oggi più che mai, come l’unico leader possibile e, in definitiva, al paese che ha davvero l’ultima chance per salvarsi dal disegno berlusconiano.