Come farà Renzi a fare una legge sulle civil partnership?

riuscirà il governo a fare le civil partnership?

Premetto due cose, in merito alle dichiarazioni di Renzi sulla futura legge per le unioni civili da settembre: la prima, la mia posizione sulle civil partnership l’ho già chiarita in un post apposito, con tanto di spiegazioni ulteriori; la seconda, se venisse approvato un ddl come quello presentato a dicembre, con questo parlamento e questo governo, sarebbe sicuramente un progresso di cui tener conto.

Per chi non ha tempo o voglia di leggere, faccio una scaletta dei punti salienti:

1. sostegno, anche da parte del movimento, alle unioni civili con diritti uguali al matrimonio e stepchild adoption come nel ddl già presentato

2. pretesa, da parte delle associazioni, di nessuno sconto ulteriore sui nostri diritti, partendo dal presupposto che QUESTO parlamento è quello che è

3. obbligare il Pd con i i suoi  strumenti e la sua strategia a fare parte dei nostri interessi. Se falliscono, ci perdono loro la faccia. Se ci riescono, vinciamo noi. Anzi, cominciamo a farlo.

Quindi, nessun disfattismo, nessun “gufare contro” – che ha sostituito il mantra berlusconiano del “remare contro” – nessuna volontà, masochistica o di qualsiasi altra natura, di rimanere nell’attuale situazione di stallo.

Fatte queste premesse, mi chiedo: il governo è fatto ancora con Alfano e la maggioranza è quella di un anno fa. La legge sull’omofobia è impantanata al Senato – dove i numeri sono quelli che sono – e dai ranghi dello stesso Pd si lascia intendere che non verrà mai approvata. Teniamo conto che quella è una legge blanda e inefficace. Se non vogliono far passare un provvedimento del genere, come spera Renzi di riuscire a ottenere un decisivo cambio di rotta in tal senso? Perché non è che uno non vuole sperare, ma la speranza andrebbe supportata da presupposti di un certo tipo. E i presupposti non giocano, al momento, a nostro favore.

Poi, va da sé, mi aspetto di essere stupito. Anche perché, prima o poi, toccherà sposarsi che abbiamo pure una certa età. O no?

Il dibattito italiano sui diritti dei gay? Un porno

Scusate se mi autocito:

porno

Per chi non lo sapesse (riassunto delle puntate precedenti): i renziani hanno depositato in Parlamento un disegno di legge sulle unioni civili, ma Angelino Alfano stoppa il segretario del Pd, ricordandogli che prima c’è la “famiglia” (e si spera che non intenda la connotazione siciliana del termine).

La domanda sorge spontanea: chissà perché la destra italiana si ricorda delle famiglie solo quando c’è da stoppare i diritti di gay, lesbiche e trans.

 

Onorevole Amoddio, difenda pure gli omofobi ma non offenda la mia intelligenza

Riporto qui di seguito la risposta dell’onorevole Amoddio (Pd) al mio articolo sulla sua esigenza di difendere le posizioni omofobe del suo elettorato.

Illustre Elfobruno, il fatto che, come apprendo dalle sue note biografiche, lei si nutra di letteratura fantasy, evidentemente deve averla abituata al mistero, al colpo di scena risolutore. Io invece, mi nutro di diritto e di contatti umani fondati sulla verità e sono abituata alle norme, ai commi, al pragmatismo delle leggi. Mi permetto di commentare il suo post per fare un po’ di chiarezza. Nei giorni scorsi ho ricevuto centinaia di mail: una parte di chiara matrice xenofoba, un’altra, di cittadini italiani che, condizionati dalla stampa, esprimevano preoccupazione per una legge che potesse ledere il diritto di opinione. Elfobruno, inutile nascondersi dietro una mano. Nel nostro paese, voglia per ignoranza, voglia per matrici culturali fintamente cattoliche, esiste una fascia di popolazione che la pensa diversamente da lei e da me. Persone normali che, nella maggior parte dei casi non classificherei nemmeno omofobiche, ma che sicuramente non condividono tematiche come il matrimonio, o l’adozione di figli da parte di coppie omosessuali. Personalmente, nella mia vita privata, non faccio distinzioni di genere e cerco di vivere in armonia con tutti gli esseri umani, ho diversi amici che vivono senza pregiudizi e paura la loro omosessualità e credo che possiamo tutti lottare per costruire un mondo solidale e uno stato civile basato su diritti e doveri. Proprio per questa finalità ognuno può agire laddove si trova: quindi lei nel suo campo ed io nel mio. Da parlamentare sono tenuta a mediare tra le istanze, a proteggere le minoranze, a contribuire alla redazione di leggi che possano essere giuste e che possano migliorare il nostro paese. Veda caro Elfobruno, credo che lei, sicuramente in buona fede, abbia travisato le mie parole. Io ho solo cercato di spiegare in maniera semplice l’iter della legge in Commissione Giustizia. Lei deduce che sarà possibile professare la superiorità degli eterosessuali rispetto ai gay, alle lesbiche, ai bisessuali e ai trans, io le rispondo che la modifica che è stata apportata in Commissione, interviene affinché nessuno possa istigare, commettere violenza o partecipare o dare assistenza a gruppi, ad associazioni che incitano alla violenza, proprio per rispettare i diritti sanciti dalla nostra costituzione. In ogni caso apprezzo sempre il confronto onesto.
Sofia Amoddio

Gentile onorevole Amoddio,
la ringrazio per la sollecita risposta, ammetto che non c’è da aspettarselo di questi tempi da un deputato della Repubblica Italiana, impegnati come siete stati, nei palazzi, a difendere ministri dell’interno ignari su deportazioni di dissidenti politici o ad acquistare aerei per bombardare paesi dove magari esportare democrazia, per lasciar bruciare, invece, le nostre regioni italiane (mi pare che per comprare gli F35 si stia risparmiando sui Canadair: e la Sardegna e la nostra Sicilia ringraziano). Ma non è di questo che voglio parlare, bensì del suo commento di risposta al mio precedente articolo sulla sua esigenza di rassicurare gli animi degli omofobi in Italia.

Innanzi tutto mi fa piacere che lei si alimenti di diritto come io di fantasy, ma vede, mi preoccupa che lei metta sullo stesso “piano nutrizionale” la fruizione di un genere letterario a fini di svago con un lavoro che dovrebbe essere ben più di un hobby, quello dell’avvocato penalista, per di più nel suo ruolo di parlamentare. Spero vivamente che non sia la voglia di evasione dalla realtà ma l’interesse del paese a condurre la sua azione politica.

A meno che lei non abbia usato quel parallelo per alludere, sottilmente nelle pretese ma con esiti concreti abbastanza goffi, al fatto che le mie analisi siano “favole” rispetto al suo amore per la verità, data dagli studi giuridici. Non voglio pensar male, anche se spesso si indovina, e preferirò credere che le sue parole siano solo il risultato di una certa ignoranza sul tema affrontato o di un’infelicissima delega al portaborse di turno che ha preferito esprimersi in politichese – anche abbastanza indignitoso sotto il profilo della grammatica e delle scelte lessicali adoperate (a cominciare dalla confusione tra questioni di identità sessuali e “xenofobia”) – piuttosto che affrontare seriamente il problema da me sollevato.

E il problema è il seguente: di fronte a una domanda di rassicurazione sul poter continuare a sostenere posizioni discriminatorie, e guardi che esser contrari a matrimonio egualitario e omogenitorialità è omofobia per la risoluzione del Parlamento Europeo che le ho linkato ma che lei evidentemente non ha letto, è dovere del legislatore far capire che quelle posizioni non sono lecite, fossero anche maggioritarie in seno alla società italiana. Così come qualunque persona di buon senso farebbe se un elettore si sentisse minacciato dall’eventualità di non poter più essere razzista, misogino, antisemita, ecc.

Lei, purtroppo, si arrocca dietro parole come mediazione e legge, ma dimentica che molto spesso queste non coincidono col significato di giustizia. E non è giusto un provvedimento che invece di estendere la legge Mancino anche ai reati di omo-transfobia a cominciare dalla propaganda di idee di superiorità, elimina quel passaggio magari per fare un favore a certe matrici culturali sinceramente cattoliche che sull’odio delle persone LGBT basano una bella fetta della loro dottrina religiosa da Sodoma e Gomorra in poi.

Lei sostiene di dover mediare tra istanze diverse, ma io non ho visto nessuna mediazione: tra chi le chiedeva di poter continuare a essere omofobo e la difesa di una questione fondamentale di civiltà – una legge vera contro l’omo-transfobia e non quella barzelletta presentata da certi suoi colleghi di partito in intima alleanza con deputati di partiti capeggiati da criminali comuni – lei ha preferito rassicurare solo quella fetta che di società che vuole continuare a essere peggiore, rispetto a un contesto europeo e mondiale che cambia in direzione della piena eguaglianza.

La informo, ancora, che avere amici dichiaratamente omosessuali non è una garanzia per avere l’esatta dimensione di cosa sia la questione omosessuale in questo paese. Pure Renata Polverini e Michaela Biancofiore sostengono di avere amici siffatti, ma non vorrei che anche per lei il concetto di “amico gay” sia, nella formulazione da lei esibita (per altro innovativa rispetto al più vintage “lei non sa chi sono io” ma sostanzialmente analoga), l’equivalente di frequentare con assiduità qualche salone di bellezza gestito da persone omosessuali.

In buona sintesi: speravo che lei, dopo la lettura delle mie obiezioni, cambiasse opinione. Che comprendesse che sostenere e rassicurare le ragioni di una mancata eguaglianza giuridica fosse un elemento di inciviltà. Invece lei continua a difendere quelle persone che lei reputa “normali” (quindi chi è a favore di matrimonio e adozione non lo è?), ma che continuano a essere niente di più e niente di meno che omofobi.

Ovviamente è suo pieno diritto cercare di mediare tra omofobia e lotta ai crimini d’odio, anche se secondo me è psichiatricamente utile come cercare un punto di incontro tra razzismo e antirazzismo. Ma non offenda la mia intelligenza e quella dei lettori e delle lettrici di queste pagine, che si sentono umiliati/e e offesi/e dal suo presunto tentativo di metter d’accordo chi vuole un’Italia migliore e chi, invece, non la vuole affatto. Sentimento che mi porterà, e non solo a me, qualora la sua presenza fosse riconfermata nelle prossime elezioni, a non votare per qualsivoglia coalizione che comprendesse la sua persona.

Cordialmente,

Dario Accolla

I limiti culturali del dibattito sulla legge antiomofobia

Ho ascoltato ieri sera il dibattito parlamentare sulla legge contro l’omo-transfobia. Mi pare che il tenore degli interventi fosse tale da poterli suddividere, fatta qualche rarissima eccezione (e mi riferisco in particolare a Civati), in due gruppi:
1. quelli che sono proprio a favore della sussistenza dell’omofobia e della transfobia (Paola Binetti in primis, e grazie ancora “Veltroni & Rutelli” per averla creata, politicamente);

2. quelli che aprono, ma molto timidamente, a una forma di tutela.

Tra questi ultimi ho sentito troppo spesso il richiamo al messaggio di Gesù, ai vangeli, allo spirito cristiano, ai valori dell’umanità legati alla visione spirituale e religiosa della vita e amenità varie.

Nessuno (o quasi) che abbia concentrato il focus filosofico sulle seguenti questioni:
1. l’omofobia e la transfobia sono forme di violenza e in quanto tali assimiliabili, giuridicamente parlando, a crimini veri e propri;
2. anche quando una legge contro questi due crimini impedisse di proferire punti di vista contro le persone LGBT, la loro libertà e le loro relazioni, non si capisce quale sia l’esigenza di poter pensare di insultare o picchiare un gay, una lesbica o un/a trans – anche se questo può mettere in pace la coscienza del cattolico o del fascistello di turno – che non sia appunto un supporto diretto a quei crimini;
3. se il pensiero religioso ha bisogno di odio e violenza contro le persone LGBT o più semplicemente della possibilità di impedire la loro felicità, in qualsiasi altro modo, con il pretesto di poter esprimere liberamente le sue convinzioni, forse sono le convinzioni di quel pensiero religioso ad esser sbagliate e non l’eventuale legge di tutela (ne consegue che ancora una volta i cattolici non sono degni di sedere nelle istituzioni per le ragioni di cui sopra);
4. fascisti e cattolici non possono più inneggiare (almeno a parole, perché nei fatti la questione è molto diversa) fenomeni quali il razzismo, la shoah, la discriminazione delle donne, ecc. Qualcuno dovrebbe spiegarci perché è necessario mantenere quest’ultima forma d’odio, quella contro le persone LGBT, laddove invece altri fenomeni sono stigmatizzati da chiunque.

Concludendo: se un provvedimento è giusto non ha bisogno dell’avallo religioso per essere moralmente giustificato. Se lo si cerca ad ogni costo si sottopone a una sudditanza culturale di tipo confessionale una battaglia di civiltà che dovrebbe avere valore di per sé.

Mi pare che il tenore della discussione abbia cercato quel tipo di legittimazione. Si chiede a una confessione, che in quanto fede umana è sempre parziale, il permesso di poter avviare conquiste di progresso sociale dal valore universale per il benessere collettivo. Capirete da soli i rischi di questo processo e, di conseguenza, perché questo tipo di approccio sia profondamente sbagliato. Il parlamento italiano, purtroppo, insegue questo errore.

Pd. Meno elle. E più berlusconiano che mai

La dinamica dell’azione politica del Partito Democratico è molto semplice. Si parte dal presupposto che bisogna affrontare una questione e superare l’eventuale ostacolo che insorge. E il Pd quindi elabora idee e spende energie per trasformare l’ostacolo in norma e per mantenere inalterata la questione. Adducendo giustificazioni sostanzialmente imbecilli, per difendere l’indifendibile

Cercherò di essere schematico.

È già successo con la questione dei diritti per le persone LGBT.

  • La questione era: occorre dare diritti e tutele a vario titolo a gay, lesbiche, bisessuali, trans, ecc.
  • L’ostacolo: la matrice cattolica del partito, che poi rappresenta (secondo loro) la comunità dei fedeli del paese non è d’accordo.
  • La soluzione: si fa una legge, come quella attualmente in discussione sull’omofobia, che permetta all’ala cattolica del partito di essere omofoba e non si danno reali garanzie ai/lle destinatari/e del provvedimento in questione.
  • Giustificazione: il governo di larghe intese prevede che anche il PdL possa dire la sua in merito e poi meglio poco che nulla.

In passato è successo coi DiCo. I gay e le lesbiche volevano un provvedimento che riconoscesse le loro unioni di fronte allo Stato. Il Pd elaborò un DL che sanciva, invece, per legge che due gay o due lesbiche non costituivano una coppia. Queste “non coppie” potevano avere determinati diritti, ma dimezzati, a condizione che dimostrassero una moralità maggiore rispetto alle coppie sposate – per cui i diritti arrivano invece subito e per intero. Con la giustificazione che bisognava assecondare anche le idee degli omofobi, pardon, del cattolici. E poi, va da sé, meglio poco che nulla.

Adesso succede con l’ennesimo ddl salva-Berlusconi, stavolta firmato da Zanda e da altri senatori democratici. Ripercorriamo lo schema appena proposto.

  • Questione: Berlusconi, in quanto accusato e giudicato da un tribunale di aver commesso reati, non può più sedere in Parlamento.
  • Ostacolo: il PdL è un alleato di governo, per cui se Berlusconi viene condannato a essere ineleggibile, il PdL fa saltare il governo.
  • Soluzione proposta: cambiamo la legge e, tramite l’incompatibilità, permettiamo a Berlusconi di rimanere in Parlamento per almeno un anno… (poi magari cade il governo, Berlusconi viene rieletto e si fa una legge apposita che lo salverà definitivamente).
  • Giustificazione: la legge esistente è vecchia va rinnovata, con una più moderna (sì, eliminando la pena e sostituendola con un favore a chi la pena dovrebbe scontarla).

Quest’altra perla di politica piddina si aggiunge a una lunghissima serie di favori fatti al leader della destra italiana. Epifani si difende: la proposta è vecchia di un mese. Non si rende conto, evidentemente, come questa dichiarazione aggravi la posizione del suo partito. Evidentemente dentro il Pd vogliono prevenire l’azione della giustizia con leggi ad personam che, stavolta, arrivano addirittura con l’avallo dell’elettorato del centro-sinistra. E pensare che con il voto sulla sospensione dei lavori parlamentari pensavamo di aver raggiunto il colmo…

Credo che i tempi siano maturi per la fusione tra Pd e PdL. Finalmente ex compagni e supporter di Silvio potranno stare tutti in un’unica squadra. E, tanto per ritornare sul discorso d’apertura, potranno pure essere omofobi, senza sensi di colpa.

Oggi su Gay’s Anatomy: “Potevamo avere il matrimonio…”

Il Movimento 5 Stelle si sveglia tutto ad un tratto e chiede il matrimonio egualitario e si accorge che Berlusconi è il male della democrazia italiana, per cui ne chiede l’ineleggibilità.

Peccato che… (il resto lo trovi su Gay’s Anatomy).

Primi segnali di rinnovamento, targati Pd-Sel-M5S

Bene il centro-sinistra. Davvero. E chi mi conosce sa quanto io sia stato feroce nei confronti del Pd in questi anni. Ma l’elezione di Boldrini alla Camera mi fa ben sperare che qualcosa in quel partito possa cambiare davvero. E chissà che non diventi, un giorno, la mia casa politica.

Qualche dubbio, invece, lo nutro per Grasso. Non perché pensi che non sia una persona per bene, ma ha elogiato la lotta “anti-mafia” di Berlusconi. Insomma, quest’affermazione mi ha lasciato estremamente perplesso, a suo tempo.

A tal proposito c’è gente che mi dice che se il capo della DIA ha elogiato il passato governo qualche ragione dovrà pure averla. E che non si può buttare tutto il berlusconismo a mare. Per il garantismo, la buona fede e quelle cose lì.

Io penso, tuttavia, che dopo vent’anni di berlusconismo essere garantisti è come leggere per la seconda volta tutto Harry Potter e sperare, fino all’ultima pagina del settimo libro, che Voldemort diventi buono e si converta al bene. Ma queste sono elucubrazioni domenicali e mattutine di un elfo che non ha ancora preso il suo caffè.

Poi per carità, penso che Grasso sia una persona a modo e credo che farà del bene, in Senato.

Per il resto, un ultima considerazione: credo che tale rinnovamento, dentro il parlamento, sia dovuto in parte anche all’azione rinnovatrice del M5S. Se così fosse, ne conseguirebbe che il movimento di Grillo farebbe solo bene alla democrazia e alle nostre istituzioni. E proprio per questa ragione, proprio per quel desiderio di novità e di trasparenza, nel nome del bene collettivo, l’unica alleanza possibile in questo momento per questo paese è quella tra Pd, SEL e M5S.

Quella classe dirigente, tanto inadeguata, ha comunque dato prova di cambiamento. Ripeto, coi grillini e con il loro fiato sul collo. Altrimenti ci saremmo ritrovati ancora mummie istituzionali quali Franceschini e Finocchiaro (e magari Amato alla presidenza della Repubblica).

Speriamo solo che il M5S segua il buon senso dimostrato da alcuni dei suoi al Senato. Perché qui non è importante il disprezzo di Grillo per le intellighenzie di Pd e PdL. Qui c’è di mezzo il paese, i suoi interessi e il futuro di tutti e tutte noi. Se non fosse chiaro.

Matrimonio egualitario: Vendola getta la maschera

Nichi Vendola, intervistato da Maria Latella, ha dichiarato su Sky:

Io proporrò una legge che consenta l’adozione alle coppie gay, una legge per il riconoscimento dei matrimoni omosessuali. Tutto questo, però, appartiene alle prerogative del partito, non è nel programma di governo, ma riguarda l’impegno di Sel in Parlamento e nella società.

Credo che queste affermazioni necessitino di alcune considerazioni e di qualche domanda.

In primis, i temi presenti nei programmi dei singoli partiti, soprattutto dentro una coalizione, trovano la loro legittimazione proprio dentro l’azione di governo. Lo scopo di SEL dovrebbe essere, se dovessero vincere le elezioni, quello di portare aspetti preminenti del suo programma dentro l’esecutivo di cui intende far parte. Evidentemente per Vendola la questione dei diritti civili non è preminente.

Poi: qualsiasi punto specifico di un singolo programma di partito potrebbe creare tensioni dentro l’azione di governo. Mi chiedo, e Vendola dovrebbe chiarircelo: questa stessa prudenza verrà applicata su temi quali le politiche sociali, il lavoro, l’articolo 18, l’acqua pubblica, le missioni all’estero, ecc?

Ancora, e in caso non affermativo circa la domanda precedente: Vendola dovrebbe ancora spiegarci come mai ha deciso di tenere fuori proprio la questione omosessuale dall’agenda del prossimo esecutivo. Ricordo al leader di SEL che di proposte di legge su matrimonio egualitario e coppie di fatto il parlamento ne è pieno. Affermare che proporre una legge rientra nelle facoltà del suo partito – oltre a essere cosa ovvia – significa ammettere che si sta preparando a depositare un provvedimento destinato a coprirsi di polvere e noi non vogliamo una testimonianza in più funzionale solo a far sentire in pace il governatore pugliese con la sua coscienza. Noi abbiamo bisogno di qualcuno che porti queste istanze proprio dentro il governo!

Pare, in buona sostanza, di rivedere il copione del 2006. Si è partiti da un modello estero – all’epoca erano i PaCS francesi, ora si parla di non meglio identificate unioni civili alla tedesca – per poi stravolgerlo e, infine, non approvarlo. Nel documento approvato dal Pd circa le coppie di fatto – e che Vendola ha adottato, dopo l’alleanza con Bersani sulle primarie – rispunta, inoltre, il riferimento ai diritti individuali di bindiana memoria, che negano il riconoscimento della coppia in quanto tale. Ovvero, i DiCo.

Ci troviamo, con ogni evidenza, di fronte all’ennesima presa in giro. E il centro-sinistra, di fatto, dimostra di non volere pienamente il voto della gay community e anche questa marcia indietro di Vendola, che fino a ieri ci ha imbonito millantando sensibilità rispetto a questi temi, è un ulteriore campanello d’allarme.

La palla dovrebbe passare adesso al movimento. Sarebbe ora di far sentire una voce unitaria, tuonante e determinata. Sarebbe ora di dire che il prossimo parlamento dovrà sfornare una legge chiara e nettissima sulle famiglie gay e lesbiche, con o senza prole. Una legge che porti, almeno nell’immediato, alla piena equiparazione tra coppie sposate e coppie non sposate. Dovesse anche non chiamarsi matrimonio, in un primo momento. Questo dovremmo chiedere.

Se poi il centro-sinistra dovesse perdere e riconsegnare il paese a Berlusconi – in un momento in cui ogni voto è determinante, visti i rischi di pareggio – proprio perché non vuole concedere nulla su questi temi, è un rischio di cui si prenderà ogni responsabilità di fronte all’elettorato e all’Italia tutta.

Noi restiamo italiani

Nicole Minetti e il vitalizio maturato a manco trent’anni.
Bambini (uno) trascinati da cinque poliziotti e nemmeno uno per far schiodare Formigoni dalla sua poltrona.
Consigli regionali che sperperano i soldi pubblici per ostriche e festini con maschere di maiali.
Un governo che vuole aumentare di un terzo il monte ore dei professori. A stipendio invariato.
I tagli alla scuola. E la fuga dei cervelli.
L’IMU a chi ha comprato una casa con enormi sacrifici. E nemmeno un euro di tasse alla chiesa.
Venticinque milioni di euro per un sito web (quello dell’Inail).
La mafia infiltrata dentro le istituzioni, di ogni ordine e grado.
E un parlamento che non riesce a fare una legge anti-corruzione.

La rivoluzione francese è scoppiata per molto meno. Noi, intanto, restiamo italiani.

Biotestamento: denunciamo i nostri parlamentari per crimini contro l’umanità!

Ancora sul testamento biologico.

Il parlamento ha prodotto una legge che prevede processi dolorosi, non risolutivi e obbligatori, quindi lesivi della dignità personale, per persone in fin di vita.

In altre parole: le camere hanno varato una legge che introduce la tortura psico-fisica.

Mi chiedo se non ci siano gli estremi per denunciare i nostri parlamentari per crimini contro l’umanità.