Alcune semplici cose da sapere sulle terapie riparative

terapie reparative: un bluff criminale

Ogni tanto il mio blog viene preso di mira dal troll di turno o dalla casalinga disperata che ne fanno uno strumento per pubblicizzare siti e canali in cui si parla di “miracolose” guarigioni dall’omosessualità. Cose del genere possono capitare e manifestano la disonestà intellettuale di personaggi, anche abbastanza lugubri, che hanno bisogno dei siti degli altri per fare la loro disinformazione.

Lascerei anche correre. Basta sentire cosa hanno da dire certi santoni delle teorie riparative per capire che ci troviamo di fronte a veri e propri ciarlatani. Allora, per fare chiarezza e perché ragazzi il cui orientamento sessuale è in fase di costruzione e non vengano abbindolati da fantasiose possibilità di cura, vediamo perché queste terapie non hanno ragion d’essere:

1. è vero che Freud fu il primo a dare una visione medicalizzata dell’omosessualità, per lui legata a un mancato sviluppo psichico dell’individuo. Ma fu pure il primo a dire che non era necessario curare i gay: «l’omosessualità di sicuro non è vantaggiosa ma non c’è niente di cui vergognarsi, nessun vizio, nessuna depravazione, non può essere classificata come una malattia»;

2. la psicologia, dopo Freud, ha fatto numerosi passi in avanti sullo studio dell’omosessualità che è stata dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una variante naturale della sessualità umana. Un po’ come nascere mancini o coi capelli rossi, a ben vedere. Avete mai provato a “guarire” un mancino? O un “roscio”? Sarebbe come scambiare un parrucchiere per un medico e una tintura per un farmaco…;

3. i fautori delle terapie riparative sono tutti, non si è ancora capito bene perché, ferventi cristiani. Le cure da loro proposte si basano sull’autoconvincimento e sulla preghiera. Adesso, a parte il fatto che dovrebbero spiegarmi a cosa serve pregare per guarire da una qualsivoglia malattia – e ribadiamolo, l’omosessualità non lo è – ma se partiamo da queste premesse, autoconvincendosi di diventare qualsiasi cosa e pregando perché questo avvenga, si potrebbe pure arrivare a credere di essere un carrello della spesa;

4. se fosse possibile cambiare orientamento sessuale, allora sarebbe possibile per molti eterosessuali che lo volessero – sempre attraverso preghiere, riti voodoo e macumbe di sorta – divenire gay o lesbiche;

5. molti “riparatori” sostengono che loro “curano” solo quei gay che non si trovano a loro agio con la loro condizione. Senza magari rendersi conto – o forse sì? – che un gay che non accetta se stesso andrebbe aiutato a capire che si può vivere ogni condizione umana in piena dignità. Non è essere gay che è un disonore, ma è l’omofobia dilagante a rendere infelici migliaia di giovani vite. Forse andrebbe curata l’omofobia;

6. la comunità scientifica italiana e internazionale ha destituito di ogni valore scientifico le teorie riparative. In pratica è come quando hai il mal di denti e invece di andare dal dentista a farti curare, consulti un prete con problemi di relazione col concetto di odontoiatria – il quale ti direbbe, per altro, di convincerti che non hai nessun dente cariato e di pregare affinché il dolore sparisca;

7. mi direte: eppure esistono gli ex gay! Certo, ma bisogna vedere se in precedenza lo erano davvero, omosessuali! Anch’io posso portarvi cento dei miei amici che millantano favolose guarigioni dall’eterosessualità con la preghiera e l’autoipnosi! E poi mai sottovalutare il senso di colpa di chi, per qualche disgrazia avvenuta nella sua vita, addossa le sue sventure al suo esser (stato) gay. Ma così, converrete, saremmo tutti bravi a cambiare orientamento;

8. Giova ripeterlo: gli psicologi, gli psichiatri e gli altri professionisti della salute mentale sono d’accordo nel ritenere che l’omosessualità non è una malattia mentale, né un problema emotivo. Non è una malattia, né fisica né psichica. Più di 35 anni di ricerche scientifiche oggettive e ben progettate hanno dimostrato che l’omosessualità non ha alcuna associazione con disturbi mentali, emotivi o altri problemi sociali.

Per saperne di più, si possono consultare i seguenti siti:

Associazione Psichiatrica Americana (APA)

Ordine degli Psicologi della Lombardia

e soprattutto, diffidare sempre di santoni, estremisti religiosi e sedicenti profeti della “guarigione”, soprattutto se portano nomi di ben più famose marche di salumi.

Annunci

Sfiga Nuova

«Le perversioni vanno curate». Firmato Forza Nuova.

È successo alla sede del Cassero, a Bologna, la sede locale dell’Arcigay, una delle più importanti d’Italia, per il suo significato simbolico e per la sua storia: i militanti del centro di cultura gay si sono ritrovati questo bello striscione, proprio all’ingresso.

Le reazioni?

In rete è già scandalo.
La politica si ribella: perfino Mara Carfagna non crede ai suoi occhi e lancia strali. L’unica a criticare la comunità LGBT, invece di portare solidarietà incondizionata, è tale signora Noè, notabile locale in quota UdC – e qui parte, in automatico, l’ettepareva di rito.

Io penso una cosa e una soltanto: questa gentaglia ha bisogno delle comunità che disprezza per farsi pubblicità. Se non ci fossero gay, ebrei, neri, ecc, Forza Nuova non avrebbe nessuna attenzione mediatica, come non si dà spazio – al di là di qualche quarto d’ora di celebrità di warholiana memoria (e anche Warhol, ricordiamocelo, era gay) – alle bravate dei teppistelli da stadio o di periferia.

Ottenendo, per altro, l’obiettivo opposto rispetto quello prefissato: la comunità è, infatti, ancora più vicina alle persone LGBT. La solidarietà (alla quale mi associo) di queste ultime ore lo dimostra.

Ecco, proprio per questa ragione, mentre non c’è nulla che dimostri che essere gay sia una perversione – anzi, semmai è vero l’opposto – ogni cosa evidenzia, al contrario, quanto i ragazzi di questa formazione di sfigati abbiano bisogno di vedere uno bravo. Chissà mai che si rendano conto di rappresentare uno dei tanti reflussi gastrici della storia, provare vergogna e, di conseguenza, correre ai ripari prima che sia troppo tardi.

Gay e scout: vivi e lascia vivere, ma nell’ipocrisia

Qualche anno fa, invitato al Maurizio Costanzo Show, Gianfranco Fini, fresco di doppiopetto ma ancora fascista nell’animo, dichiarò, pensando per altro di dire una cosa sensata, che a parer suo un gay dichiarato non avrebbe dovuto fare il maestro. Su di lui si abbattè lo sdegno non solo dei presenti in sala ma anche di una fetta importante della società civile. A ragione, diremmo oggi, col senno di poi, visto che anche lui, vent’anni dopo quelle dichiarazioni, ha maturato un mutamento di rotta tale da essere considerato addirittura gay-friendly.

Di ieri, a berlusconismo morente, o così parrebbe, l’Agesci, l’associazione degli scout cattolici italiani, ha ribadito, in un seminario apposito, la sua ferma contrarietà all’omosessualità in quanto tale, considerata una grave perversione. Chi è omosessuale, in altre parole, è oggettivamente disordinato. E se sei un giovane scout che pensa di essere gay, per te c’è lo psicologo, che deve farti guarire.

Ma c’è un ma. Se non lo dici, nulla vieta che tu possa fare il capo scout.

Anche in questo caso, la società civile degna di questo nome – e non soltanto i gay, si badi – si è indignata profondamente. Viviamo in un ventunesimo secolo in cui le conseguenze affettive della natura umana, non una ma molteplice, non dovrebbero più essere oggetto di discriminazione, di incitamento all’odio e alla violenza. E invece.

L’Agesci, ovviamente, ha fatto, per quel che riguarda i suoi capi e la sua filosofia, un passo avanti. Coi ritmi di santa romana chiesa, naturalmente. La stessa, per intenderci, che quattrocento anni dopo la sua morte ha dato ragione a Galileo. Viene da pensare che se questi sono i tempi d’attesa, nel XXV secolo i gay cattolici potranno sposarsi all’altare. Ma noi non abbiamo tutto questo tempo, per cui ci limiteremo a pensare che se nella Bibbia i sono scritte bugie, inesattezze e falsità sulla struttura del sistema solare, nulla vieta che anche altri episodi siano stati riportati in maniera errata. A cominciare da Sodoma e Gomorra, visto che tutto nasce da lì.

Sia ben chiaro: non sta a me e a nessuno dei/lle non credenti stabilire in cosa debbano credere i cattolici. È un problema interno alle loro coscienze e a una religione che fa acqua da tutte le parti, a cominciare dalla Genesi, per non parlare del Levitico, fino a san Paolo e al suo amore “incondizionato” verso l’universo femminile (e non a caso il cattolicesimo è profondamente misogino).

Se un genitore cattolico si sentirà a posto con la coscienza mandando il figlio da un capo scout che sarà obbligato a non dichiararsi, pena l’espulsione dal gruppo, e vivere in una congrega profondamente ipocrita – il convegno dell’Agesci ci insegna sostanzialmente questo, vivi e lascia vivere purché nella menzogna (e dentro un certo utilitarismo) – è un fatto privato che merita, paradossalmente, e in nome del relativismo che tanto è disprezzato da Joseph Ratzinger, rispetto. Pur non condividendolo, va da sé.

La cosa che mi stupisce è lo stupore di parte di quella società che guarda alle cose d’oltre Tevere e delle sue diramazioni nel mondo dei giusti – o dovremmo dire dei “normali”, a tal punto?

La chiesa cattolica, a ben vedere, è la stessa organizzazione del Crimen solicitationis, il documento che obbligava al silenzio le vittime degli abusi sessuali da parte dei sacerdoti sui minori e che consigliava, pena ogni ipotizzabile scomunica, i preti onesti a far finta di non vedere.

Purché non si sappia, è il senso dell’azione di questi signori nel mondo. Si coprono i preti pedofili? Non sarà un problema obbligare ai capi scout a tacere sul loro coming out. D’altronde, se sono capaci di tollerare un crimine odioso – la violenza su bambini e adolescenti – saranno in grado di accettare, sempre nel silenzio, un atteggiamento umano (e mai criminale), come l’omosessualità, spacciata per peccato.

Ma per favore, ribadisco, non stupiamoci. Fanno esattamente il loro lavoro.

Gay massacrati dagli sciiti: anche questa è democrazia irachena

La notizia, purtroppo, non sorprende. Non è nuovo il fatto che in Iraq, esattamente come in molti dei paesi vicini, a cominciare da Iran e Arabia Saudita, si condannino a morte omosessuali perché tali.

Si hanno, infatti, prove di esecuzioni sommarie, pene capitali e torture, con tanto di amputazione di parti del corpo, già dal 2006.

La recrudescenza di tali violenze deriverebbe dal fatto che con la caduta del regime di Saddam i gruppi religiosi più integralisti, di origine sciita, stiano instaurando un vero e proprio regime di terrore nella zona e soprattutto nel sud del paese.

Già l’UAAR, nel 2007, denunciava:

Diversi corpi sono stati infatti trovati senza vita e con scritte sul petto offensive nei confronti dell’omosessualità. In alcuni casi i cadaveri sono stati gettati nella spazzatura, o lasciati per strada a mo’ di monito. Delle uccisioni sono sospettati gruppi islamici sciiti. L’organizzazione Human Rights Watch ha chiesto al governo iraqeno di indagare e intervenire urgentemente per porre fine a quella che hanno definito “una pulizia sociale”.

Allo stato attuale le condizioni di migliaia di persone GLBT, nella regione, non sono migliorate, anzi.

Mi limito a far notare due aspetti importanti di tutta la questione:

1. gli USA avranno pure “liberato” l’Iraq da una tirannide crudele, ma non hanno portato la democrazia. E le bombe, a quanto pare, fanno venir fuori l’estremismo più sanguinario;

2. questi signori che uccidono senza pietà esseri umani sono gli stessi che il Vaticano vuole garantire opponendosi alla depenalizzazione dell’omosessualità all’ONU, promossa a suo tempo dal governo francese.

Questo dovrebbe farci riflettere, tutte e tutti, e non solo a noi della comunità GLBT, su chi sono coloro che si ergono a guide dell’umanità, a livello politico e religioso. E, soprattutto, sulla loro incapacità di rendere migliore davvero questo pianeta o sulla facoltà di poter parlare di sacralità della vita.

Piuttosto che indossare una maschera

Oggi abbiamo fatto Pirandello. Sei stato citato da una studentessa che in privato mi ha detto che a volte è più facile mettersi dietro una maschera piuttosto che accettare se stessi. Allora le ho chiesto se aveva in mente qualcuno e lei mi ha detto che aveva apprezzato la tua chiarezza e il tuo essere diretto.

Le ho chiesto, ovviamente, a cosa si riferiva e lei mi ha guardato come fossi uno scemo. E mi ha confidato: «Secondo me il prof era omossessuale e ha avuto motlo più coraggio nell’essere se stesso, piuttosto che indossare una maschera!».

Queste parole mi sono state appena affidate da un docente di una scuola in cui ho lavorato in passato: la ragazza di cui si parla si riferiva a me e al percorso fatto insieme, nella sua classe.

Mi ha fatto molto piacere sapere che il mio lavoro e la mia umanità hanno lasciato un seme, germogliato proprio in queste parole e nella confidenza del mio collega. A volte non ci rendiamo conto del potere che abbiamo tra le mani, un potere di enorme responsabilità, in grado di far volare la mente dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze.

Aggiungo che se questo è potuto accadere è perché ho sempre lavorato nella scuola pubblica, per definizione plurale, democratica, aperta alle diversità sociali, etniche, religiose, sessuali, ecc. In scuole private e confessionali non mi sarebbe stato permesso.

A distanza di una settimana dalle parole dirette di una mia allieva, quelle a distanza di una mia ex studentessa arrivano in una giornata che ha avuto, ancora, qualche piccolo risvolto pesante. Credo fermamente nei segni. L’universo mi ha mandato un messaggio: quello di non scoraggiarmi e di non arrendermi mai. E lo ha fatto ancora le parole, acerbe ma vere, di chi ha costruito qualcosa insieme a me.

Di questo sarò sempre grato ai miei studenti e alle mie studentesse.

Una chiesa inadatta alla democrazia

Le ultime dichiarazioni di monsignor Babini su Vendola e la sua omosessualità dovrebbero essere bollate come noiose e ripetitive, indice del fatto che la chiesa cattolica non solo non sa adeguarsi ai tempi, ma è incapace di leggere la realtà se non attraverso lo sguardo di un testo epico-religioso scritto migliaia di anni fa.

Sarebbe, poi, ancora meglio ignorare il vescovo emerito di Grosseto che ha capito – al pari di Buttiglione, Giovanardi, Adinolfi e di altre tristi primedonne dell’omofobia – che basta produrre dichiarazioni di un certo tenore per aver assicurate prime pagine di giornali, testate on line, blog e via dicendo.

Quello che però salta agli occhi, questa volta, non è la condanna morale di un modo di essere da parte di un’istituzione in costante crisi di credibilità nel suo ruolo, autoproclamato, di “agenzia etica” della società contemporanea.

Babini ha messo a confronto due cose tra loro non paragonabili. Da una parte una condizione personale – l’omosessualità del governatore della Puglia – e dall’altra le pratiche sessuali del nostro presidente del consiglio.

Essere gay può essere ancora, nel mondo dei cavernicoli e nei corridoi vaticani (purché irrorati dalla luce del sole e di fronte a un microfono acceso) un disordine mentale o un’aberrazione della natura. Ma non è un crimine, almeno per il nostro codice penale e fino a quando l’Italia, secondo quello che pare essere il disegno dei vescovi, non assomiglierà all’Iran o all’Arabia Saudita.

Le notti hard del premier, invece, hanno una doppia conseguenza sul valore etico e penale. In primo luogo perché, se è vero quel che si dice, si usa il corpo della donna e la sua mercificazione per avviare intere carriere politiche. In secondo luogo perché andare con prostitute minorenni è reato.

Monsignor Babini, nella sua ansia di rinverdire le sue fortune mediatiche o nella sua missione di radere al suolo ogni moderna Sodoma, non riesce a distinguere tra comportamenti personali e crimini. Occorrerebbe ricordargli, per altro, che le legislazioni democratiche non riconoscono il peccato, ma valutano la liceità dei comportamenti personali sul piano del diritto.

Questa semplice evidenza lo rende, assieme all’istituzione che lo foraggia, poco credibile e inadatto su qualsiasi piano della vita pubblica e civile di un paese europeo, moderno e democratico.

La trave nell’occhio tra Halloween, i gay e l’evasione fiscale

Come ogni anno in questo periodo, la chiesa cattolica si lancia nella sua solita crociata contro Halloween, la cui colpa, secondo i porporati d’oltre Tevere, è quella di deviare i fanciulli e i ragazzi di oggi dalla dottrina cattolica della festa dei santi e dei defunti, per farli approdare verso le sponde di un orrorifico neopaganesimo. Il fatto che ogni hanno si ripeta questo mantra sostanzialmente idiota lascia intuire, con ogni evidenza, quanto sia fallimentare questa battaglia culturale. Che poi quest’anno si voglia osteggiare il “consumismo” legato a questa ricorrenza con un altro tipo di business che scomoda addirittura padre Pio, la dice lunga sulla reale natura del problema…

La chiesa, per altro, evita di dire, a questo riguardo, che il copyright della festa in questione non è di certo cristiano ma, per l’appunto, pagano. Gli antichi celti, infatti, festeggiavano nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre il proprio capodanno.

Del resto, le stagioni calde lasciano il passo a quelle fredde. La natura si colora con le tinte del sonno, dell’ibernazione, del buio. I campi sono vuoti, le spighe torneranno col bel tempo. Questo passaggio tra la vita e la morte, tra estate e inverno, segna l’origine della festa di Halloween. E il mito era così antico e autorevole che i primi cattolici, non potendolo estirpare, lo assorbirono cambiandone il nome.

In buona sostanza quando sua santità o i suoi rappresentanti in terra si scagliano contro questa festività bisognerebbe ricordar loro che sono degli impostori. Sic et simpliciter.

Certo, verrebbe da dire che con tutti i mali che affliggono il fan club di Gesù Cristo le festività pagane dovrebbero essere l’ultimo dei problemi a cui interessarsi. Corruzione interna, un grado di moralità più vicino ai pozzi petroliferi che ai cieli dell’Empireo, lo scandalo della pedofilia che ormai è cronaca quotidiana in tutto il mondo, scandali finanziari, istigazione all’odio per le persone GLBT, appoggio alle peggiori dittature del mondo… qualcos’altro a cui pensare, insomma, ce l’avrebbero.

E siccome chi va con lo zoppo lo emula alla perfezione, non è un caso che anche i rappresentanti politici di questo tripudio del nulla guardino più alla pagliuzza nell’occhio del vicino. L’immancabile Rocco Buttiglione, cattolico e esponente di punta dell’UDC, ormai assurto a fama per essere uno dei maggiori maitre à penser della sodomia italiana (che forse un filosofo, o presunto tale, avrebbe altro a cui dedicarsi), ha paragonato l’omosessualità all’evasione fiscale. Per Buttiglione l’amore tra due uomini o il sesso tra adulti consenzienti è come un reato.

Certo, è pure comprensibile. Buttiglione appartiene a un partito che ha fatto eleggere in Senato un tale Totò Cuffaro, ex governatore siciliano, condannato per aver favorito la mafia. Un partito che non sa distinguere tra chi è degno di sedere in parlamento e un criminale è normale che sia affidato a chi non sa discernere tra amore e delinquenza comune.

Buttiglione dovrebbe tenerlo bene a mente. E se qualcuno dei nostri rappresentanti in parlamento glielo ricordasse, non sarebbe affatto male. Ne converrete.

Rumore contro l’omofobia

Promemoria utile e necessario: oggi è la Giornata Mondiale contro l’omofobia. Avvertite gli stronzi…

Per chi poi volesse pure rendersi utile e militante, c’è questa iniziativa di We have a dream:

Rumoros* contro il silenzio!

Il 17 maggio 2010 si celebra la sesta giornata mondiale contro l’omofobia e la transfobia (IDAHO International Day Against Homophobia and Transphobia).

La data ricorda il 17 maggio 1990 quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rimosso anche l’omosessualità ego-distonica dall’elenco delle malattie mentali.

Il Parlamento Europeo si è già pronunciato il 18 Gennaio 2006 con una Risoluzione sull’omofobia in Europa nella quale condanna con forza ogni discriminazione fondata sull’orientamento sessuale ed è tornata a parlarne con la risoluzione del 26 aprile 2007 per ricordare la necessità che la discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale in tutti i settori sia vietata completando il pacchetto legislativo contro la discriminazione basato sull’articolo 13 del trattato CE, indicendo il 17 maggio di ogni anno quale Giornata internazionale contro l’omofobia (per le istituzioni europee parlare di omofobia equivale a parlare anche di transfobia).

Ancora oggi, nel 2010 alle sollecitazioni del Parlamento Europeo lo Stato Italiano risponde con l’indifferenza e il silenzio e continua a evitare di promulgare una legge che riconosca i reati di Omofobia e di Transfobia.

Al silenzio istituzionale si unisce quello sociale. Entrambi favoriscono non solo la violenza fisica, ma anche la discriminazione a scuola, sul posto di lavoro, nei luoghi di aggregazione per le persone lesbiche, gay, trans gender, bisessuali, queer e intersessuali.

L’omofobia e la transfobia si subiscono ogni giorno, anche nei piccoli gesti della vita quotidiana, per questo vi invitiamo a scendere in piazza per farci sentire, in maniera pacifica, colorata e chiassosa!

Portate in piazza i vostri ‘strumenti’ per essere rumorosi contro il silenzio delle Istituzioni: strumenti musicali, fischietti, pentole, coperchi, campane, cellulari e tutto quanto troviamo nelle nostre case per squarciare il silenzio che circonda l’omofobia e la transfobia.

Vi aspettiamo Lunedì 17 maggio dalle ore 19 in poi, davanti la piazza di Montecitorio

– Leggeremo una sintesi della risoluzione europea contro l’omofobia, per conoscere ciò che succede attorno a noi e ciò che ancora non succede in Italia.

– Ognuno di noi potrà leggere le dichiarazioni omofobiche e transfobiche, esplicite o velate, di personaggi pubblici, politici e prelati che contribuiscono a diffondere questo clima di odio sociale. Vi invitiamo a portare dichiarazioni, articoli, brevi scritti estratti da qualsiasi pubblicazione che ognuno di noi potrà leggere in piazza.

– Sulla scia della mobilitazione, della rottura del silenzio e dello spirito di solidarietà, alla fine imbracceremo tutti i nostri ‘strumenti’ e contribuiremo a costruire una chiassosa, ma pacifica orchestra rumorosa contro il silenzio!

puoi farti un’idea qui http://www.youtube.com/watch?v=HpEOQEjrjpM&feature=related

Omosessualità e pedofilia: Bertone mente (e forse lo sa pure)

La chiesa, negli ultimi tempi, è stata coinvolta in uno degli scandali più gravi di tutta la sua storia: quello dell’abuso sui minori e delle violenze pedofile. Ma questa, converrete voi con me, non è una notizia.

Da notare che faccio questa distinzione (ne parla meglio il sito del Telefono Azzurro) perché lo scandalo interno alle gerarchie cattoliche, accusate di aver coperto per decenni stupri e molestie, non tocca solo quello che più comunemente viene definito “pedofilia” – estrema semplificazione linguistica di un fenomeno che pure c’è e che rappresenta quegli atti di abuso su individui impuberi – ma anche molestie e stupri contro ragazzi sessualmente maturi.

Recentemente il cardinal Bertone è intervenuto su questa vicenda dichiarando:

Non c’è alcun collegamento tra la pedofilia e il celibato a cui sono sottoposti i sacerdoti; e invece questo tipo di patologie sessuali sono da mettere in relazione all’omosessualità.

Il cardinale ci prova a fare lo scaricabarile, ma nel suo ragionamento c’è un grande elemento di verità che contraddice proprio il suo ragionamento stesso.

Che vi siano atti contro ragazzi sessualmente maturi consumati con la coercizione e la violenza è un dato di fatto e può darsi che dietro questi atti ci sia una pulsione omosessuale evidentemente mal veicolata, vissuta male o repressa. Oppure, e questa potrebbe essere un’altra spiegazione, perché in ambienti a predominanza maschile e con regimi repressivi o limitanti sotto il profilo sessuale si sviluppano certe pratiche (abusi, violenze, molestie) da non confondere però con le relazioni (basate sulla condivisione e/o sull’affettività).

Adesso se questi preti sentono l’esigenza di praticare violenza è proprio perché, evidentemente, non sono in grado di vivere serenamente la loro sessualità, qualunque essa sia. Ed è noto, mi pare, che dentro la chiesa la sessualità tout court (e non solo quella omosessuale) sia bandita proprio in nome del celibato dei preti.

La semplificazione di Bertone è, ancora, facilmente rovesciabile nel momento in cui ci si domanda: quanti gay sessualmente attivi (e liberi da imposizioni sulla propria sessualità) sono stati scovati ad abusare di minorenni e di bambini? Bertone fornisca numeri e cifre alla mano, se ce le ha.

Bisognerebbe inoltre vedere classi di età e sesso delle persone stuprate o molestate. Non tanto per suffragare questa o quella ipotesi – se si scoprisse che in maggioranza sono le ragazze ad esser molestate, si potrebbe dire, ribaltando il ragionamento di Bertone, che il problema è collegabile all’eterosessualità? – quanto per capire il fenomeno e porvi un argine sotto il profilo legale e medico-psichiatrico.

Diverso, infine, è il caso delle violenze fatte da pedofili, cioè su bambini e bambine, a prescindere dal sesso della vittima, in età impubere e prepuberale (interessante, a tal proposito, tale studio). Cioè su persone non sessualmente mature. Sarebbe interessante capire come si relazionano questo tipo di sacerdoti con il proprio sesso, se si sentono attratti anche da maschi adulti, se praticano relazioni omosessuali, sia a livello affettivo sia a livello squisitamente fisico.

E fino a quando non ci saranno studi specifici sul tema – mentre da una prima lettura, per quanto superficiale, delle statistiche al momento disponibili parrebbe che certi fenomeni siano presenti prevalentemente nei sacri templi della cosiddetta famiglia tradizionale, ovvero le mura domestiche e le sagrestie delle chiese, per non parlare di certe scuole rette dai religiosi (senza che questo, però, ci induca a facili equazioni) – ogni relazione tra violenze pedofile e omosessualità ha solo il sapore di un voler gettare fango su una categoria sociale verso la quale la chiesa ha riservato un atteggiamento discriminatorio e di istigazione all’odio sociale. Fino a poco tempo fa il Vaticano si è opposto ferocemente alla risoluzione ONU sulla depenalizzazione dell’omosessualità nei paesi dove è prevista la prigione e la condanna a morte.

Un’organizzazione che ammette che l’Arabia Saudita non abbian nessun freno a livello giuridico sul piano internazionale all’assassinio di massa di gay e lesbiche, forse ha gioco facile – e qualche convenienza – a far credere che siano proprio gli appartenenti a certe categorie gli orchi a cui dare la caccia.

Mi chiedo, arrivato a questo punto, che credibilità possa avere un’istituzione che – oggi attraverso Bertone, ieri attraverso qualche galoppino dentro questo o quel partito – invece di fare l’unica cosa che c’è da fare, ovvero rispondere in sede giudiziaria rispetto a quanto è successo, continua a confondere le acque con questo tipo di accuse con l’unico risultato (nella speranza che non sia un obiettivo predefinito) di generare altro odio già precedentemente espresso e palesato.

Un atteggiamento, a ben vedere, doppiamente criminale. Perché non solo copre i reali responsabili, ma getta delle ombre su migliaia di persone innocenti.