Hack censurata in Trentino: la chiesa vieta la presentazione del suo libro

I nostri cattolici “iraniani” colpiscono ancora.

La notizia è riportata da diverse testate locali: Margherita Hack avrebbe dovuto presentare il suo libro La stella più lontana al teatro San Pietro di Mezzolombardo. La istituzioni religiose locali, tuttavia, hanno proibito il suo intervento, perché “offensivo” della dottrina della chiesa.

Il teatro, in verità, è di proprietà ecclesiastica, ma è stato siglato un accordo di comodato d’uso con le istituzioni locali. L’accordo prevede quanto segue:

«Il Comune si impegna a non consentire lo svolgimento di spettacoli e/o manifestazioni che possano recare offesa ai valori religiosi e alla dottrina della Chiesa cattolica, di cui sono garanti il legale rappresentante dell’ente parrocchia e l’ordinario di Trento.»

Il libro della scienziata parla di bioetica e le posizioni della scienza – e del sapere – sono contrarie, questo è naturale, alle questioni di principio delle religioni, sempre basate sulla superstizione.

Tuttavia, da qui a dire che sostenere la legittimità di posizioni contrarie sia offensivo nei confronti della dottrina di un’istituzione antidemocratica e illiberale, ne corre. Si chiama, appunto, libertà di pensiero. Nei paesi civili funziona così: la chiesa è libera di dire ai suoi fedeli come comportarsi, la società civile è libera di dire, fare, pensare e proporre l’esatto opposto. A meno che non si creda di vivere in Arabia Saudita.

Ricordiamo, ancora, che lo Stato garantisce la libertà di culto purché le religioni non violino la legge. E a ben vedere, la chiesa cattolica, ancora una volta, nega coi fatti e col suo integralismo religioso le libertà costituzionali. Questo è un fatto gravissimo.

Poi, magari, ci lamentiamo dei talebani che facevano saltare in aria le statue del Buddha in Afghanistan o dei musulmani che impongono il velo alle loro donne… Mi chiedo, inoltre, cosa sarebbe successo se la questione fosse stata sollevata da altre minoranze religiose.

I cattolici devono comprendere che vivono in uno stato dove rappresentano una delle tante diversità garantite, tutte e allo stesso modo, dalla Costituzione.

Il comune di Mezzolombardo dovrebbe rivedere l’accordo con la parrocchia. E lo Stato dovrebbe cominciare a pretendere che le chiese che si trovano in territorio italiano, il quale le ospita, non predichino un pensiero che va contro la Carta fondamentale che sancisce la libertà delle persone e il concetto di laicità delle istituzioni. Così, per par condicio.