Amministrative 2011 in pillole

Il risultato di ieri.

A Milano oltre il 50% degli elettori non ha votato per Berlusconi. E La Russa deve morire.
Lo stesso, che a Milano nel 2006 aveva ottenuto cinquantamila voti, dimezza le sue  preferenze.
Lussini, quello dei manifesti contro i pm, poche centinaia.
Berlusconi, in pratica ha perso a Milano. E La Russa deve morire.
Anche ad Arcore si va al ballottaggio e il centro-sinistra è in vantaggio.
A Napoli la destra non arriva al 38% e a vincere, moralmente e politicamente, nel centro-sinistra, è De Magistris. E La Russa deve morire.
La Lega intanto è isterica e Bossi tace.
I grillini saranno determinanti a Milano e si affermano come un partito forte e presente in tutto il centro-nord. Speriamo non eccellano in cretinaggine.
Il terzo polo, di fatto, non esiste. E La Russa deve morire (e in questo caso anche Rutelli).
Il piddì da solo non può farcela (capito Veltroni?) e ha bisogno di SEL e IdV (capito D’Alema?).

Tutto questo si può riassumere in una frase molto semplice: c’è bisogno di sinistra. E La Russa, se non fosse ancora del tutto chiaro, deve morire.

La bellezza di Ignazio La Russa

Prima il coordinatore lombardo del PdL che insulta Bindi e Concia sul loro aspetto fisico.
Quindi La Russa che dichiara: «Dicono che Berlusconi fa eleggere solo le donne belle. Non è vero, ci sono alcune elette non belle anche da noi, ma certo non raggiungono l’apice della sinistra, di donne di cui non faccio il nome».

In tutto questo, le donne del PdL tacciono.

Evidentemente queste signore sono così convinte delle loro capacità che hanno bisogno della certezza di essere belle per andare avanti in politica. Dalla Moratti in giù.

In secundis: ci auspichiamo che lo stesso criterio venga applicato per gli uomini dei partiti di destra. Carriere come quelle di La Russa e dello stesso Berlusconi verrebbero immediatamente stroncate. E questo sarebbe solo un bene. Ne converrete.