Suor Giannini

Stefania Giannini

No, oggi non mi arrabbierò e non farò notare che le parole dette dalla ministra Giannini – una che evidentemente conosce la scuola unicamente perché ha fatto il liceo, diversi decenni or sono – sono uguali, trite e ritrite, a quelle di chi l’ha preceduto nel processo di distruzione dell’istruzione del nostro paese. Lasciamo tutto questo nel campo delle evidenze.

L’unica cosa che mi sento davvero di dire – e che mi nausea non poco – è che trovo scandaloso che un qualsiasi ministro della Repubblica parli di scuola pubblica ad un convegno di cristiani integralisti come l’annuale meeting di Comunione e Liberazione. È un insulto verso tutti/e quegli/lle insegnanti che fanno onestamente il loro lavoro a discapito di uno Stato che li tratta come agenti patogeni. A cominciare da quelli/e che vengono licenziati/e perché omosessuali proprio dalle scuole cattoliche alle quali, la nostra ministra, ha già promesso nuovi favori e immutati favoritismi.

L’idea geniale di Carrozza che punisce i prof

L’ultima invenzione del Ministero della “pubblica” istruzione, dopo mesi di inutilità sociale e dopo anni di distruzione sistematica del sistema dell’insegnamento in Italia, si qualifica come un provvedimento vessatorio e punitivo nei confronti della classe docente.

Da viale Trastevere arriva infatti l’idea geniale di questa legislatura in materia scolastica: «in quelle scuole dove i risultati dei test Invalsi sono “meno soddisfacenti”, cioè inferiori alla media nazionale, gli insegnanti si devono sottoporre a un programma di formazione obbligatoria che avrà il compito di aumentare le conoscenze e le competenze degli alunni, ma anche di incrementare le competenze di gestione, di programmazione e informatiche dei docenti». (Fonte: la Repubblica)

Per chi non lo sapesse, l’Invalsi è una prova nazionale che certifica, attraverso un sistema di domande aperte e chiuse, col sistema “crocette e caselle”, le competenze linguistiche e matematiche.

Questo provvedimento adottato dal ministero rischia di essere però oltre che umiliante per i/le docenti anche del tutto inutile, poiché  non terrebbe conto di due aspetti: il primo, che siamo in una società multietnica per cui l’abbassamento degli standard dell’italiano deriva anche dalle naturali carenze degli allievi e delle allieve di origine straniera (soprattutto per i non nati in Italia); il secondo, che nelle cosiddette “aree difficili” la dialettofonia è ancora una realtà fondamentale nei processi comunicativi e l’italiano è percepito come L2, per cui il docente può anche essere bravissimo, ma in certi contesti lavora con una base di non italianofoni. I test Invalsi non sono differenziati in tal senso e la loro filosofia è quella di valutare tutti e tutte, senza distinzione di condizioni personali, in base al raggiungimento di certi criteri dell’italiano standard.

Faccio un esempio concreto: se in classe arriva un cinese che non parla una parola di italiano a settembre e a ottobre arriva a una comunicazione di base, il sistema Invalsi non valuterà questo progresso ma la capacità dell’alunno (non importa se straniero o no, se analfabeta o meno) di mettere una X al posto giusto sull’uso degli ausiliari, sul plurale dei nomi in -cia e -gia e amenità simili.

Non è perciò facendo riempire caselle in un test tutto sbagliato che si valuta il valore degli insegnanti. A meno che non li si voglia colpire in quanto tali. E pare che questo governo, coerentemente con chi lo ha preceduto, proceda in questa direzione.

Evidentemente questo provvedimento è il risultato dell’ennesima ministra che è stata a scuola, per l’ultima volta, il giorno del suo esame di stato. Ovviamente la stessa obiezione si può estendere al restante Consiglio dei ministri, per le stesse identiche ragioni. Ne consegue che ci vorrebbero persone più competenti negli alti piani dell’amministrazione pubblica e del governo per affrontare i problemi reali del paese e non certo i rappresentanti di una borghesia medio-alta che non hanno contezza di cosa sia il paese reale. Fosse non altro per evitare figure pietose ai limiti dell’incompetenza da parte dei nostri ministri.

Il fuoco sacro non brucia più

«Perché vuoi cambiare lavoro?»
«Perché mi hanno fatto disinnamorare.»
«Non hai il fuoco sacro?»
«…»
«Eppure è più importante quello che fai in classe, a scuola, che ciò che potresti fare in una biblioteca universitaria!»

Questo è stato il mio discorso di Capodanno, proprio mentre scoccava la mezzanotte, con un ragazzo che avevo conosciuto quella sera, alla festa alla quale ero stato invitato.

Il mio interlocutore, sinceramente convinto delle sue motivazioni, non riusciva a capacitarsi della mia perdita di senso di un mestiere, quello dell’insegnante, capace di plasmare – e lo dico in senso costruttivo – le giovani menti del domani. Mi ha molto colpito l’allusione al fuoco sacro, ovvero quella forza invisibile e pulsante che ti spinge, ogni mattina, ad affrontare il traffico romano e il capriccio degli elementi per raggiungere la tua classe e dispensare e condividere il tuo sapere.

Poi ho riflettuto, tra me e me, proprio su quest’ultimo aspetto: la condivisione del sapere. Perché quando ho scelto questo mestiere, perché l’ho scelto (e forse anche esso ha scelto un po’ me), avevo improntato quel senso – ormai perduto – proprio su quelle corde. La realtà mi ha disingannato. O forse mi ha proprio ingannato.

Perché?

Vi racconto un fatto accaduto a me. Per cui un fatto reale. In una scuola in cui ho lavorato, anche se per poco a dire il vero, mi è stato chiesto, a un certo punto, di collaborare alla gestione del decoro e dell’ordine nell’ambiente di lavoro. In altre parole, di fare noi, prof e allievi, le pulizie dei locali.

«Sa prof, noi insegnamo ai bambini a sparecchiare e a rassettare la sala…»
Che va tradotto con: non paghiamo abbastanza le signore della mensa, quindi per rimettere in ordine ci dovete pensare voi. Sgrassatore in mano, si intende.

Il dramma sta nel fatto che, lo stesso ragionamento, puoi applicarlo per ogni altra cosa.
Prendiamo le gite di istruzione, ad esempio. Le nuove normative richiedono, a noi docenti, di provvedere ai controlli dei pullman e del personale assegnato. Immaginate una conversazione siffatta? «Scusi, mi fa vedere i freni? Sa, non vorrei che, poi, andiamo giù per una scarpata…». Oppure, immaginate di dover fare il controllo dello stato tossicologico dell’autista: «Senta buon uomo, lei si droga?».

Tutto questo per per 1300 euro al mese e un boato di Irpef da pagare a fine anno scolastico (io da solo, per il 2010, tre mesi dei quali in stato di disoccupazione, ho versato 2500 euro alle casse dello fisco). Per non parlare dei 700 euro di tasse al mese, decurtati direttamente dalla busta paga.

Nel mio caso c’è poi una doppia aggravante.

La prima, non insegno quello per cui mi sono laureato, ma ogni anno raccolgo le briciole di cattedre non coperte dai colleghi. Dovrei condividere il mio sapere in letteratura italiana e latina, e invece di volta in volta mi ritrovo a gestire dalle sette alle quindici classi per volta, tra geografia, storia e “approfondimento letterario” (una delle tante inutili trovate del fu ministro Gelmini). In termini di diritto del lavoro si chiamerebbe “demansionamento”.

Secondo poi: sono gay e lo Stato non riconosce nulla, attraverso la sua classe politica inetta e ai limiti della delinquenza, delle mie rivendicazioni. Esige da me ogni dovere e non rilascia il godimento di alcun diritto richiesto che, stiamo bene attenti, mi viene negato proprio per il mio orientamento! Lavoro, cioè, per una società che esige il mio senso del dovere senza corrisponderlo in altri diritti concreti (parlo di sgravi fiscali dentro la coppia o la coabitazione, ad esempio).

In un quadro siffatto, credo che sia abbastanza normale che la fiamma di ogni natura si spenga da sola. Come sempre avviene quando finisce l’ossigeno.

Poi è vero pure che ho scelto di non fare della mia vita il banco di prova di qualsivoglia sacrificio o martirio. Ho deciso, in altri termini, di non operare per la salvezza dell’umanità. Per quello esistono gli eroi e io non ho nessuna intenzione di ricoprire tale ruolo.

Per questa vita ho scelto un più sano egoismo. Se devo diventare una brutta persona – in altri termini, e perdonatemi la provocazione – che sia per denaro e responsabilità consone. Ma non certo per un percorso di vita venduto come umanamente elevato e poi ridotto, fatti alla mano, ad una specie di manovalanza e manco intellettuale.

Di esercizio di intelletto, nel mio lavoro, c’è ben poco. Poi, certo, esiste la mia umanità ed è il cerchio di fuoco (sacro?) in cui proteggo i miei allievi e le mie allieve dal male del mondo. Ma continuare a far questo, così come è ora, significherebbe essere eroi. E ho già detto, mi pare, che non sono più disposto a farlo. Un po’ mi infastidisce, siamo d’accordo. Anche questo ragionamento, dico, che trasuda di cinismo. Ma nella vita si fanno delle scelte. Ed io ho scelto me. Punto.

Addio professoressa

Quando in classe, ai miei allievi e alle mie allieve, parlo di Rita Levi Montalcini, lo faccio per un insieme di ragioni.

Innanzi tutto, perché era una donna, un premio Nobel, un esempio di impegno nonostante le avversità della vita: la dimostrazione che lo studio, la cultura e il sapere sono cose che, ancora oggi, possono renderci fieri di essere, prima ancora che italiani, delle persone. Di questi tempi, e credo di interpretare il pensiero di molti, non è poco.

Ne parlo perché era ebrea, perché il regime fascista la allontanò dall’università, perché ha pagato, sulla sua pelle, il segno ignominioso della discriminazione, dell’emarginazione, le conseguenze più tragiche della stupidità e della follia umane.

Ne parlo perché aiutava i partigiani a nascondersi e li curava, in segreto, mentre l’Italia era in mano ai criminali nazi-fascisti. Lei seppe combatterli con le due uniche armi che aveva: il coraggio e la scienza.

Ne parlo, e ne parlerò ancora, perché era una persona che aveva una grandissima coscienza civica, democratica e politica. Perché era un esempio luminoso di laicità. Perché in un paese come il nostro, consegnato quotidianamente dalla politica nelle mani del vescovo di turno, persone come lei sono sempre più rare da trovare nelle istituzioni.

Per tutte queste ragioni ho sempre parlato di lei, durante le ore di educazione civica: perché rappresenta, con la parabola di vita, un esempio umano altissimo per poter parlare di condizione femminile, di minoranze, di laicità, di antifascismo. Valori che la Repubblica sta perdendo, in mano a questa pletora che si distingue per arrogante inettitudine.

«L’assenza di complessi psicologici, la tenacia nel seguire la strada che ritenevo giusta, l’abitudine a sottovalutare gli ostacoli – un tratto che ho ereditato da mio padre – mi hanno aiutato enormemente ad affrontare le difficoltà della vita.»

Addio professoressa Levi Montalcini. Lei è sempre stata, per me, un grande esempio. Lo dico senza retorica. Lo dico con le lacrime agli occhi.