Al Gender Bender, grasso è bello!

Sono sempre stato grasso dentro. E spesso anche fuori. Ho fatto tre diete, ho perso rispettivamente 15, 23 e 14 kg. Sono una fisarmonica. La mia psicologa diceva che ingrassare era il mio modo di espandermi in un mondo che non mi voleva vedere. E se affermo che sono grasso dentro, è perché col cibo non ho affatto un rapporto problematico. Riesco, anzi, a contenermi benissimo. Lo dico perché con esso ho, invece, un rapporto orgiastico. Paolo e Francesca, insieme a molti altri, finirono nel girone dei lussuriosi per la loro incontinenza sessuale. Ecco, nel mio caso Dante non potrebbe mettermi (solo) tra i lussuriosi o in alternativa tra i golosi. Dovrebbe creare un girone a parte per quelli come me. Per chi, con il cibo, ci fa l’amore. Anzi, molto spesso pure solo “sesso”. Ma sto tergiversando…

Tra un paio d’ore andrò a Bologna, per il Gender Bender. Mi ha sempre incuriosito questa manifestazione che si concretizza, anno dopo anno, in un’esplosione dell’essere. Quest’anno si parte dal concetto di “errore” per arrivare a porsi una domanda: ma quello che la gente pensa sia “sbagliato”, alla fine dei conti lo è davvero? Una domanda che, a parte la mia (ormai ex) grassezza, mi ha accompagnato per tutta la vita. E che forse ha accompagnato anche molti e molte di voi: “cosa c’è che non va in me?”, per poi realizzare, e lì comincia il processo di liberazione, che forse a non averci capito una mazza sono proprio gli altri. Ma sto tergiversando ancora…

Cosa c’entra l’esser ciccioni con il Gender Bender, mi direte voi. Beh, non so se può interessarvi, ma ho scoperto che in programma c’è questo film tanto carino, Big gay love, di Ringo Le, che parla di un ragazzo realizzato e adorabile, ma con un piccolo problema: «è piuttosto grassottello, il che fa di lui l’uomo che tutti adorano, ma che nessuno desidera».

Ci andrò perché la trama mi incuriosisce e perché parla anche un po’ di me. Perché molto spesso ci si sente poco amati perché ci si percepisce brutti e imperfetti, quando invece bisognerebbe capire il contrario e cioè che è amore anche quando si è più simili a un dipinto di Botero che a una scultura di Michelangelo.

Non voglio fare retorica e moralismo da quattro soldi (e milioni di pixel). Anch’io subisco il fascino dell’uomo ben fatto, sarei ipocrita a non ammetterlo. Ma, mi chiedo: quanta umanità lasciamo sfuggire inseguendo la forma? Che non vuol dire andar con chi non ci piace. Significa, semmai, di allargare il mondo in cui trovare e sperimentare il piacere e, chissà, anche un po’ di sentimento in più.

Si dice che l’esteriorità sia un male tipico dei tempi moderni e, soprattutto (ma questo non lo credo del tutto), del mondo gay. Credo che l’anima valga più del guscio. Credo che i gusci possano essere tanti e che ognuno possa trovare quello che più gli piace. Credo che sia un diritto anche avere un guscio più largo, se è così che ci si piace. Magari evitando di farsi scoppiare le coronarie con i grassi idrogenati, ma solo per una questione di salute. Poi il resto va da sé.

Quindi stasera ci si vede lì. Al cinema Lumière, in via Azzo Giardino 65 a Bologna. Poi magari si va a mangiare tortellini. E fanculo la dieta, almeno per questo week end.

Annunci

Primi segnali di rinnovamento, targati Pd-Sel-M5S

Bene il centro-sinistra. Davvero. E chi mi conosce sa quanto io sia stato feroce nei confronti del Pd in questi anni. Ma l’elezione di Boldrini alla Camera mi fa ben sperare che qualcosa in quel partito possa cambiare davvero. E chissà che non diventi, un giorno, la mia casa politica.

Qualche dubbio, invece, lo nutro per Grasso. Non perché pensi che non sia una persona per bene, ma ha elogiato la lotta “anti-mafia” di Berlusconi. Insomma, quest’affermazione mi ha lasciato estremamente perplesso, a suo tempo.

A tal proposito c’è gente che mi dice che se il capo della DIA ha elogiato il passato governo qualche ragione dovrà pure averla. E che non si può buttare tutto il berlusconismo a mare. Per il garantismo, la buona fede e quelle cose lì.

Io penso, tuttavia, che dopo vent’anni di berlusconismo essere garantisti è come leggere per la seconda volta tutto Harry Potter e sperare, fino all’ultima pagina del settimo libro, che Voldemort diventi buono e si converta al bene. Ma queste sono elucubrazioni domenicali e mattutine di un elfo che non ha ancora preso il suo caffè.

Poi per carità, penso che Grasso sia una persona a modo e credo che farà del bene, in Senato.

Per il resto, un ultima considerazione: credo che tale rinnovamento, dentro il parlamento, sia dovuto in parte anche all’azione rinnovatrice del M5S. Se così fosse, ne conseguirebbe che il movimento di Grillo farebbe solo bene alla democrazia e alle nostre istituzioni. E proprio per questa ragione, proprio per quel desiderio di novità e di trasparenza, nel nome del bene collettivo, l’unica alleanza possibile in questo momento per questo paese è quella tra Pd, SEL e M5S.

Quella classe dirigente, tanto inadeguata, ha comunque dato prova di cambiamento. Ripeto, coi grillini e con il loro fiato sul collo. Altrimenti ci saremmo ritrovati ancora mummie istituzionali quali Franceschini e Finocchiaro (e magari Amato alla presidenza della Repubblica).

Speriamo solo che il M5S segua il buon senso dimostrato da alcuni dei suoi al Senato. Perché qui non è importante il disprezzo di Grillo per le intellighenzie di Pd e PdL. Qui c’è di mezzo il paese, i suoi interessi e il futuro di tutti e tutte noi. Se non fosse chiaro.