E adesso tutti vorrete parlare della terza

Lo dicevo ieri sera alla mia amica Sedanina. E non lasciatevi ingannare dal nomignolo, è persona serissima e di buon cuore! Le dicevo che è colpa della terapia. E della primavera. Perché in me si agitano tre forze, tutte insieme o una alla volta, a seconda del momento.

La prima è quella che ho chiamato del tipo “Grey’s Anatomy” ed è la sensibilità. Mi succede, infatti, di commuovermi ed emozionarmi anche per cose abbastanza ordinarie. O di fronte alla bellezza. Come un assolo di violino, capace di inumidirmi gli occhi e di farmi esplodere in lacrime.

Poi c’è quella del tipo “Incredibile Hulk”. Come l’altro giorno in via del Corso. Camminavo distrattamente e un’auto blu mi ha tagliato la strada, sulle strisce. Ed io a dargli addosso. Dovevate vedermi: una forza della natura! Perché loro si credono i padroni del mondo. Perché io ero sulle strisce e lui, con l’autobludimmerda, mi è passato davanti, solo perché ha il potere di stocazzo. E mentre me lo mangiavo vivo, lui dentro il finestrino, io di fronte a un negozio, una piccola folla, da dietro, mi invitava all’umità, a voce sempre più alta, con un «guarda che hai il rosso…». Ed io, che il semaforo non l’avevo proprio visto, non ho fatto niente, mi son messo da parte e ho fatto finta di mandare un sms. Comunque fiero e altero!

Infine c’è la terza forza. Quella che ho ribattezzato col nome di “Ilona e Moana”. Ma di questa, semmai, ne parlo in fascia protetta. Comprenderete, spero.

Annunci