Precarietà (e precariato)

Cambiare casa ogni sei mesi.
Cambiare lavoro ogni sei mesi (quando va bene).
Cambiare città dopo trentacinque anni.
Sono cose che poi ti fanno perdere il senso e vivi per il mezzo, non più per il fine.

Tutto questo ti fa perdere contatto con la realtà. E, paradossalmente, per eccesso di realtà.

(musa ispiratrice: Marzio)