Dal Fatto Quotidiano: “Omofobia: contro i diversi? Discorsi sempre uguali”

I protocolli dei savi di Sion

I protocolli dei savi di Sion

Cambiano le categorie da odiare: ebrei, neri, omosessuali, rom… i discorsi che si fanno contro queste categorie sono però sempre gli stessi.

Ad esempio:

«Gli ebrei erano accusati si essere destrutturanti per le società con cui erano a contatto a causa del mito dell’ebreo errante, tale Aasvero che derise Gesù durante il suo cammino verso il Golgota. Gesù allora lo condannò a vagare per sempre fino a quando non sarebbe tornato per la fine dei tempi. Questa leggenda giustificò per secoli il fatto che gli ebrei non avessero patria e fossero incapaci di “integrarsi”. Anche oggi, sempre scomodando racconti mitici – Sodoma e Gomorra su tutti – il gay viene narrato come potenziale distruttore della società e della famiglia

Il resto lo potete leggere nel mio articolo sul Fatto Quotidiano.

Annunci

Vi spiego perché l’omofobia è simile al nazismo

manifnazi

Le proteste di Manif pour tous

Un mio post su Twitter ha fatto molto arrabbiare Manif pour tous Italia.

Eppure non c’è molto da dire sulla questione. Storicamente è andata così.

C’era una corrente di pensiero che vedeva i neri e, più genericamente, le popolazioni non europee come inferiori ai bianchi. I neri, per questa ragione, nella loro lotta di liberazione hanno dovuto scontrarsi co un atavico razzismo, che ha portato in America a iniziative ingaggiate dal famigeratissimo Ku Klux Klan.

Per secoli, ancora, gli ebrei sono stati considerati un’aberrazione dal pensiero cristiano in quanto “deicidi”. Millenni di antisemitismo hanno portato non solo a discriminazioni e ghettizzazione, ma anche al tragico fenomeno del nazismo e dei campi di sterminio.

Adesso, dopo ebrei e neri (e con modalità diverse ma dinamiche analoghe, ricordiamo anche la questione femminile), è il momento della liberazione delle persone LGBT. Il nemico di noi gay, lesbiche, bisessuali e persone trans è l’omo-transfobia. Questo fenomeno è ingrediente di violenze e aggressioni. Basta vedere cosa sta succedendo in Russia e in Nigeria. O basta ricordare cosa accade in paesi come Iran, Sudan, Somalia, ecc.

manifpourtous

I commenti di una militante di Manif pour tous

Ergo l’omo-transfobia nasce in quello stesso sottobosco “culturale”.

La risoluzione europea per altro è molto chiara in merito:

l’omofobia consiste nella paura e nell’avversione irrazionali provate nei confronti dell’omosessualità femminile e maschile e di lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT) sulla base di pregiudizi, ed è assimilabile al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo […]

Poi non si arrabbino i/le militanti di certe associazioni se – secondo il mio parere, supportato da evidenze storiche e pronunciamenti istituzionali – certe iniziative sono riconducibili, culturalmente, al retroterra che ha dato linfa al nazismo e alle violenze contro i neri.

Per altro, proprio rifacendosi a quanto loro stessi dicono, non hanno bisogno di inalberarsi di fronte a certi paragoni. Significherebbe non rispettare chi non la pensa come loro. E loro sono sensibilissimi su questo punto. Converrete…

Se anche il rabbino perde la memoria…

Gilles Bernheim, gran rabbino di Francia, si è recentemente scagliato contro la decisione di Hollande di allargare il matrimonio alle coppie formate da persone dello stesso sesso. Per fare questo, il religioso ha scritto un saggio di una ventina di pagine, intitolato Mariage homosexuel, homoparentalité et adoption: ce que l’on  oublie souvent de dire (Matrimonio omosessuale, omogenitorialità e adozione: ciò che spesso si dimentica di dire).

Premetto che ho visionato in modo incompleto l’intero documento, lacuna che mi riservo di colmare nei prossimi giorni. L’impianto del saggio, tuttavia, sembra ricalcare la vulgata, ormai classica, di un pensiero omofobo – e attenzione, non sto parlando di violenze generiche, ma di un tipo di violenza specifica in cui rientrano anche le dichiarazioni del rabbino – che percepisce e dipinge i gay come pericolosi:

1. per la società, perché incapaci di creare un’armonia sociale e infatti, secondo altre tendenze religiose, saremmo oggettivamente disordinati
2. per la libertà, in quanto al centro di congiure internazionali per controllare, attraverso azioni di lobbismo, la politica dei paesi in cui viviamo
3. per le future generazioni e a questo proposito faccio notare l’equazione, non troppo rara, ahimè, tra omosessualità e pedofilia.

A tal proposito, vorrei ricordare al rabbino capo, semmai avessi l’onore di conferire personalmente con lui – e sappiamo tutti/e che questo mai accadrà, per cui mi limito a queste parole qui sul mio blog – tre leggende che circolavano sul suo popolo fino a non molti anni fa:

1. il mito di Aasvero, l’ebreo errante per aver deriso Gesù sulla croce e destinato a non avere fissa dimora – e con ciò gli antisemiti giustificavano la condizione di senza patria del popolo ebraico
2. i protocolli dei Savi di Sion, documenti falsi ma spacciati come reali, per dimostrare la volontà da parte degli ebrei di voler dominare il mondo3. il mito della Pasqua ebraica, per cui i “perfidi giudei” rapivano e sgozzavano bambini cristiani per impastare, col sangue delle giovani vittime, il pane azzimo da consumare per la celebrazione.

Come si può notare agevolmente, cambiano le forme, per altro anche poco fantasiose, di “narrazione” del pregiudizio, ma la dinamica pare essere sempre la stessa: essere dipinti come minacce per le persone, per la loro libertà, per il loro futuro.

Monsieur Bernheim dovrebbe ricordare, ancora, che l’insieme di queste dinamiche ha costituito un ottimo terreno di coltura per tutte le tragedie che il suo popolo ha dovuto subire e per le quali, tra qualche settimana, verrà giustamente ricordata la Shoah nelle scuole e nei luoghi istituzionali.

Dal rappresentante massimo di una comunità così importante, anche per la storia (anche tragica) che essa porta con sé, mi aspettavo una maggiore sensibilità verso il trattamento delle minoranze. Le vicende del suo popolo ci avrebbero dovuto insegnare che se crei una lacerazione nel tessuto sociale, per cui generi una componente di “diversi” sotto il profilo giuridico, poi quel principio potrà essere applicato a qualsiasi altra categoria. E, penso, siamo arrivati a un punto della nostra storia – storia comune, egregio Bernheim, perché anche i gay vennero sterminati nei lager nazisti – in cui certe leggerezze dovrebbero essere considerate un lusso per imbecilli e non ingredienti argomentativi.

Ho sempre pensato che la diversità abbia un carattere rivoluzionario proprio perché ci impone di pensare in modo “ulteriore” rispetto alla norma condivisa e fare in modo che il mondo dei normati e dei normali diventi il mondo di tutti e di tutte, dove poter esprimere le proprie peculiarità. Credo sia un principio insieme liberale, democratico che risale alle origini più nobili della nostra cultura, a cominciare da quella illuminista.

E pare, purtroppo, che Gilles Bernheim abbia dimenticato cosa significa appartenere a una categoria che viene stigmatizzata per il solo fatto di esistere. Ribadisco: per il rappresentante di una cultura che basa la propria esistenza, tra le altre cose, sul valore della memoria, questa mi sembra una leggerezza ben poco tollerabile.

La Russa, la Zanzara e la fissa per i gay

Riporto il pensiero di Romano La Russa, pdiellino, fratello del più famoso Ignazio sebbene con accento meno sgradevole, riassumibile nelle perle che seguono (tra parentesi i miei dubbi):
• non ho nulla contro i gay basta che no ostentino (che cosa?)
• i gay vogliono imporre il loro punto di vista agli eterosessuali che non la pensano come loro (di cosa stiamo parlando?)
• i gay sono organizzati in una lobby potente che vuole imporre il proprio punto di vista (lo si diceva anche degli ebrei, almeno fino ai tempi dei lager nazisti)
• i gay sono malati, ma si possono curare (Povia docet)
• non ho figli o nipoti gay, ma non sarebbe un problema, anche se preferirei di no (coerenza, questa sconosciuta)
• se tutto il mondo fosse abitato da gay ci sarebbe la fine del genere umano (purtroppo l’uomo riesce a sterminarsi da solo con l’esclusiva presenza degli idioti, i gay non c’entrano nulla).

Per il resto, c’è da dire che La zanzara dà, ancora una volta, il diritto di parola su questo tema a un omofobo. Ed è questo il vero problema del nostro paese: gente che pensa di fare opinione e la costruisce su chi non sa un fico secco dell’argomento trattato.

Io, fossi stato in loro, mi sarei concentrato esclusivamente sul reato contestato a La Russa: finanziamento illecito. Una robetta da niente, insomma. Ma per gli autori e i conduttori di Radio 24 e La Russa il problema sono i gay. Sarà.

8 dicembre: o del perché la Bibbia è un fantasy

Oggi è l’otto dicembre, o giorno dell’Immacolata Concezione.

Secondo la teologia cattolica, Maria venne concepita senza peccato originale, poiché destinata a esser la madre di Dio. A ben vedere, niente di più di una “fecondatio ad personam”.

Mi sono sempre chiesto, poi, come mai l’Onnipotente abbia deciso di salvare l’umanità tutta partendo dalle periferie del mondo. Avrebbe potuto scegliere una romana e facilitarsi il compito.

Ad ogni modo, Maria venne generata per essere l’incubatrice divina del futuro messia. Non chiese questo destino e, a leggere i Vangeli, le fu imposto pure di dare il nome scelto dall’alto a suo figlio. (Però poi ci lamentiamo dei talebani…)

Ovviamente, scherzi a parte, si capisce la natura intima della religione di Cristo solo se si comprende un’evidenza che a molti, tuttavia, sfugge. Il Dio degli ebrei era (e sostanzialmente resta) un piccolo dio locale di un popolo schiacciato tra tre imperi. Per sopravvivere e darsi coraggio il “popolo eletto” fu costretto a dotarsi di una divinità superiore alle altre. Una versione ante litteram dell’amichetto immaginario, in parole povere.

Poi, dopo Gesù, questo piccolo dio di provincia – certamente permaloso e anche un attimo isterico – si internazionalizza e la “bottega” si trasforma in multinazionale. Qualcuno parlerebbe di “effetto McDonald’s”.

Da tutto questo possiamo dedurre tre aspetti di una certa rilevanza antropologica.

1. Come tutti gli arricchiti, anche a Dio piace fare sfoggio. O non si spiegherebbe il Vaticano.

2. Il cristianesimo è ciò che succede quando prendi troppo sul serio un fantasy.

3. Dopo questo post il mio curriculum vitae, inviato tempo fa alle scuole ebraiche di Roma, non verrà mai preso in considerazione.

Converrete.

Pedofilia: governo e chiesa uniti nella lotta. Contro i giudici

Pietro Forno, che come si legge su Repubblica on line è  «procuratore aggiunto di Milano, capo del pool specializzato in molestie e stupri», in una recente intervista rilasciata al Giornale ha dichiarato che nei tanti anni in cui si è trovato a dover indagare su casi di pedofilia all’interno della chiesa, le indagini sono sempre partite dai familiari delle vittime e mai dagli esponenti del clero.

Dichiarazione sufficiente per scatenare le ire del ministro Alfano, che in un momento di ulteriore impeto garantista ha deciso di mandare gli ispettori a Milano per capire se ci sono gli estremi per parlare di diffamazione contro le gerarchie cattoliche.

Un po’ come dire che certi abusi dentro questa o quella fabbrica sono denunciati per lo più dagli operai e non dai dirigenti dell’azienda e lo Stato, invece che controllare la natura dell’abuso, manda la polizia contro il sindacato che protegge i lavoratori. Ma questa d’altronde è la destra che attualmente ci governa.

Mentre il nostro Guardasigilli paga, forse, il prezzo dell’appoggio delle gerarchie vaticane di cui sopra nell’appena trascorsa campagna elettorale, tale Raniero Cantalamessa – nomen omen – frate cappuccino e predicatore della Curia di Roma, sempre secondo Repubblica, durante l’omelia della Passione, ha definito l’attacco di questi giorni contro la chiesa simile all’antisemitismo razzista.

Qualcuno dovrebbe far notare rispettivamente al ministro e al frate quanto segue:

1. dire che specifiche denunce arrivano dalle vittime e non da chi dovrebbe controllare come vanno le cose dentro certe sacrestie non è diffamazione. È la triste constatazione del fatto che il Crimen solicitationis di Joseph Ratzinger, attualmente papa, evidentemente ha fatto scuola. Per altro se ne sono accorti pure in America, visto che vogliono portare Benedetto XVI in tribunale per chiarire certi suoi rapporti con sacerdoti accusati di aver fatto stupri di massa contro minori;

2. paragonare un’azione giudiziaria da parte degli organi dello Stato contro stupratori di bambini alle torture che i nazisti infliggevano agli ebrei è un’enormità che grida vendetta da parte dello Stato e della Magistratura, paragonati ai carnefici dei lager; e da parte degli ebrei, ridotti alla stessa stregua dei pedofili accusati e condannati per i loro crimini orrendi.

Poi, siccome al peggio non c’è mai fine, e la chiesa è fatta da uomini, alcuni dei quali preferiscono il peggio a Dio, ugualmente infinito, tale monsignor Girotti, si legge sul sito dell’UAAR, ammette serenamente che è peggio praticare l’aborto piuttosto che stuprare un bambino, poiché l’aborto è omicidio mentre la violenza su minore, se accompagnata da sincero pentimento, si può perdonare.

Ancora, dal sito dell’UAAR, leggiamo:

«L’intervistatore chiede se il confessore possa denunciare il colpevole all’autorità giudiziaria e Girotti risponde in maniera secca: “Assolutamente no. Il confessore non solo non può imporgli l’autodenuncia, ma non può nemmeno recarsi da un magistrato per denunciarlo. Romperebbe il sigillo sacramentale”».

Possiamo dormire sonni tranquilli, insomma. Se abbiamo commesso un crimine orrendo e ci mostriamo sinceramente pentiti davanti a Dio, e possibilmente a debita distanza dalla giustizia, troveremo pace e perdono e la chiesa non farà nulla per consegnarci nelle mani di polizia e tribunali.

Se poi dovessimo incappare in questa disgrazia non c’è d’aver molta paura: troveremo sempre qualche prete compiacente che farà di noi vittime da olocausto e uguale a un ufficiale delle SS chi cerca di far rispettare le regole. E se il giudice racconta, né più e ne meno, ciò che succede, questo governo gli metterà i bastoni tra le ruote inviando i suoi ispettori. Non sia mai che ciò che è evidente diventi pure di dominio pubblico.

Alla luce di tutto questo non stupisce poi più di tanto come mai, nelle ultime regionali, gli uomini di Silvio e gli uomini di Dio siano andati tanto d’accordo.