Durelli di pollo al Martini

Ok, posso pure essere d’accordo con voi. Mangiare frattaglie non è chic. Roba da invertiti, sono perfettamente d’accordo.

Ma.

Io le faccio col Martini. Dry, per l’esattezza… per cui adesso smettetela di fare quelle facce schizzinose – che poi magari andate a mangiare da McDonald’s o dal paninaro con camioncino e non muovete ciglio – e prendete il cucchiaio di legno e la padella. Credetemi, non ve ne pentirete.

Ingredienti:

  • durelli di pollo
  • cipolla
  • olio d’oliva
  • Martini dry
  • pepe nero
  • sale
  • aglio in polvere
  • curry (facoltativo)

preso tutto? Bene! Cominciamo.

Per prima cosa lavate per bene i durelli. Stiamo parlando dello stomaco del pollo – continuate a fare quelle facce… ma ci pensate a quello che mangiate quando aprite un wurstel? No? Informatevi – per cui un po’ di igiene male non fa.

Scaldare l’olio e mettervi la cipolla tagliata a striscioline. Quando sarà imbiondita per bene, versate i durelli e le spezie (il pepe, l’aglio e, se ce lo volete, pure il curry).

Saltare per bene, quindi versare un mezzo bicchiere di Martini dry. Lasciar evaporare per bene e, a cottura ultimata, servire caldo accompagnandosi con un bicchiere di vino bianco.

La seguente ricetta, che come vedete è di una facilità scandalosa, può essere cambiata sostituendo ai durelli i fegatini di pollo, i cuori, i polmoni. Se il Martini non vi piace, potete sostituire con del vino bianco secco. Se poi non vi ho proprio convinto, siete liberissimi/e di andare al fast food o di prendere una pizza. Ma non sapete cosa vi perdete. Ecco.

Annunci