Il Pd, Elsa e Priebke al governo

Il Partito democratico non ce la fa. Non è nel suo DNA essere una formazione seria capace di creare indirizzi politici forti e, quindi, strategie vincenti per vincere le elezioni e governare il paese, per fare dell’Italia uno stato moderno, europeo, realmente democratico, laico e liberale.

Si era visto, per altro, già dalla sua costituzione, assolutamente contro natura, per cui un partito di sinistra (o presunto tale) ha svenduto il suo patrimonio elettorale ai residuati bellici dell’ex DC – Bindi, Fioroni, ecc – o lo ha regalato a quei trasformisti della politica italiana a cominciare da Rutelli. Roba che manco una drag queen, in confronto.

A guidare questa transizione verso una delle pagine più grigie della storia della Repubblica, l’ex sindaco di Roma, Veltroni, che facendo cadere il governo Prodi ha consegnato il paese intero in mano a Berlusconi, assieme ad altre due colonne della politica italiana: Rutelli e Fassino. I quali passeranno alla storia per aver decretato la morte dell’unico partito possibile, un soggetto socialista-democratico (senza nessuna e) sul modello della SPD o del PSF, per intenderci. E invece…

Adesso questo transatlantico alla deriva è pilotato da un capitano la cui stessa base mette in discussione – altrimenti Renzi non avrebbe ragion d’essere – rappresentativo solo della poltrona che occupa, esempio “illuminato” di una casta di sciagurati che in un paese serio qualsiasi, sarebbe già stata sterminata, politicamente parlando.

Nel contesto italiano, sarebbe facile, adesso, vincere le elezioni. Pressare il governo per non far passare le leggi ultra-conservatrici che favoriscono banche e speculatori a danno dei cittadini onesti, ad esempio. Minacciare gli alleati di far saltare ogni cosa, se dovesse passare la proposta di legge elettorale che penalizzerebbe una probabile coalizione SEL-Pd. E invece…

Bersani vuole Casini, in un impeto affettivo talmente incomprensibile che potrebbe dar adito al sospetto di pulsioni omoerotiche – mi si conceda la provocazione, non lo penso e non lo auspicherei nemmeno: i gay italiani non potrebbero subire anche questa mostruosità.

Casini lo vuole o politicamente morto, o subalterno alla sua politica confessionale e centrista, scenario che evidentemente a Bersani piace – ché forse è insita nella natura dei mediocri l’esser marginali o la stessa prospettiva di fare tale fine. Ma il Pd continua ad anelare alleanze con chi, in parlamento, o vota perché la comunità gay di questo paese venga ancora discriminata, oppure, quando non dà sfogo alla propria omofobia, fa eleggere personcine a modo come Totò Cuffaro.

Tutto questo è Casini, assieme il suo partito.
Tutto ciò Bersani desidera disperatamente.

In questa parabola di miseria umana e di terrore istituzionale, l’ultima sortita per pedere definitivamente l’elettorato progressista, il nostro Pierluigi l’ha partorita poco fa: se Fornero vuol far parte del suo governo, non ha che da chiederlo. Poco importa che questa gentile signora insulti milioni di giovani, tra precari e disoccupati, con epiteti esotici o che abbia già taglieggiato pensioni e diritti sociali. A Bersani basterà che la nostra si dichiari di sinistra. Poi potrà continuare, anche sotto il suo governo, il suo massacro sociale.

Due considerazioni sorgono lecite, a questo punto.

La prima è un’affermazione, quasi un consiglio: caro Bersani, guarda che se non li vuoi i voti della sinistra, basta dirlo eh!

La seconda è una domanda: visti gli alleati di cui ti circondi, il prossimo chi è, Priebke con delega alle pari opportunità?

In tal caso, basterà che l’ex comandante utilizzi la parola “compagno”. Visti i criteri di selezione, per Bersani sarà più che sufficiente.

Casini: matrimoni gay? Una violenza della natura

Diritti civili e matrimoni tra persone dello stesso sesso? Ecco cosa ne pensa Pierferdinando Casini, leader dell’UdC:

Roma, 20 LUG (il Velino/AGV) – «Se si tratta di stabilire delle garanzie giuridiche per coppie di conviventi, eterosessuali o omosessuali, credo che si tratti di un fatto di civiltà. Ma il matrimonio fra gay è un’idea profondamente incivile, non di frontiera di progresso». Lo ha detto Pier Ferdinando Casini nel suo intervento alla direzione dell’Udc, che l’ha definito «una violenza della natura sulla natura». Quanto alle adozioni delle coppie omosessuali «è più forte la volontà di due uomini o donne di avere una maternità, che prevale sulla tutela del bambino. Ma noi siamo dalla parte del bambino», ha affermato Casini. «Le nostre idee non sono oscurantiste, ma di progresso, civiltà e rispetto dei più deboli» ha concluso il leader Udc.

Chissà a quale bene superiore pensava Casini quando ha fatto eleggere in parlamento persone come Cuffaro, già indagato per rapporti con la mafia. E sempre questo signore, ricordiamolo, ha portato ai ranghi più alti della politica personaggi discutibili come Saverio Romano. Possiamo credere che le sue doti politiche, raffinatissime nello scegliere il peggio, stiano alla base anche di queste argomentazioni omofobe.

Un’ultima considerazione sul bene dei bambini: onorevole Casini, quando il suo partito votava per i finanziamenti delle scuole private – sottraendo le risorse all’istruzione pubblica, per altro in violazione alla nostra Costituzione – ha pensato che i figli di milioni di coppie che non possono permettersi di pagare le costosissime rette dei diplomifici cattolici? Ha pensato al bene di infanti e ragazzi/e che saranno costretti/e a studiare in scuole fatiscenti?

Casini, un consiglio spassionato: smetta di fare politica e si dedichi ad attività socialmente meno dannose. Lei per questo paese ha già fatto abbastanza, a cominciare dall’aver contribuito a portare in parlamento indagati e i responsabili del peggior berlusconismo. A cominciare da chi lo ha creato.

Le cose di cui dovrebbe vergognarsi Pier Ferdinando Casini

«Vorrei ringraziare i giovani che mi hanno contestato e spiegare loro che sono fiero di essere un sostenitore del governo Monti, cosa di cui non mi devo vergognare».

Questo il commento di Pier Ferdinando Casini, in merito alla protesta degli studenti catanesi durante la sua lectio magistralis alla Facoltà di Scienze Politiche, al grido di “nessuna lezione dall’UdC”.

Temo che i ragazzi dell’Università di Catania volessero andare oltre le motivazioni politiche del sostegno dei centristi all’attuale governo.

Tradotto in altre parole, un sano senso della vergogna dovrebbe sgorgare, nella mente del gentile presidente, per altri fatti quali:

  • la sua omofobia e la fiera opposizione alla legge contro le aggressioni ai gay
  • l’aver sostenuto e votato la legge 40, lesiva della dignità e della salute delle donne
  • l’aver candidato e fatto eleggere Totò Cuffaro, condannato per rapporti con la mafia
  • l’aver candidato e fatto eleggere l’ex ministro Romano, indagato per rapporti con la mafia
  • aver avallato, per molto tempo, la politica berlusconiana, con le sue vergognose leggi.

Ecco, per tutto questo in un paese normale non si verrebbe nemmeno eletti nemmeno in una circoscrizione di quartiere. Casini, invece, non viene nemmeno sfiorato dal benché minimo imbarazzo. Ne prendiamo atto.

Sondaggi: si vince comunque, anche senza l’UdC

Fonte: Sondaggi Politico-Elettorali

Adesso qualcuno prenda il pallottoliere e lo spieghi a D’Alema e a qualche altro genio che sta a capo del Partito Democratico: PD-SEL-IdV più alleati minori stanno al 45,5 (si badi: senza Rifondazione).

PdL e Lega con qualche alleato minore non arrivano al 37%. L’UdC è al 6%.

Si vince, cioè, senza rincorrere il leader di un partito integralista e omofobo che si è distinto, fino a ora, per aver candidato gente impresentabile (Saverio Romano e Totò Cuffaro) e per aver contribuito a determinare le fortune elettorali di Silvio Berlusconi.

Il “nuovo” Ulivo, la solita idiozia

Se si potesse tornare alla terminologia degli anni 90, quando i partiti avevano nomi di fiore o di slogan calcistici, il partito democratico potrebbe essere ribattezzato con una sola parola: il neurone.

L’idea l’ho mutuata dall’amico Hismael Dos, il quale qualche anno fa, riferendosi alla stanza di importante luminare della facoltà di Lettere, etichettò così l’intero entourage della persona in questione in ragione delle geniali idee che venivano partorite in quell’ambiente.

Mutatis mutandis, la geniale idea questa volta è venuta all’immancabile, per niente ottima ma sicuramente immensa (e non alludo al peso) Rosy Bindi. La quale, dall’alto delle sue competenze da stratega elettorale, apre niente di meno che a Gianfranco Fini e al suo gruppo. E si badi, non per un’alleanza parlamentare, che sarebbe legittima, per progetti di breve periodo – come ad esempio la legge elettorale – bensì per quello che si profila come nuovo Ulivo.

Questa prova di acume d’ingegno fa il paio con le aperture di Massimo D’Alema a Casini: baffino, infatti, sembra non riuscire a fare a meno dell’alleanza con le fronde più becere del cattolicesimo parlamentare. Le stesse, per intenderci, che reputano legittimo che i gay vengano picchiati senza nessuna legge che faccia da deterrente – ma d’altronde D’Alema è omofobo – e che permettono che persone della caratura morale di Cuffaro siedano al Senato della Repubblica.

Questi geni delle alleanze parlamentari non si rendono conto che il nuovo Ulivo – che andrebbe ribattezzato con l’epiteto di “nuovamente Ulivo” – non può o non dovrebbe basarsi sull’ormai logora ricetta dell’ammucchiata elettorale. Il “nuovo” non è la riproposizione di vecchi schemi già sconfitti dalla storia degli ultimi quattordici anni. Per vincere Berlusconi ci vuole semplicemente un progetto, non un’accozzaglia di nomi. D’Alema e la Bindi, evidentemente, incapaci di aver creato l’alternativa, si aggrappano all’unica cosa che conoscono bene per andare avanti: il loro pressapochismo, nella speranza che l’elettorato del pd si faccia piacere anche quest’ennesima brodaglia neocentrista, paramafiosa e cattomofoba.

L’aspetto più deprimente, per altro, sta proprio nel fatto che D’Alema rivendichi con un certo orgoglio, tipico di ogni gradasso che non riesce a vedere la propria ridicolaggine, l’esperimento piemontese: UDC e piddì, dice l’eterno sconfitto, hanno già fatto un’alleanza. Già. Peccato che quell’alleanza ha portato alla sconfitta.

Dovrebbero poi spiegarci le due menti eccelse cosa dovrebbe indurre un ex missino, forse convertitosi a un certo repubblicanesimo all’italiana, a votare a una coalizione abitata da ex-dc ed ex-comunisti. O perché un elettore di Vendola dovrebbe farsi piacere le richieste dei ciellini. O ancora, perché un elettore gay vicino a SEL o a Di Pietro dovrebbe sentirsi a suo agio in una coalizione con la Binetti.

Per altro, se tutto questo dovesse portare dei frutti, finirebbe come nel 1996 e nel 2006: una maggioranza litigiosa, destrutturata, priva di un programma comune, disomogenea e in balia dei vari personalismi.

Il partito democratico in realtà teme le elezioni e non potendo rappresentare un’alternativa – lacerato com’è al suo interno tra veltroniani e dalemiani, tra laici e cattolici, tra persone che credono nei diritti civili e chi invece obbedisce agli ordini del Vaticano – si inventa l’unica via d’uscita che è in grado di produrre forse per tara genetica: la grande ammucchiata. E non è detto però che questa volta funzioni, come è accaduto in passato.

D’Alema e la Bindi, in buona sostanza, stanno preparando il terreno per l’ennesima vittoria elettorale di Berlusconi. Con buona pace di chi, forse perché in buona fede, forse perché per spirito di parte, elogia la geniale idea partorita da menti tutt’altro che geniali.

In tutto questo tripudio del niente aromatizzato con l’antico sapore dello stantìo emerge una solida unica certezza: a parlare di elezioni e di alleanze non è il segretario del pd. Bersani viene dietro le due eminenze grigie di un partito che, per giustificarsi agli occhi dell’elettorato, ha bisogno di prestanome e maggioranze fittizie. Quando basterebbe molto di meno per essere concorrenziali. A partire da un paio di idee buone e persone più motivate a portarle avanti.

Cannoli e primarie

Una cosa che mi fa esser fiero del mio esser siciliano è che non sono come molti altri siciliani. A cominciare dalla cabina elettorale. Luogo dove il mio problema, semmai, è quello di entrare senza eccessivo senso di nausea per chi non votare. Di fatto, tuttavia, c’è, e questo è incontrovertibile, che non ho mai votato a destra e, soprattutto, questa destra che, in Sicilia come in Italia, presenta personaggi discutibilissimi.

Uno di questi è Totò Cuffaro, proveniente dalla DC e oggi nell’UDC. Governatore della mia regione per ben due mandati. Contro di lui, qualche anno fa, venne scelta grazie alle primarie una persona del rango morale di Rita Borsellino. Personaggio politico osteggiato dal pd siciliano – che oggi è al governo della regione con Lombardo e Micciché, e credo di aver detto tutto – e che ha raccolto un terzo delle preferenze dell’elettorato, contro un abbondante 60% dei miei corregionali che scelsero di mandare al governo un aiutante della mafia.

Quel 60% dei miei corregionali, ricordo, è lo stesso che assieme ad altri popoli d’Italia, quali veneti e lombardi, permette al berlusconismo di distruggere l’Italia, la sua democrazia e il suo diritto.

Cuffaro è ben noto alle cronache giudiziarie perché, condannato a cinque anni di reclusione per aver favorito le cosche mafiose, ma senza il reato di concorso esterno, festeggiò la sentenza offrendo cannoli a tutti, in regione. Ciò ci dimostra, per altro, non solo l’arroganza del personaggio politico, ma anche l’assoluta mancanza di stile.

Adesso, invece, è stato condannato in appello a sette anni per avere agevolato la mafia e per rivelazione di segreto istruttorio. Una gran bella personcina, a ben vedere. E lui, Totò, poiché rispetta la sentenza, ha deciso di rinunciare a ogni incarico all’interno del suo partito. Tenendosi ben stretto il seggio al Senato.

Cuffaro, in altri termini, deciderà sul destino di milioni di onesti cittadini italiani – alcuni anche un po’ stupidi, per il fatto di averlo votato – nonostante lo Stato riconosca che sia un delinquente.

Tutto questo per ricordare che oggi in Puglia si vota per le primarie di coalizione per le elezioni regionali. Lo scontro tra l’attuale governatore e Boccia non è solo uno scontro di visione politica, ma anche sulle alleanze che verranno. Casini, leader UDC che stima Cuffaro, non vuole Vendola. Il pd, oggi, è chiamato a scegliere tra il senso della decenza e l’alleanza con chi manda in parlamento i delinquenti che aiutano cosa nostra. La scelta dovrebbe essere ovvia. Le conseguenze un po’ meno.

Far fuori Vendola per allearsi con Cuffaro

«Perché alla fine non lo vogliono più? Perché Casini, che pure gli testimonia grande stima personale, non vuole Vendola? Perché è gay? Perché è comunista? Oppure perché non vuole privatizzare l’acquedotto pugliese, magari al gruppo Caltagirone?»

Forse per tutto questo messo assieme. Casini è il leader di un partito omofobo, ultraconservatore e che candida delinquenti in parlamento. Questo, per altro, ci dimostra come mai per tanti anni l’UDC è stata l’alleato più fedele di Berlusconi.

Ciò che si capisce meno è perché sia D’Alema a volere un alleato siffatto. Vendola è comunista, proprio come lo è stato per la maggior parte della sua vita l’ex leader del PDS. E se, come cercano di convincermi, non riuscendoci per altro, i dalemiani (esatto corrispettivo post-comunista dei sostenitori senza se e senza ma del berlusconismo) D’Alema vuole un pd che sia sempre più di sinistra, dovrebbe appoggiare la ricandidatura del governatore della Puglia.

Forse, una cosa che dimentica di dire Curzio Maltese nell’editoriale citato in apertura, la vicinanza di certi leader diessini all’Opus Dei e la conseguente convergenza di interessi di banche cattoliche e di coop rosse, renderanno il pd una “sinistra” disposta a tutto pur di mantenere saldi i propri interessi. Proprio a tutto: come perdere le elezioni un po’ in ogni dove e sacrificare un governatore che ha amministrato bene in una Puglia i cui indicatori di crescita, per citare ancora Maltese, ci suggeriscono che «è seconda alla sola Lombardia».

In tutto questo c’è da chiedersi se Bersani non si vergogni del fatto di essere relegato al rango di burattino di corte. E se i piddini non si rendano del tutto conto che stanno continuando a lavorare per un progetto che mira a distruggere la sinistra, la laicità e lo stato di diritto in Italia. E tutto questo, pensa un po’, per fare alleanze con Cuffaro.