Convegno di Milano: il video dell’intolleranza omofoba

Ma Sentinelle in piedi, Manif pour tous, Mario Adinolfi, la sposa (mai del tutto) sottomessa Costanza Miriano, non erano per la libera espressione e libertà di opinione di tutti e contro ogni forma di omofobia?

lo studente viene preso per un braccio

lo studente viene preso per un braccio

Perché a guardare un video pubblicato nel sito di Repubblica sul convegno omofobo organizzato a Milano con il patrocinio della Regione Lombardia – e abusivamente associato al logo dell’Expo 2015 col placet di Maroni – in cui un ragazzo chiede coraggiosamente alla platea se sanno qual è il reale orientamento sessuale dei figli dei/delle partecipanti, io sento solo parolacce contro di lui, fischi e tanta violenza verbale.

Da notare la “serenità” degli astanti, a cominciare dal “moderatore” del convegno che lo apostrofa pesantemente, con frasi «sei venuto a rompere le balle» e «ma va a cagare!».

lo studente viene allontanato dal microfono

lo studente viene trascinato via dalla sicurezza

Mi chiedo e vi chiedo, cari amici e care amiche eterosessuali: vi sentite al sicuro sapendo che è questa gente che vuole difendere le vostre famiglie? Cosa accadrebbe se costoro, arrivati al potere, pensassero che le vostre decisioni non sono affini alle loro idee (ad esempio in materia di interruzione di gravidanza, divorzio, fine vita, educazione della prole, ecc)? Perché di fronte a tutto questo, mi viene in mente una parola e una soltanto: fascismo.

Siamo sicuri che questa gente voglia davvero tutelare le vostre famiglie o forse, visti i toni e le reazioni rispetto a una semplice domanda, sono loro la minaccia da cui occorre difendersi?

E in tutto questo, ricordiamolo: la Lega Nord, il partito di Matteo Salvini, sta dalla parte di queste belle persone. Lo chiedo per l’ennesima volta: tutto questo vi fa davvero sentire al sicuro?

Annunci

L’attacco al DGP e la materia dei sogni degli omofobi

il DGP al Roma Pride

La notizia è di quelle brutte e non mi piace nemmeno un po’. La riporto integralmente dal sito del Corriere:

La sera di mercoledì 25 giugno un gruppo di giovani, tra i 15 e i 40 anni, ha lanciato escrementi, cassette di legno, bastoni e ortaggi contro la sede Di Gay Project (Dgp) in via Costantino 82 (zona San Paolo). Al momento dell’irruzione nell’appartamento erano in corso le prove teatrali del laboratorio di Maria Chiara Cucinotta. Gli assalitori gridavano: «Vi diamo fuoco, froci di merda: meritate di morire» . Colti alla sprovvista e terrorizzati gli astanti hanno subito lasciato lo stabile e i balordi si sono dati alla fuga.

L’episodio si commenta da sé. Dalle polemiche sulla legge Scalfarotto a oggi, con le promesse di Renzi sulle unioni civili, il muro di fuoco della chiesa – e le sue pseudo-aperture – insieme ai vari gruppuscoli di estremisti cattolici sparsi qua e là per l’Italia (vero Magdi “Cristiano” Allam?) con l’avallo implicito e inconsapevole dei soliti gay bigotti e moralisti (quelli che il pride è una baracconata, per intenderci) ha prodotto quel lievito che fa presa sulle frange più pericolose e retrive della società.

A quanto pare i vari fan club di spose sottomesse (sempre solo a parole), ex deputati sovrappeso del Pd con l’Edipo irrisolto, Sentinelle sgomente di fronte a libri aperti e Manif pour tous (les homophobes) si danno da fare. Con escrementi e minacce di morte a persone per bene che hanno l’unica colpa di essere LGBT o a noi solidali.

10435923_10203973111306289_718256292153643339_n

Facebook è nazi-friendly e omofobo?

Domani, all’Onda Pride, manifesteremo anche per portare solidarietà agli amici e alle amiche di Digay Project e per dire no a chi, di fronte alla bellezza dell’arcobaleno, non può fare altro che maneggiare quella stessa materia di cui sono fatti i loro sogni: la merda.

***

P.S.: colgo l’occasione per consigliarvi di seguire una pagina Facebook che chiede di rimuovere le immagini di odio contro le persone LGBT. Di recente una di queste alludeva ai campi di concentramento proprio contro il Gay Village, organizzato appunto dal DGP. Come vedete, l’odio ha una sua circolarità… I gestori del social network hanno tuttavia ritenuto legittime quelle immagini già segnalate, perché non violerebbero gli standard della comunità. Mark Zuckerberg, a questo punto, dovrebbe essere informato del fatto che la sua creatura sia diventata filonazista. Aiutiamolo quindi a non fare brutte figure.

Oggi sul Fatto Quotidiano: “Costanza Miriano: paura dei gay?”

Costanza Miriano

Oggi ho scritto di lei, della guerriera sailor della cintura di castità, tutta casa, chiesa e Russia putiniana. Signori e signore (visto di chi si parla, sono costretto a farvi retrocedere) ecco a voi Costanza Miriano! Sì, proprio lei: quella che Putin fa bene a discriminare i gay e che una donna deve essere costretta a portare avanti una gravidanza anche se non lo vuole.

Costanza Miriano, giornalista e scrittrice – suo l’inquietante titolo Sposati e sii sottomessa – è stata recentemente invitata alla Luiss Guido Carli per il convegno Secolarizzazione. La famiglia nel politeismo dei valori. L’incontro, previsto per il 6 maggio, è stato poi rimandato generando non poche polemiche. L’autrice si è lamentata di “incredibile maleducazione” da parte degli organizzatori e ha tirato in ballo tentativi di censura da parte delle organizzazioni Lgbt, ree di avere imposto un diktat prima per rubarle la scena, poi per estrometterla del tutto dall’incontro.

Anche se la verità sembrerebbe essere un’altra. La gentile signora non si definisce neppure omofoba. Eppure… Vuoi vedere che il fronte omofobo ancora una volta dice bugie per sperare di ottenere ragione? Scopriamolo sul Fatto on line di oggi!

Brutti tempi per l’omofobia

la Scozia vota per il matrimonio egualitario

Brutti tempi per gli omofobi. Non hanno il tempo di esultare per quelle che considerano vittorie, che subito il mondo civile li smentisce, li copre di ridicolo, li pone di fronte alla loro piccolezza e alle loro contraddizioni.

Il Manif pour tours francese, infatti, stava ancora esultando per l’epocale sconfitta del governo francese sulla riforma del diritto di famiglia, e l’Eliseo si è premurato a ricordare che la riforma non è stata abrogata, ma rimandata di un anno per una migliore organizzazione del lavoro parlamentare.

Subito dopo, il parlamento scozzese approvava il matrimonio egualitario e il parlamento Europeo ha approvato il rapporto Lunacek, «una tabella di marcia dell’UE contro l’omofobia e la discriminazione legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere».

la sede dell’ONU

Dulcis in fundo, l’ONU ha redatto un durissimo rapporto di condanna contro  la musa ispiratrice del fronte omofobo, il Vaticano, colpevole di aver nascosto e favorito i casi di pedofilia e di abusi su minori. Seguono, quindi, accuse e critiche anche per le posizioni sull’omosessualità, la contraccezione e l’aborto.

Scrive il mio amico Franco Buffoni, sul suo profilo Facebook: «Oggi il magistero morale dell’ONU ha fatto sentire alta e chiara la sua voce contro l’incancrenita ipocrisia di un piccolo ma potentissimo stato totalitario.»

Il magistero della chiesa cattolica, basato su dogmi e falsità storiche, è stato schiaffeggiato dal diritto. La ragione sbugiarda la superstizione e denuncia i suoi crimini.

Brutti tempi davvero per i Giovanardi, le Binetti, i Buttiglione, le Bindi, i nostri europarlamentari piddini cattolici, i giornalisti alla Costanza Miriano, ecc.

Costanza Miriano, giornalista omofoba

Il mondo dei giusti fa capire a questa gente che una società, se vuol essere civile, non si può permettere il lusso di dare importanza e dignità al loro odio sociale, spacciato per libertà di pensiero ma riconducibile alla violenza, al sopruso e all’omofobia.

E chissà, forse il Manif pour tous – compresa la sua ridicola propaggine italiana, quella dei convegni e delle manifestazioni da cinquanta partecipanti in tutto – comincerà davvero a pensare al benessere dei/lle minori: magari manifestando, per una volta, contro gli abusi sessuali perpetrati dai religiosi e protetti dal Vaticano.

Perché non so voi, ma a me non risulta che questi strenui difensori della famiglia abbiano mai protestato contro chi, ai bambini e alle bambine, fa male davvero. Chissà perché.