Primarie? No grazie

Il 25 novembre si voterà per le primarie. Secondo l’attuale moda italiana della politica – queste non sono primarie vere, per altro, sono consacrazioni del potente di turno, da Veltroni in poi – mi dovrei recare a votare uno dei “fantastici cinque” per dare all’Italia il futuro da me sperato.

Vi spiegherò le ragioni per cui non andrò a votare.

1. I candidati

Sono impresentabili. Non nel senso che sono persone poco oneste – sappiamo tutti e tutte dove vanno a finire ladri e delinquenti di questo paese – ma nel fatto elementare che dei cinque, solo due hanno la possibilità reale di vincere (Bersani o Renzi), mentre le altre candidature sono semplicemente delle conte di corrente.

Bersani non mi piace perché è asservito al peggiore clericalismo dalemiano: rappresenta, in altre parole, il peggio della politica italiana. Se vincesse lui rifarebbero i DiCo, per altro, una legge discriminatoria che quest’anno cambierà nome in “unione alla tedesca”. E i gay che gli andranno ancora dietro avranno la grossolana illusione di avere un leader europeo, quando invece ci troviamo di fronte solo un piccolo e grigio burocrate di provincia che ha imparato, non senza pochi sudori freddi, a pronunciare correttamente la parola gay

In tutto questo, si ricordi, Vendola ha stretto un patto con lui, per cui se si va al ballottaggio gli elettori di SEL voteranno in blocco Bersani e il suo programma ultraconservatore. Grazie Nichi, ti ricordo che tu sei pure gay. Grazie per la sensazione di nausea che mi hai ragalato quando speravo che il tuo partito fosse l’unica scelta possibile.

Renzi piace a Confindustria, va a cena ad Arcore e pensa che il capitalismo sia di sinistra. Adesso, farebbe pure una partnership all’inglese. Questo lo renderebbe il più votabile tra i due unici accreditati al ballottaggio. Peccato che poi anche lui sia tentato da vocazioni maggioritarie che, Veltroni docet, servono solo a far vincere la destra. Insomma, votare Renzi avrebbe senso solo per distruggere il Pd. Ma aspettiamo le prossime politiche e questo fatto si realizzerà da solo.

Puppato e Tabacci, infine, non li considero nemmeno: non mi piacciono le candidature di bandiera e i riciclati dell’UdC. Semplice. Ma andiamo oltre…

2. Le primarie del 2005

Ho già votato alle primarie del 2005. Scelsi Scalfarotto, per dar forza a una candidatura speficicamente gay. Ma votai soprattutto per dar consistenza a un progetto politico. In quel progetto c’erano economia sociale, i diritti per le coppie di fatto (non per gli individui, ma per le coppie!), la scuola pubblica, l’ambiente, ecc.

Ebbene, io votai per fare in modo che la politica fosse come io la volessi. Ma loro l’hanno trasformata in un incubo. Ancora soldi alle scuole cattoliche per esempio – e anche oggi: di recente il Pd ha votato un provvedimento che dà 232 milioni ai diplomifici cattolici, riducendo ancora le già scarse risorse per la scuola pubblica – zero diritti per le famiglie gay e lesbiche, una sinistra che di tale aveva solo il simbolo della falce e martello e lo stesso rigurgito ideologico dei gruppuscoli di estrema destra.

Insomma, io ci ho provato a crederci, l’altra volta. E due anni dopo mi è restituito un paese in mano a Berlusconi, con un tasso di omofobia enormemente aumentato rispetto a prima, per non parlare del fatto che ho perso il lavoro in università e che adesso rischio di perderlo a scuola.

Grazie ancora, davvero!

3. Conclusioni

Questa truffa, all’epoca, io la pagai un euro. Un’inezia, per carità. Ma voi paghereste anche solo cinquanta centesimi la vostra rovina?

Tutto questo mi ha fatto decidere, dopo una lunga e quasi silenziosa meditazione, di rimanermene a casa. Non posso avallare un progetto che vedo come un grosso imbroglio: a cominciare dalle probabili agognate alleanze con l’UdC di Casini.

Mi spiace, ma ho già dato. Stupitemi e poi, semmai, ne riparleremo. Ma non ora. Non vi devo nulla che non vi abbia già dato. Davvero, no grazie.

Veltroni di destra? Più che un dubbio, un’evidenza

Vendola, su Veltroni:

C’è anche un’altra idea nel Pd, quella di Walter Veltroni, secondo cui la contesa politica deve essere sostanzialmente tra due destre: una cialtrona, sguaiata, plebiscitaria e razzista, di Bossi e Berlusconi; una (la sua), colta, col loden, non insensibile sul tema dei diritti civili, più europea, costituzionale.

E Veltroni risponde:

Il vecchio vizio di attribuire l’etichetta di traditore o nemico a chi non la pensa come te è pericoloso e inaccettabile. Non è possibile accettare l’idea che chi non la pensa come Vendola è di destra. Le scuse di Nichi sarebbero gradite

A sua volta interviene Mussi, che dice:

Sì, caro Walter, brutta cosa appiccicare etichette. Come quelle che nel 2008 portarono all’esclusione della sinistra ‘per definizione’ solo e sempre ‘radicale’, e a una drammatica sconfitta elettorale del centrosinistra. O come quella che ogni giorno mette d’autorità fuori dal campo ‘riformismo’ chiunque non canti nel coro della sterminata maggioranza economica, politica e mediatica che sostiene il governo in carica

E dagli torto…

Veltroni è il rappresentante di un progetto politico che lascia intatto un certo tipo di storture: quello che abolisce i diritti ai lavoratori, soprattutto se dipendenti, che prende le difese dei potenti, a cominciare da Marchionne, che toglie finanziamenti alle scuole pubbliche (quasi azzerati negli ultimi quattro anni) per poi regalare quattro miliardi di euro alle scuole cattoliche (e poi magari non gli facciamo pagare nemmeno l’IMU), che cura gli interessi delle gerarchie vaticane e dei potentati economici.

Sempre Veltroni ha, inoltre, determinato la fine della sinistra in Italia, ha riconsegnato il paese a Berlusconi e ha regalato Roma ad Alemanno, ha tradito il proprio elettorato GLBT bocciando il registro delle unioni civili quando era sindaco.

Il sospetto che sia di destra dovrebbe essere solo formale. L’evidenza della sua storia politica abolisce il dubbio. Potrebbe smettere coi suoi piagnistei e cercare di non avere vergogna di ciò che è diventato. O si fa male da solo. No?

Monti premier: nasce il primo governo Bagnasco

Tre donne. In ministeri chiave, ma solo tre. Come una riserva indiana dalle tende di kashmeer.

E poi: «Il rettore dell’Università cattolica ai Beni Culturali, un docente della stessa università ai Rapporti col Parlamento, un presidente di un movimento ecclesiale alla Salute, il leader di un movimento ecclesiale alla Cooperazione, un relatore al convegno di Todi allo Sviluppo», secondo quanto si afferma nel comunicato dell’UAAR.

Vediamo il governo – che l’UAAR ribattezza come primo governo Bagnasco – alla prova, ma se ognuno è ciò che mangia, l’Italia sarà nutrita da un ceto dirigente di “tecnici” legati a doppia mandata con il potere ecclesiastico. In un momento in cui si chiederanno sacrifici a larghi settori della popolazione e della società italiana, che impegno verrà chiesto a istituti e enti religiosi? Continueranno i loro privilegi o non verranno intaccati?

Tutto lascia pensare l’esatto opposto.

Due sole considerazioni.

La prima: i miei amici e i miei lettori che dicono che in un momento siffatto non va vista la natura “politica” dei componenti del governo, sono ancora d’accordo? La carta bianca data al governo dai partiti non si è tradotta in neutralità. Questo governo è apartitico, ma allo stesso tempo fortemente politicizzato.

La seconda: è stomachevole la genuflessione dei partiti di cosiddetta sinistra. A cominciare da Franceschini che sostiene che di meglio non si poteva chiedere. Questo dimostra ancora la sudditanza culturale del partito democratico nei confronti delle gerarchie vaticane.

Ne vedremo delle belle. Col rischio che a pagare saranno i soliti noti.

SEL 2010: rinasce la Sinistra italiana (con qualche se e qualche ma)

Finalmente un leader che dice delle cose di sinistra. E dice cose che non hanno niente a che fare con D’Alema, il suo grigiore e la sua vicinanza culturale e politica all’Opus Dei. A cominciare dalle famiglie gay e lesbiche. Laddove D’Alema le insulta, Vendola spende parole a loro favore.

«Cosa vi ha ferito e vi ferisce, due persone dello stesso sesso che si amano, o le politiche liberiste che hanno impoverito la famiglia?»

Parole parziali – che a onor del vero Bersani non saprebbe nemmeno come pronunciare – ma pur sempre di tono diverso dell’ex leader diessino che, sempre facendo leva sul sentimento religioso di questa Italietta berlusconiana, le invitava a non emulare il matrimonio per non offendere il sacramento cristiano. Quanto meno, Vendola, in questo caso, non ha peccato di ignoranza e di squallore intellettuale.

Ma non è tutto. Il neopresidente di SEL, acclamato all’unanimità al congresso che si è appena svolto, ha parlato di grandi temi sociali e politici. Ha parlato di lavoro, ha ricordato Moro e ha suggerito a certi partiti, che si ostinano a pensare di poter interpretare i bisogni del paese ma incapaci di darne una lettura concreta – e in questo sta la loro ugualità (per cui definire identici pd e PdL non è qualunquismo, è analisi del vero) – che anche il leader democristiano avrebbe capito la piazza della FIOM.

Diritti civili e diritti sociali portati sullo stesso livello. Questa è sinistra. E la sinistra è rinata, in un partito piccolo che fa leva su un leader carismatico, altra grave mancanza di ciò che rimane di quella sinistra italiana che giace sulle macerie di un cattocomunismo che ha permesso il ventennio berlusconiano.

Vendola, per fortuna, ha il carisma che manca al soporifero Bersani e una visione politica che farebbe (e di fatto fa) invidia a quei generali che conquistano solo brucianti sconfitte quali il già citato D’Alema o l’inutile e dannosissimo Veltroni.

Tutto questo lascia ben sperare.

Certo, il discorso del governatore della Puglia ha le sue ombre. Troppo morbida, quasi compiacente, la sua affezione per i cattolici. Secondo me ha fatto male a prestare il fianco ai cattolici. Il clericalismo da lui citato si combatte proprio con l’anticlericalismo. È ora di abbattere i privilegi della chiesa, non dare corda a un’istituzione che per metodi e effetti sociali ricorda sempre di più una riproposizione in chiave pseudo-spirituale di fascismi e mafie varie, i quali non si sono combattuti e non si combattono con il dialogo, ma eliminandone le certezze economiche e le influenze politiche.

Che poi, dietro questo disegno, ci sia della buona fede (nel senso che Vendola, secondo me, crede davvero di intrecciare un’alleanza programmatica con certi personaggi) e alte finalità politiche è abbastanza evidente. Peccato, tuttavia, che se ti allei con gli esponenti di una élite che pare sia culturalmente più vicina al tradimento di Giuda che al sacrificio di Cristo, alla fine ci rimani fregato. La storia dovrebbe insegnarlo.

Al di là di queste ombre, gravose per l’appunto, il progetto di SEL appare di ampio respiro. Il nuovo partito si colloca idealmente in quell’ambito di rinnovamento sociale che ha radici solide – i legami col marxismo senza assumerne il velleitarismo rivoluzionario – ma che guarda al presente per costruire il tempo a venire. Un presente in cui i problemi sono quelli dei cassintegrati, della scuola ridotta a un cumulo di rovine del sapere, degli operai che difendono il loro posto di lavoro nonostante personaggi di dubbia “qualità” umana come Marchionne, degli immigrati che aiutano a ripopolare il paese con energie nuove e con spirito di sacrificio, di milioni di persone GLBT che vanno avanti in una quotidianità che continua a non (pre)vederli.

La sinistra, al congresso di SEL, è perciò rinata. Se il partito democratico ha a cuore le sorti del paese, come dice da quando è nato, pur avendo consegnato il paese a Berlusconi, dovrebbe limitarsi a fungere da bacino elettorale per il disegno vendoliano: affermazione che può apparire offensiva o provocatoria, ma che a ben vedere richiama un’altra realtà, visto che l’elettorato del pd ha digerito in modo quasi egregio la svendita dei valori della sinistra al progetto neoclericale portato avanti da gente come Rutelli, Fioroni, Bindi, Binetti e compagnia (non) bella. E questa alleanza dovrebbe includere anche l’Italia dei Valori e i Radicali, le cui forze propulsive non possono che portare un beneficio alla nuova sinistra italiana, a quello che appare, oggi più che mai, come l’unico leader possibile e, in definitiva, al paese che ha davvero l’ultima chance per salvarsi dal disegno berlusconiano.

Polverini teocon (ecco perché i cattolici, in politica, sono d’intralcio a una società più giusta)

I benefici effetti dell’alleanza tra il PDL e l’UDC in Lazio non tardano a manifestarsi. In una recente dichiarazione, infatti, la candidata alla regione Renata Polverini ha sentenziato che: «l’unica famiglia è quella tra uomo e donna». Non contenta della solita banalità in salsa teodem, ha rincarato: «vita, famiglia, questioni etiche sono per noi idee, valori importanti e fondanti. Concetti diversi che mi distinguono da Emma Bonino». E siccome al peggio non c’è mai fine, ha chiamato un sacerdote a benedire il suo comitato elettorale.

In questa parabola a precipizio verso lo squallore va segnalato il fatto che la candidata del centro-destra – siamo l’unico paese nel mondo in cui la destra radicale e xenofoba che ci governa viene accompagnata con l’epiteto di “centro” – ha fatto produrre un cartellone in cui si accompagna con un uomo. Lo slogan: per una regione normale. Il riferimento a Marrazzo e a certe sue frequentazioni tiene ancora banco a quanto pare.

La Polverini, in altre parole, agisce su due strade tra loro strettamente collegate. Da una parte ammicca ai cattolici, solleticandone i pruriti che più li eccitano su temi quali sessualità, diritti civili e testamento biologico. Dall’altra, cerca di far esplodere le contraddizioni del pd che ha appoggiato la Bonino e che qualche mal di pancia all’ala integralista del partito l’ha fatto venire.

Da queste evidenze dovrebbe partire una riflessione: l’apertura all’elettorato cattolico, in questo paese, porta  a un oggettivo imbarbarimento del panorama politico. La tangente ideologica che la Polverini sta pagando all’UDC è quella della negazione della dignità delle persone GLBT per non parlare di certo leccaculismo filoclericale.

Il problema non si porrebbe qualora questo male fosse tutto interno alla destra. Ricordiamoci infatti che in alcune regioni il pd si alleerà con Casini, a cominciare dalla Puglia. A questo punto, azzardo una previsione: alle primarie di coalizione vincerà Boccia, anche perché se non ricordo male la Puglia è quella terra magica dove in una sezione di cento iscritti del pd si vota in duecento per questo o quel candidato alla guida del partito, come è successo alle ultime primarie.

In caso di mandato, Boccia utilizzerà un linguaggio che farà tanto piacere all’elettorato moderato e cattolico – gli elettori democratici saranno troppo occupati a farsi piacere convintamente l’avversario di Vendola per avere un sussulto di dignità e trascinare in pubblica piazza i dirigenti locali e nazionali del pd – e che sarà sostanzialmente uguale a quello della Polverini. Forse solo meno rozzo e popolano. Non daranno mai del “frocio” a Vendola, in altre parole, ma lo penseranno. Con la erre moscia, ovviamente.

In entrambi i casi, quello reale e quello probabile, ciò dimostra che la presenza dei cattolici – dentro il pd e/o dentro la coalizione di centro-sinistra – è solo motivo di intralcio e non certo una ricchezza per ripensare, in meglio, a un nuovo modello di società inclusiva, democratica che, accanto al giusto riconoscimento della libertà religiosa, ci dia spazio al giusto riconoscimento della libertà di chi religioso non lo è e non vuole esserlo.

Ai posteri l’ardua sentenza.

Alleanze con l’UDC: defenestrare la Bresso? Pd possibilista

Il primo atto politico di Bersani? La possibilità di sacrificare Mercedes Bresso, abile e capace governatrice del Piemonte, per far maturare l’alleanza con Casini e con il suo partito (quello che candida indagati per rapporti con la mafia e che ha candidato politici che di giorno vanno al Family Day e di notte facevano festini a base di cocaina e trans).

La Bresso, giustamente, non ci sta e minaccia una lista propria, che andrebbe votata in massa, soprattutto dopo aver visto la puntata di ieri di Anno Zero, dove è risultato più che evidente che anche il pd si sta abituando a costumi largamente berlusconiani, in merito a candidature non proprio pulite e in odor di mafia in diverse regioni d’Italia.

Vogliamo inoltre dire perché a Casini la Bresso non piace? Perché è laica e gay-friendly. È stata sul palco del Pride nazionale del 2006, ha avviato una legislazione a favore delle coppie di fatto, è attenta ai temi dell’ecologia e ai temi etici. Tutti aspetti che i centristi e molti piddini delegano al parere del vescovo e del cardinale di turno. La stessa sorte, secondo i bene informati, dovrebbe toccare a Vendola: se si vuole fare l’alleanza in Puglia, il governatore attuale, che tra l’altro è pure omosessuale, deve lasciare spazio a un candidato gradito alla chiesa.

Parrebbe perciò che il prezzo dell’alleanza con l’UDC sia questo: eliminare ulteriormente la sinistra dalla coalizione (Vendola) e accantonare i temi di laicità e diritti civili (Bresso). Se queste richieste dovessero essere accolte, perciò, il nuovo corso inaugurato da Bersani sarebbe più che evidente. Il neosegretario, per altro, è molto amato in ambienti ciellini e ben visto dall’Opus Dei. Un nuovo corso, dunque, che apre una nuova vocazione dentro il partito democratico de noantri: da quella maggioritaria e quella “peggioritaria”. E a noi non rimane che prenderne serenamente atto e a valutarne tutte le conseguenze del caso.

Rutelli lascia il pd? I cattolici, purtroppo, no

Gli osservatori e i semplici non si illudano. Le minacce di Rutelli di lasciare il piddì sono l’ennesimo specchietto per le allodole. La vittoria di Bersani, secondo gli entusiasti di queste ultime pseudo-primarie, avrebbe portato come primissimo risultato le dichiarazioni dell’ex sindaco di Roma, quello ugualmente omofobo per intenderci.

Adesso, la fibrillazione dentro al pd per una scelta come questa ce la dice lunga sulla sua affidabilità. Le dichiarazioni di Rutelli – corresponsabile, assieme a D’Alema e Veltroni, del disastro elettorale della sinistra degli ultimi quindici anni – dovrebbero essere viste come una liberazione e non come un pericolo. Se si ha paura di perdere una moneta di tale pregio è evidente quanto alla frutta sia il partito in questione.

Secondo poi: i teodem. Questi hanno appoggiato chiaramente Bersani, mandando in avanscoperta proprio il più autorevole di tale corrente, la Binetti, subito dopo aver dato un chiaro segnale su cosa dovrà essere il nuovo partito poche ore dopo la bocciatura della legge contro l’omofobia. Per altro Bersani è molto gradito a Comunione e Liberazione e il suo pigmalione, Massimo D’Alema, è un simpatizzante dell’Opus Dei.

Terzo aspetto: si prospetta una presidenza Bindi. Adesso, è comprensibile che dopo Veltroni e dopo gli ultimi disastri si senta l’esigenza di un uomo forte, considerando pure che Bersani riesce a essere persino più soporifero di Prodi, ma il deus ex machina dei Di.Co. – legge che, ricordiamo, istituzionalizzava l’apartheid per gay e lesbiche – segna un altro punto a favore della mia tesi per cui il “nuovo” pd è in mano ai naturali nemici della causa GLBT.

Last but not least: i cattolici bersaniani lavoreranno su due fronti. Tenersi stretto Rutelli, magari portando il pd ancora più a destra e, conseguenzialmente, stringendo alleanze con l’UDC – il partito di Cosimo Mele, quello del Family Day e dei party a base di prostitute e cocaina, e di Totò Cuffaro – a prescindere dalla defezione dell’ex leader della Margherita.

La falange cattopiddina, integralista e omofoba, in buona sostanza perde(rebbe) solo uno dei suoi giullari. L’intellighenzia, al momento, rimane tutta dentro al partito e, tra l’altro, pure in posizioni molto prossime all’attuale segretario. I dalemiani, indottrinati al nuovo corso di magnifiche sorti progressive, saranno per l’ennesima volta pedine (non so quanto inconsapevoli, ma comunque felici) di un progetto da “destra di anni cinquanta” che usa i voti di ex comunisti per fare ingrassare il progetto berlusconiano e rassicurare chi oltre Tevere pretende che, nonostante tutto il disastro in corso, l’Italia rimanga l’equivalente europeo (e cristiano) dell’Iran. Con tutto quello che ne consegue.

P.S.: si lo so, questo post mi attirerà le delle vetero-femministe (soprattutto quelle lesbiche) e dei duri&puri dei diritti sociali che vengono prima di ogni altra cosa. E la cosa, va da sé, poco mi tange. Non è mia cura, d’altronde, occuparmi di certi residuati bellico-ideologici.