Addio professoressa

Quando in classe, ai miei allievi e alle mie allieve, parlo di Rita Levi Montalcini, lo faccio per un insieme di ragioni.

Innanzi tutto, perché era una donna, un premio Nobel, un esempio di impegno nonostante le avversità della vita: la dimostrazione che lo studio, la cultura e il sapere sono cose che, ancora oggi, possono renderci fieri di essere, prima ancora che italiani, delle persone. Di questi tempi, e credo di interpretare il pensiero di molti, non è poco.

Ne parlo perché era ebrea, perché il regime fascista la allontanò dall’università, perché ha pagato, sulla sua pelle, il segno ignominioso della discriminazione, dell’emarginazione, le conseguenze più tragiche della stupidità e della follia umane.

Ne parlo perché aiutava i partigiani a nascondersi e li curava, in segreto, mentre l’Italia era in mano ai criminali nazi-fascisti. Lei seppe combatterli con le due uniche armi che aveva: il coraggio e la scienza.

Ne parlo, e ne parlerò ancora, perché era una persona che aveva una grandissima coscienza civica, democratica e politica. Perché era un esempio luminoso di laicità. Perché in un paese come il nostro, consegnato quotidianamente dalla politica nelle mani del vescovo di turno, persone come lei sono sempre più rare da trovare nelle istituzioni.

Per tutte queste ragioni ho sempre parlato di lei, durante le ore di educazione civica: perché rappresenta, con la parabola di vita, un esempio umano altissimo per poter parlare di condizione femminile, di minoranze, di laicità, di antifascismo. Valori che la Repubblica sta perdendo, in mano a questa pletora che si distingue per arrogante inettitudine.

«L’assenza di complessi psicologici, la tenacia nel seguire la strada che ritenevo giusta, l’abitudine a sottovalutare gli ostacoli – un tratto che ho ereditato da mio padre – mi hanno aiutato enormemente ad affrontare le difficoltà della vita.»

Addio professoressa Levi Montalcini. Lei è sempre stata, per me, un grande esempio. Lo dico senza retorica. Lo dico con le lacrime agli occhi.

Annunci

Scontrini e scale mobili

Ieri sera sono andato alla pizzeria sotto casa. Ci vado per due ragioni: la pizza è davvero buona e costa poco, le persone che ci lavorano sono molto simpatiche. Fino a ieri, almeno. Perché quella simpatia si è frantumata, senza pietà alcuna, sul loro mancato civismo. Raramente, infatti, fanno lo scontrino. E a volte succede che, per uno o due euro, lasci anche correre. Anche se so che non si fa. Anche perché io lo chiedo sempre…

Ieri sera, stanco della mia ignavia e del loro evadere le tasse, ho chiesto, dunque, il fatidico pezzo di carta. Il ragazzo al bancone mi ha guardato, ha sorriso e mi ha dato la ricevuta della bilancia elettronica. Costernato, perché quando succedono queste cose io non riesco a reagire al momento, me ne sono andato a casa. Montando rabbia. Ho preso il telefono, una volta arrivato a casa, e gli ho detto che non possono prendere in giro così impunemente le persone e che avrei chiamato la guardia di finanza se la cosa fosse ricapitata.

Ovviamente, non andrò più. E sto considerando l’idea di fare un articolo delatorio, con tanto di prove, sui locali del Pigneto che non rilasciano scontrini fiscali. Moltissimi dei quali gestiti anche (ma non solo) da italiani (tanto per non far credere che è un problema di cinesi, secondo la vulgata razzista più alla moda al momento).

Quindi oggi sono andato in terapia e sono andato fino a Termini, per prendere la metro A. Dopo Londra e la sua organizzazione non ho potuto fare a meno di notare che la gente, turisti e non, usano le scale mobili – mi si permette una parolaccia? – col culo. La regola, eppure, è semplice: a destra se non cammini. E la sinistra libera, per chi ha fretta.

L’ho fatto notare a una signora che mi ostruiva il passaggio, come se spostarsi per farmi passare le comportasse fastidio. E lei mi ha detto: «ci sono le scale, per andare a piedi».

Vi risparmio il cazziatone, ma vi lascio immaginare i suoi balbettamenti. Eppure tutto questo mi ha fatto capire perché il nostro paese sta naufragando: non siamo in grado di far valere i nostri diritti e non siamo in grado di rispettare anche le più semplici regole di convivenza.

È normale che poi mandiamo in parlamento la feccia che fino a oggi ha fatto il bello e il cattivo tempo. Ma, per quello che mi riguarda, io ho chiuso il rubinetto. Quello della sopportazione, in primo luogo.

Un piccante, laico alfabeto…

Questo libro è per me l’inizio di un nuovo corso e di un’amicizia molto bella e speciale. Ero alla sede del Partito Radicale, alla presentazione di Opus Gay, di Ilaria Donatio. Vi era un dibattito con un editorialista de l’Avvenire, tale Gianni Gennari.

Intervenni, perché le sue argomentazioni sull’affettività tra gay e tra lesbiche mi apparvero offensive e contraddittorie. Dopo qualche giorno da quell’intervento, registrato su Radio Radicale, mi contattò un signore dal fare garbato, con un gradevole accento del nord e una delicatissima erre uvulare, che voleva regalarmi il suo libro. Si trattava di Franco Buffoni.

Da Laico alfabeto in salsa gay piccante ho tratto, per altro, la giusta ispirazione per scrivere il mio saggio sulla condizione omosessuale in Italia (ma questa è un’altra storia…) e sempre da quell’opera è cominciato un percorso intellettuale che reputo un dono, non importa mandato da chi. La laicità, a ben vedere, è proprio questo: non si interroga su presenze arcane, ma valuta il buono che c’è o la sua assenza. E dalla parte del “buono” c’è questo libro che vi consiglio caldamente di comprare e leggere.

Le ragioni sono molto semplici.

Innanzi tutto per la struttura, originale: l’autore raggruppa in ordine alfabetico ben cinquantasei voci, due per lettera, alle quali affida riflessioni importanti sui grandi temi non solo della laicità, ma del vivere civile in una terra, l’Italia di adesso, sempre più imbarbarita da nuove guerre di religione – tra papato e res publica, questa volta – e dall’arretramento di quell’esercito dei “giusti” – i partiti politici in primis – che da troppo tempo si lascia intimorire di fronte a questo scontro.

A inframezzare questi capitoletti, Buffoni introduce cinque approfondimenti in cui affronta temi più universali, quali la libertà individuale, l’autodeterminazione, l’onestà intellettuale, le ipocrisie dei poteri religiosi, l’importanza della militanza politica che è, prima di ogni altra cosa, engagement civico e umanizzante.

Di lettura agile, il Laico alfabeto apre finestre tematiche su quegli aspetti culturali, i quali, prima ancora di appartenere alla questione omosessuale italiana, sono fondamentali per la tenuta democratica di un paese che ardisce a chiamarsi moderno ed europeo. Elementi, tutti questi, che contribuiscono a rendere questo saggio un vero e proprio “manuale per l’uso” di una rinascita intellettuale, politica, civile.

In parole più semplici: un testo imprescindibile.

Laico alfabeto in salsa gay piccante, di Franco Buffoni, Transeuropa, 2010, € 14,00.