Cari froci e care lelle, un po’ di dignità per favore!

chi si ricorda più i moti di Stonewall?

Scrivevo ieri, nel mio post sul Fatto, che «il movimento LGBT si trova di fronte a un bivio: quello di accettare qualsiasi compromesso o fare i conti con un senso di dignità che dovrebbe essere trattato in modo diverso rispetto a una qualsiasi questione sindacale». In quell’articolo, per altro, metto in risalto alcuni aspetti problematici di quanto ci aspetta a settembre:

la legge, così com’è, verrà molto probabilmente azzoppata su temi caldissimi, come ha fatto notare Lucia Caponera di Arcilesbica, quali la stepchild adoption e la reversibilità della pensione. Altri, come Vincenzo Branà di Arcigay Bologna, hanno posto l’accento sui limiti che la legge, così com’è, presenta: l’adozione del figlio del partner garantirebbe prevalentemente quelle coppie che hanno i soldi per poter ricorrere alla surrogacy, per non parlare del rischio di “repentine retromarce”, speculare ai piccoli passi e sostanziale azzoppamento di un effettivo miglioramento per le condizioni di vita delle persone LGBT, come già successo per la legge Mancino che invece di essere estesa per i crimini di omo-transfobia ha limitato gli effetti anche per i reati su razzismo e antisemitismo.

Per il resto, faccio notare che il livello del dibattito dentro la gay community ha prodotto perle argomentative quali: “non si può dire di no a tutto, occorre accontentarsi dell’elemosina che ci concederanno, che è sempre meglio di niente”.

Le parole d’ordine sembrerebbero essere, quindi: “accontentarsi”, “elemosina”, “concessione” (variamente declinata). Quando occorrerebbe capire che nessuno, in democrazia – men che mai il Pd di Renzi – ha i titoli per concedere niente a chicchessia. E che ragionare in termini di carità eleva al rango di straccioni del diritto coloro che scomodano certe categorie lessicali.

Insomma, sarebbe anche ora, cari amici e care amiche, che cominciaste a percepirvi come individui, come soggetti giuridici, come parte di una cittadinanza attiva. E non come froci o lelle che non devono disturbare o che devo chiedere il permesso, e magari scusarsi, per vivere la propria vita, i propri affetti e la propria dignità. O il rischio apartheid c’è tutto. E se lo dice anche Certi Diritti – che non è certo un’organizzazione di estremisti – c’è da crederci.

Annunci

“Ragazzi di vita”. Sulla prostituzione maschile

Ok, è un argomento poco “natalizio”. Ma è una cosa importante su cui riflettere un po’. Perché parla di sessualità e di sessuofobia, di libertà e di scelte di vita, di prevenzione, di legalità e di diritti civili.

Con le interviste a Sergio Rovasio, dell’Associazione Radicale Certi Diritti.

Il documentario, pubblicato su Fainotizia, è cura di Susanna D’Aliesio e Maria Tridico. Quest’ultima, mia compagna di blog. Buona visione.

E adesso, reagire!

È in momenti come questo che si sente l’assenza di un movimento LGBT unito, forte e, mi si permetta, temibile.

Il partito democratico non è certo il miglior partito del mondo e da sabato si è candidato per scendere ai livelli del PdL, che tra l’altro tornerà a chiamarsi Forza Italia. Ma il movimento non è migliore. E non lo è perché se accusiamo il pd di essere ignavo e condannato all’inazione, non è il nostro non muoversi in maniera organica e compatta a renderci più credibili.

Eppure, abbiamo fior di associazioni. Abbiamo eccellenze professionali: ricordo che Rete Lenford e Certi Diritti sono le uniche associazioni che, ad oggi, possano vantare risultati concreti e degni di nota, come il pronunciamento della Corte Costituzionale che, contrariamente a quello che dice la cattolica bugiarda Rosy Bindi, ha dichiarato che nulla vieta, in Italia, il pieno riconoscimento delle coppie di gay e lesbiche.

Abbiamo forze e menti per creare un esercito terribile, temibile e, soprattutto, vittorioso. Manca, forse la volontà. E la volontà presuppone un progetto.

Cercherò di dire la mia in merito. Non perché io sono più avanti, ma è da un po’ che mi frullano in testa un paio di idee e vorrei condividerle.

1. Sarebbe stata opportuna una manifestazione nazionale di fronte alla sede del partito democratico a Roma oppure, in alternativa, un presidio città per città di fronte alle sedi provinciali. Una protesta corale, per far capire che ci siamo. Adesso è tardi, magari in futuro ci si organizza meglio.

2. Studiare pratiche di disobbedienza civile, a cominciare dal prelievo fiscale. Occorre vedere, ad esempio, come intaccare la pratica della dichiarazione dei redditi con un minimo di tutela legale. Ho appena fatto il modello unico e pagherò oltre duemilacinquecento euro. Lo Stato mi chiede di essere cittadino di fronte al dovere civico, ma mi nega la mia umanità di fronte al bisogno affettivo. Capirete da soli che questa situazione deve finire, al più presto. Se non sono degno di sposarmi, non avrò allora il dovere di permettere, ad altri, con le mie tasse, di fare altrettanto. È una questione di giustizia. Nulla più.

3. Organizzarsi in ordini professionali. A cominciare dagli insegnanti, ad esempio. Fare, nelle scuole, politiche di apertura ai temi LGBT. Il materiale didattico è vastissimo, dalla biologia alla letteratura, passando per l’educazione civica, la storia, la geografia, le scienze. Fate leggere il canto di Brunetto Latini e spiegate, ai vostri ragazzi, come Dante, uomo del suo tempo, collocava il maestro tra i peccatori perché era quello il senso comune. Ma la sua umanità lo elevava a maestro di vita, a sapiente. Dante, in altri termini, era (ed è) più avanti di Bersani, Bindi e buona parte del parlamento. Ed è nato più di settecento anni fa. Fate un po’ voi.

4. Pretendere, da parte dei deputati LGBT, presenti e futuri, un’ipoteca sulla “gaya obiezione di coscienza”. Molto più semplicemente, i deputati dei vari partiti che si ispirano al movimento dovranno prendere direttive non dai singoli gruppi politici di appartenenza, ma dalle associazioni. Se poi qualche legge non dovesse passare a causa del loro voto contrario, pazienza. Lo si è permesso a Paola Binetti, che votò contro la fiducia al governo di cui faceva parte il suo pd. Lo si permette, tuttora, a gente come Fioroni, che sta in parlamento a fare gli interessi del Vaticano. Non si vede perché non lo debbano fare “i nostri”. Poi va da sé che gente come Zan, Grillini ed altri possono benissimo fare tutt’altro. Ma poi il movimento dovrebbe espellerli. Siamo in guerra. E in guerra non si ammettono traditori.

5. Unificare il movimento dentro un unico progetto che è quello di dare la “quadruplice”: matrimonio, tutela dell’omogenitorialità, leggi antiomofobia e transfobia, politiche sanitarie anti-AIDS e contro le malattie a trasmissione sessuale. Scegliere un unico leader. Democraticamente eletto, attraverso il sistema delle primarie, aperti a tutti gli iscritti e le iscritte alle associazioni. Fare una Costituente LGBT, che ridisegni il sistema dell’associazionismo e della politica in questo paese. Ovviamente, per evitare commistioni e infiltrazioni, sarebbe doveroso non permettere di concorrere a chi ha in tasca una tessera di partito. Tali primarie dovrebbero, di contro, essere aperte a tutte/i gli appartenenti ai vari gruppi presenti in Italia.

Credo sia arrivato il momento di far capire ai nostri partiti, imbalsamati, mummificati e morti, che la società civile che noi rappresentiamo è una società più dinamica e attuale di quella rappresentata dagli interessi, miserrimi e ideologici, di cui si fanno portatori i leader dei maggiori partiti.

Abbiamo di fronte una responsabilità storica non indifferente: essere migliori. O, in alternativa, essere come loro. Il che è possibile, per carità. Ma poi, però, non lamentiamoci. Io propongo, in alternativa, di reagire. Subito!

Dar corpo ai diritti e alzare la voce

Certi Diritti ha lanciato sulla rete la campagna Dai corpo ai tuoi diritti, un’importante iniziativa che mira a raccogliere militanti al fine di potenziare la mission dell’associazione, ovvero arrivare a obiettivi quali «matrimonio tra persone dello stesso sesso, riforma del diritto di famiglia, regolamentazione della prostituzione, diritti delle persone trans e intersessuali, affettività per i detenuti, sessualità e disabilità».

L’associazione radicale ribadisce, con questa campagna, la sua attenzione per le tematiche legate ai diritti civili a più ampio spettro e, nello specifico, l’urgenza di provvedimenti su temi concreti, quali quelli dichiarati.

Non secondario, inoltre, il tipo di linguaggio scelto: il nudo. Le scelte della politica si riversano, a ben vedere, sulla gestione del corpo: dall’esercizio di una libera sessualità, al trattamento del fine vita fino alla costrizione del corpo in caso di reclusione – ed è una battaglia di civiltà garantire ai detenuti una permanenza comunque dignitosa, pur in una situazione in vinculis.

Un nudo sempre elegante, portatore, in certi casi, di un raffinato erotismo. Mai volgare. Eppure, come denuncia Vittorio Zambardino, in un suo articolo su Libernazione, la campagna è stata censurata da Facebook proprio a causa di alcune immagini, ritenute sconvenienti.

La censura, d’altronde, si sa che non è arma da affidare a persone intelligenti. L’intelligenza non ha paura della verità. Semmai, mal sopporta la volgarità, ma basta vedere le immagini della campagna per renderci conto che siamo su livelli decisamente diversi.

Il saggio, in altre parole, si è spogliato delle vesti che il perbenismo dei tempi moderni impone e attraverso il quale i suoi fautori negano i diritti umani a larghe fasce sociali. Lo stolto ha guardato al dito, poi all’uccello, quindi si è scandalizzato e ha premuto sul tasto “cancella”. Intanto milioni di persone aspettano di potersi sposare, di morire con dignità, di superare l’esperienza del carcere in modo non punitivo e della disabilità con la pienezza della dignità umana, ecc.

Facebook ha preferito ignorare tutto questo. La campagna, per fortuna, continua. Noi, invece, alziamo la voce, perché non cada silenzio su certe ipocrisie.

I gay stanno tutti a sinistra – Presentazione al Pride Park

 

La mia presentazione di domenica scorsa al Pride Park del Roma Pride 2012.

E si ringrazia Antonio Eustachio per essere attento testimone dei tempi che sono.

I gay stanno tutti… al Pride Park!

Ci vediamo oggi pomeriggio, alle 18:30 per la presentazione di I gay stanno tutti a sinistra, a piazzetta di Villa Gordiani.

Modera Andrea Maccarrone, del CCO Mario Mieli.

Interverranno:
Ilaria Donatio, scrittrice (Opus Gay, Newton & Compton, 2011)
Sergio Rovasio, dell’Associazione Radicale Certi Diritti
Luca Sappino, Consigliere SEL Municipio II di Roma

Come dite? Come arrivare a piazzetta di Villa Gordiani? Semplicissimo: imboccare via Prenestina in direzione raccordo e, dopo largo Telese, subito dopo il distributore IP, troverete un arco di palloncini rainbow e il banner del Roma Pride 2012. A dopo!

Rotelli sulle unioni civili: c’è piena parità solo col matrimonio

Riporto qui di seguito le parole di Antonio Rotelli, presidente dell’Avvocatura LGBT Rete Lenford. Per chi non lo sapesse, Rotelli è il tecnico che ha scritto la proposta di legge di iniziativa popolare sulle unioni civili lanciata, la scorsa settimana, da un gruppo di politici omosessuali e transessuali – tra cui spiccano i nomi di Concia, Luxuria, Zan, Grillini, La Torre, ecc – su cui si è aperta un’aspra polemica.

La proposta è stata bocciata anche dallo stesso curatore, Rotelli appunto, che risponde così a chi fino ad adesso lo ha tirato in ballo per legittimare quello che si profila come uno dei più grandi errori strategici della storia dei diritti civili in Italia. Vi lascio direttamente alle sue parole, in risposta a un suo commentatore su Facebook che gli faceva notare la necessità di un chiarimento sull’intera faccenda:

Caro Marco, hai ragione! C’è bisogno di un chiarimento. Il testo della iniziativa di legge l’ho scritto io. Non è un segreto e non lo è mai stato. Quando me lo hanno proposto ci ho riflettuto e poi ho pensato che si trattava di un lavoro particolarmente adatto ad un avvocato, quale sono, specializzato in legistica.

Quasi ogni giorno scrivo testi di legge, ma – come puoi immaginare – spesso sono testi i cui contenuti non condivido. La mia preoccupazione è scrivere un testo che sia il migliore possibile dal punto di vista tecnico, ma non sono coinvolto nella scelta politica che ci sta dietro.

È per queste ragioni che aver scritto materialmente il testo non autorizza nessuno a usare il mio nome per legittimarsi. Ed è per le stesse ragioni che la responsabilità politica dell’iniziativa, nel bene e nel male, è di chi l’ha pensata, voluta e presentata.

Le mie idee al riguardo sono il precipitato della mia storia personale. Da sempre coltivo la convinzione che per le famiglie omosessuali o c’è il matrimonio o non c’è uguaglianza e pari dignità. Se sposarsi è un diritto fondamentale, non possiamo esserne esclusi per il nostro orientamento sessuale. Del resto, se oggi parliamo di matrimonio si deve anche al mio lavoro di anni. Sulla sentenza della Corte costituzionale, su quella della Corte di Cassazione e su molte altre, so che in filigrana c’è scritto anche il mio nome. Me ne sono occupato da dietro le quinte, così come ho fatto consigliando centinaia di coppie che si sono sposate all’estero.

Scrivere il testo di questa legge per me è stato solo un lavoro. Quando mi sono confrontato con i Colleghi e le Colleghe di Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford, abbiamo convenuto che l’Associazione dovesse rimanerne fuori per poter esprimere liberamente – come poi ha fatto – il suo punto di vista. Quel punto di vista era ed è anche il mio, come limpidamente ho anche detto fin da subito al mio committente.

Spero di aver chiarito la mia posizione e ti/vi ringrazio per quello che tu e i giovani di Padova avete scritto.

Per quel che mi riguarda, non credo che ci sia da aggiungere molto altro. Ricordo, infine, che Rotelli fa parte di un’associazione che, insieme ai radicali di Certi Diritti, è l’unica fino ad ora ad aver raggiunto risultati concreti in merito ai diritti per le persone LGBT.

Forse la classe politica, a cominciare da chi ha proposto quell’iniziativa, inutile e potenzialmente dannosa, dovrebbe avere l’umiltà di fare un passo indietro. Un buon politico si vede anche dal cammino che percorre rispetto ai propri errori.

Domani sposi! – Note a margine sull’incontro coi Radicali Italiani sulla sentenza 138/2010

Ieri sera sono stato alla sede dei Radicali Italiani, dove ho avuto il piacere di moderare l’incontro I diritti LGBT(E) in Italia dopo la sentenza138/10.

Per chi non lo sapesse, la sentenza in questione è quella della Corte Costituzionale all’indomani dei ricorsi impugnati dalle coppie gay che si son viste rifiutare la pubblicazione della loro intenzione a sposarsi di fronte a un funzionario dello Stato, in comune. Le coppie sono state assistite e difese da Rete Lenford, l’avvocatura LGBT, e dall’associazione radicale Certi Diritti, che ieri ha organizzato il dibattito.

La sentenza è fondamentale per almeno tre ragioni:
1. riconosce legittimità costituzionale alle coppie di fatto, eterosessuali, gay e lesbiche
2. invita il Parlamento a legiferare per la piena parità, pur non pronunciandosi per l’estensione del matrimonio
3. condanna l’omofobia.

Durante l’incontro è stato pure presentato il libro curato da Yuri Guaiana, segretario dell’associazione Certi Diritti, Dal cuore delle coppie al cuore del diritto, in cui si narra la storia della sentenza e si discutono gli aspetti tecnici e politici della questione.

Sono intervenuti diversi e diverse ospiti, dal mondo dell’associazionismo (tra le altre CCO Mario Mieli e Famiglie Arcobaleno), dei partiti politici (erano presenti delegazioni del PD, di SEL e, naturalmente, dei Radicali) oltre ai rappresentanti di quelle realtà che attraverso la campagna di Affermazione Civile, hanno portato la questione di fronte alla corte suprema italiana.

Per chi volesse vedere tutto il dibattito, può cercare il podcast sul sito di Radio Radicale.

Io mi limiterò a fare una serie di brevi considerazioni.

Il movimento GLBT riesce a ottenere risultati concreti quando si muove su progetti specifici e si dà obiettivi politici. Occorrerebbe, quindi, puntare sul progetto. Molto spesso si guarda al dito della propria autoreferenzialità.

Il movimento trova una sponda nella società civile: l’avvocato Di Carlo ha dichiarato che il cosiddetto mondo giuridico è largamente possibilista sui temi di matrimonio allargato a gay e lesbiche e sulle adozioni. E non certo per affezione ideologica, bensì per rilevamenti tecnici. Il diritto, in altri termini, è dalla parte dei diritti.

Movimento gay e società civile devono pretendere una rappresentanza anche a livello politico. La politica parlamentare e quella “istituzionale”, tolte le dovute eccezioni (si pensi alle realtà di Torino, Milano, Napoli e Cagliari), è sorda a ogni tentativo di ammodernamento civile del paese.

Ne consegue che la questione omosessuale italiana diviene una cartina al tornasole per il rinnovamento della classe politica. Occorre che in Parlamento vadano persone nuove, gente disposta a mettersi in gioco e a rispondere ai bisogni della società, ovviamente non soltanto nel campo dei diritti civili. La sostituzione della casta con una classe dirigente capace è un elemento essenziale per la crescita di questo paese, in ogni suo campo.

Ha ragione Cristiana Alicata, del PD, quando dice che certe lotte vanno intraprese anche se sembrano poco popolari, non vincenti. Il senso della lotta politica è creare dibattito e attenzione di fronte la questione stessa che si solleva. Molti, dentro il movimento, vedono gli aspetti della lotta come aprioristicamente utopici se non velleitari. La sentenza 138 ci dimostra che le cose stanno esattamente all’opposto.

Infine: la strada è lunga e i mutamenti politici, all’orizzonte, non sono confortanti. Il centro-sinistra cerca l’alleanza con forze integraliste, al di fuori della legittimità costituzionale – a cominciare dall’UdC – e dietro quest’alleanza si chiederà proprio la testa dei nostri diritti. Di fronte a quest’evenienza non dobbiamo farci trovare impreparati.

La sinergia tra movimento, spazio giuridico e dialogo con quella politica attenta alla questione omosessuale italiana dimostra di essere vincente. La strada è segnata, a mio parere. Non rimane che percorrerla.

In piazza, contro l’omofobia parlamentare

Ricevo da Certi Diritti – Dio, o chi per lui, li abbia in gloria – e inoltro:

L’Associazione Radicale Certi Diritti insieme alle associazioni lgbt(e) e a parlamentari di diversi gruppi seguirà i lavori dell’aula da Piazza Montecitorio dalle ore 15 con un sit-in e una maratona oratoria per chiedere al Parlamento un segnale forte contro l’omofobia e la transfobia.

Roma, 14 luglio 2011

È previsto per martedì 19 luglio dalle ore 15 il voto sulla proposta di legge contro l’omofobia che introduce l’aggravante per i reati commessi in ragione dell’orientamento sessuale della vittima.

La legge molto probabilmente non passerà a causa delle pregiudiziali di costituzionalità presentate da deputati dell’UDC, del PDL e della Lega Nord. Deputati genuflessi alla casta vaticana e del tutto indifferenti ai diritti dei cittadini, che tentano così di aggrapparsi a inesistenti ipotesi di incostituzionalità per negare la gravità della violenza omofobica.

Per questo saremo in piazza con lo slogan “Legge incostituzionale? Omofobia parlamentare”.

Hanno aderito:
Associazione radicale Certi Diritti
Arcigay
Agedo
Famiglie Arcobaleno
MIT
Circolo Mario Mieli
Equality
Gay Center
Radicali Italiani
Forum Queer SEL
Associazione Luca Coscioni
CGIL- Nuovi Diritti
Associazione 3D
Fondazione Massimo Consoli
I-Ken Onlus
Yellow Sport

Per aderire scrivere a tesoriere@certidiritti.it

Ricordo, per dovere di cronaca, i nomi di quei parlamentari che vogliono affossare la legge (fonte Gay.it):

Si tratta dei deputati dell’UDC Buttiglione, Capitanio Santolini, Binetti; per il PDL gli onorevoli Bertolini, Saltamartini, Stracquadanio, Pagano; infine per la Lega si tratta degli onorevoli Lussana, Nicola Molteni, Isidori, Paolini, Follegot, Vanalli, Luciano Dussin, Pastore, Volpi, Bragantini, Polledri. Un’ultima curiosità: il regista della bocciatura della legge contro l’omofobia nel 2009, quando arrivò in aula la prima volta, fu Piero Vietti, dell’UDC, premiato poco tempo dopo con la vicepresidenza del CSM.

Per questa gente le persone GLBT possono essere insultate liberamente, discriminate aggredite, violentate e uccise senza che la cosa costituisca un’aggravante, come invece succede in tutto il mondo civile e democratico e come già succede per le vittime di odio razziale e antisemita.

Essere a Montecitorio o negli altri raduni organizzati in tutta Italia è una manifestazione di civiltà e democrazia. E, prima di ogni altra cosa, una dimostrazione di umanità. Chi non andrà sarà della stessa pasta di persone come Buttiglione e Binetti, fieramente omofobi e nemici naturali dei diritti fondamentali dell’uomo.

A voi la scelta.

Commemorare David Kato

Domani sarò al Teatro Valle di Roma, dalle ore 16:00. Per commemorare David Kato, ucciso dalla violenza omofoba. Presenterò un intervento sulla sua figura, riallacciandomi alla situazione italiana e alla lotta per i diritti civili.

Sarebbe bello che venisse tanta gente.

SABATO 12 FEBBRAIO, COMMEMORAZIONE A ROMA DI DAVID KATO KISULE, PROMOSSA DALL’ASSOCIAZIONE RADICALE CERTI DIRITTI E DALLA COMPAGNIA DEL TEATRO DELL’ELFO.

In memoria di David Kato Kisule

Invito

Roma, sabato 12 febbraio 2011 – ore 16  al Teatro Valle

David Kato Kisule  era uno dei più importanti esponenti dell’organizzazione SMUG (Sexual Minorities Uganda), principale rappresentate del movimento gay ugandese.  Grazie all’impegno di Elio Polizzotto e dell’Ong Non c’è Pace Senza Giustizia, David era stato ospite lo scorso novembre ai lavori del IV Congresso dell’Associazione Radicale Certi Diritti, dove aveva raccontato delle persecuzioni  e di veri e propri linciaggi, di cui sono vittime le persone lesbiche e gay in Uganda, promosse da organizzazioni evangeliche del fondamentalismo religioso.

Il 16 ottobre 2010 la rivista ugandese Rolling Stones pubblicò in prima pagina le foto di 100 attivisti omosessuali (o presunti tali) ugandesi chiedendone l’arresto. Tra le 100 foto vi era anche quella di David Kato Kisule, l’esponente più noto del movimento. Il clima di odio contro le persone omosessuali è alimentato dal fondamentalismo religioso dei predicatori evangelisti che trovano terreno molto fertile tra la popolazione che vive nella miseria e nella disperazione.

Molte Ong internazionali si erano mobilitate in diversi paesi del mondo contro questa barbarie. Il Parlamento Europeo, grazie alla campagna internazionale di Non c’è Pace Senza Giustizia, aveva approvato una Risoluzione di condanna nei confronti dell’Uganda. David era stato anche audito dalla Sottocommissione Diritti Umani del Parlamento Europeo dopo aver partecipato  a Roma al Congresso di Certi Diritti.

David con molto coraggio e determinazione aveva avviato una iniziativa legale contro la rivista Rolling Stones e lo scorso 7 gennaio l’Alta Corte ugandese aveva condannato la rivista per violazione della legge sulla privacy, difendendo le persone gay perseguitate. L’Alta Corte aveva dichiarato che nessuna delle persone la cui foto era stata pubblicata, aveva commesso reati, previsti dal codice penale ugandese per le persone omosessuali.  In quell’occasione è stata anche ordinata la chiusura immediata della rivista.

David Kato, nel suo soggiorno a Roma, aveva raccontato di come la situazione in Uganda fosse divenuta per gli attivisti omosessuali molto pericolosa. Durante le udienze in Tribunale era protetto da volontari delle Ong internazionali che seguivano il processo e difeso da diplomatici di ambasciate occidentali che lo avevano salvato da diversi tentativi di linciaggio perché riconosciuto dalla folla inferocita.

L’Associazione Radicale Certi Diritti, insieme alle Associazioni e Ong Smug (Sexual Minorities Uganda), Human Rights Watch, Global Rights, Global LGBT Advocacy, Npwj, ha chiesto che il Governo  si assuma le proprie gravi responsabilita’ per non essere intervenuto per fermare la campagna di odio e di violenza contro la comunita LGBTI  e per proteggere gli attivisti in pericolo in Uganda, adoperandosi quanto prima ad avviare un clima di tolleranza e di dialogo tra le autorità e le organizzazioni politiche e religiose.

Ricorderemo inoltre il suo impegno anche durante i lavori del XXXIX Congresso del Partito Radicale Nonviolento, transnazionale e transpartito che si svolgeranno a Chianciano dal 17 al 21 febbraio 2011 al quale David avrebbe dovuto partecipare.