Perché la famiglia cattolica ha bisogno dell’odio?

20131212-085621.jpg

“Cesso di pseudo-donna infame, pettena franxe (lesbica in senso dispregiativo), schifo, camionista, spero che in coda non ci siano troppi zingari prima di me, se arriviamo in consiglio finisce male.”

Amorevoli parole che la consigliera del comune di Venezia, Camilla Seibezzi, ha dovuto leggere sul profilo Facebook di un suo “collega” di Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni, non nuovo a questo di aggressioni verbali ai danni delle persone LGBT.

Ma la cosa ancora più grave è che mentre elencava gli insulti rivolti alla sua persona, solo perché donna omosessuale, il presidente del consiglio comunale l’ha stoppata. Seibezzi, per protesta, ha lasciato l’aula. Tutto questo accadeva durante la commemorazione del presidente Mandela, da cui evidentemente il centro-sinistra (e men che mai la destra becera) nulla ha imparato. Solidarietà umana e politica alla consigliera, “rea” di voler vivere la sua vita nella dimensione della dignità umana.

Ma non è tutto.

Al Parlamento Europeo si discuteva, in questi giorni, di approvare una risoluzione che chiedeva il diritto all’interruzione di gravidanza in luoghi pubblici e clinicamente sicuri (ovvero, strutture ospedaliere dove vengono rispettati gli standard igienici).

Questo provvedimento non era voluto per incrementare le pratiche abortive, ma perché anche grazie alle politiche restrittive delle destre in vari paesi, sta aumentando l’aborto clandestino.

Indovinate chi ha fatto fallire la cosa, mandando in minoranza la risoluzione? I cattolici del Pd, un drappello di integralisti religiosi capitanati da elementi quali Patrizia Toia, Silvia Costa e Vittorio Prodi. Grazie a questa gente, adesso migliaia di donne in Europa non avranno il diritto all’assistenza garantita per legge a livello comunitario. Ciò significa che si incrementeranno le pratiche clandestine, soprattutto laddove vi sono forti concentrazioni di donne migranti.

Il provvedimento, tra l’altro, rischiava di aprire secondo questi signori alla fecondazione per le donne omosessuali. E si sa, quando c’è da difendere la norma eterosessista (e di fare un dispetto a gay e lesbiche) cattolici e destre becere sono sempre in prima linea.

Peccato che il “rispetto” per la “vita” di questa gente non coincida col rispetto per la vita di milioni di persone. E chissà perché, dentro certi ambienti clerico-conservatori, si sente l’esigenza di insultare le persone LGBT e di mandare le donne dai macellai per tutelare famiglie che mai accederebbero a certe pratiche di civiltà.

Chissà perché l’alleanza di cattolici e fascisti ha bisogno dell’odio verso donne e omosessuali per portare avanti le proprie istanze.

E chissà che Renzi, nuovo segretario del Pd, non metta fine anche alle carriere politiche di chi, a Strasburgo, lavora in direzione dell’odio.

Annunci

Primarie, voterò Civati. E poi libera tutti

In poche battute: alle primarie di domenica voterò Civati, perché mi sembra un uomo di sinistra, una sinistra moderna, europea e coraggiosa.

Perché non ha paura, soprattutto quando si parla di questione LGBT, di usare le parole per quello che sono: sì al matrimonio, sì alle adozioni, sì alla tutela dell’omogenitorialità.

E mettiamoci pure che conosco personalmente molti/ volontari/e che si sono impegnati/e nel sostenere e mandare avanti questa candidatura, e sono persone valide, impegnate, limpide. Amici e amiche di cui mi fido.

Per queste ragioni mi recherò ai box di un partito a me sostanzialmente inviso e gli darò l’ultima chance di essere ancora “credibile” sul panorama nazionale. E coerentemente, se dovesse vincere Civati potrei anche pensare di votare in futuro in una coalizione di centro-sinistra. E si noti il condizionale.

Se invece non dovesse vincere e dovessero andare a capo della segreteria Renzi o Cuperlo, in quel caso scatterebbe il ragionamento opposto. Mani libere sul dopo, e pazienza se alle primarie ti sei “impegnato” a votare Pd anche alle prossime elezioni politiche. Questa logica della cambiale in bianco e questa pretesa di fedeltà da parte di un partito che ha sempre tradito tutte le sue promesse elettorali – e di conseguenza milioni di elettori ed elettrici – è francamente ridicola. Se poi i dirigenti piddini vogliono essere presi in giro, sarà un piacere regalar loro due euro e quest’illusione.

Faccio notare, infine, come sia attualmente bersaglio di renziani, su Twitter, che stanno contestando questo mio modo di pensare. Una di loro sostiene che il mio non votare centro-sinistra, un domani, coinciderebbe col voto alla destra. Le ho fatto notare che esistono liste come il M5S o Rifondazione, che non sono proprio filoberlusconiane… mi ha risposto che sarebbe comunque o un voto fascista, il mio, o sostanzialmente “inutile”. Evviva la democrazia, insomma.

Un altro renziano, invece, mi sta addirittura suggerendo di non andare proprio. O scelgo Renzi o me ne sto a casa. Oppure se voto Civati, secondo la sua logica, sarò poi obbligato a votare Pd. Mi piacerebbe proprio vedere come mi costringeranno a farlo. E se questa è la democrazia dei renziani – o voti me o stai a casa – vedo un futuro ancora più cupo del ventennio appena trascorso.

Anche per queste ragioni, tolto un Cuperlo che significherebbe optare per un Pd per come è sempre stato – ovvero dannoso, inutile e bugiardo – ancora una volta vedo il voto a Civati come l’ultima speranza per il centro-sinistra in questo paese.

Elezioni amministrative 2013: e adesso?

Riassumendo.

1. Il centro-sinistra vince ovunque. Ok, con la metà di elettori ed elettrici a casa, ma questa è la democrazia, tesoro! Adesso il Pd, assieme ai suoi alleati, ha due opzioni: o cavalcare l’onda, prendersi tutte le sue responsabilità, darsi un’identità definitiva – progressista, laica, moderna, europea e europeista a cominciare dai fatti – oppure convincere quel 50% di astenuti a passare dall’altra parte e perdere parte dei suoi. Dal 2006 sono stati maestri i nostri eroi in questo. Adesso anche basta.

2. Il MoVimento 5 Stelle frana rovinosamente, perdendo fino a trenta punti percentuali sui precedenti consensi in Sicilia – a meno che non si voglia fare un raffronto con i tempi di Federico II di Svevia o col periodo normanno e dichiarare la vittoria netta e imprescindibile. Forse, e sottolineo forse, il primo errore è stato quello di aver negato la fiducia a Bersani quando era possibile farlo. Appoggio esterno, governo tenuto sotto controllo vigile, magari Rodotà al Quirinale e, soprattutto, Berlusconi politicamente finito. Invece il Cavaliere detta legge a Letta, anche se lui fa di tutto per smentire l’evidenza. Questo risultato è un insieme di cause. Una di queste va ravvisata delle scelte di Grillo, imposte ai suoi parlamentari. E oggi siamo con un M5S al 3-4%. Contenti loro…

3. Il governo delle larghe intese ne esce a pezzi, sotto il profilo politico: vincono i personaggi anti-sistema ma dentro ai partiti di centro-sinistra e proprio quelli con un’identità specifica: Serracchiani e Marino oggi, Zedda e Pisapia ieri. Identità e programmi, riconoscibilità politica e pragmatismo. Ciò che è mancato la Pd da che è nato. Per star dietro a Bindi e D’Alema, per altro. E oggi ci siamo ridotti a Letta. (S)contenti noi!

4. Il PdL perde malissimo ma campa (e con tanto di fanfara) proprio quando il centro-sinistra perde identità e pragmatismo e sostituisce l’anelito vitale della politica, elemento fondamentale di ogni democrazia efficace, a certo “immobilismo riesumazionista”. Insomma, quando il democratici fanno il partito-zombi. Il Pd di questi anni è stato, sul piano nazionale, il territorio di sfida di due cadaveri piuttosto ingombranti: PCI e DC. Seppelliamo definitivamente i morti e diamo nuova linfa al futuro. Ma in casa Berlusconi stiano molto attenti: Roma era di Alemanno, la Sicilia in mano ai sindaci destroidi. Hanno perso tutti. A Catania il sindaco uscente si fa battere addirittura da un residuato bellico come Enzo Bianco. Cari ragazzi, che pensate ancora che Ruby Rubacuori sia nipote di Mubarak, evidentemente avete fatto schifo. Se se ne accorge anche la popolazione italiana, ma a livello nazionale, siete finiti. Per fare questo occorrerebbe, ovviamente, una sinistra forte e cazzuta. Per cui per ora potete continuare a star tranquilli. Per ora. Anche se io spero che muoiate tutti. Politicamente parlando, ça va sans dire.

E adesso? Adesso la strada è quella di sempre: una linea retta, il solito bivio e quindi il coraggio o la mediocrità. Fino a oggi abbiamo scelto la via di destra. Lo vogliamo avere uno scatto di dignità? A quanto pare, anche quando tutto sembra andare in merda, qualcosa di buono succede. Basta avere un’identità chiara. E buone idee. E una pala, per seppellire il cadavere di ciò che fu. Anche se parla ancora, si batte il petto e si accarezza il baffetto hitleriano. Abbiamo solo da guadagnarci. Fidatevi.

Cassazione e coppie gay: un piccolo trionfo

Cerchiamo di dire le cose come stanno. La Cassazione non ha affatto aperto alle adozioni per le coppie gay e lesbiche. Il discorso semmai è un altro: non esistono prove che un bambino, cresciuto in una coppia omogenitoriale, venga su male o peggio rispetto a una coppia eterosessuale. Sostenere il contrario, quindi, è puro e semplice pregiudizio.

La Corte, ieri, ha semplicemente espresso questo principio. Non è il raggiungimento di un obiettivo legislativo, siamo d’accordo. Eppure è una sentenza estremamente positiva. Per almeno tre buone ragioni.

1. Ribadisce la sentenza 138 del 2010, ovvero che il riconoscimento delle coppie di fatto, soprattutto quelle omosessuali, non collide con la Costituzione. Il pronunciamento di ieri ha bocciato il ricorso di un padre che chiedeva l’affidamento del figlio perché la madre ed ex compagna è andata a vivere con una donna. L’uomo ha cercato di far valere proprio l’articolo 29 della Costituzione. Il ricorso è stato rigettato con la motivazione che non è  «…dannoso per l’equilibrato sviluppo del bambino il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale». I giudici, quindi, prendono atto delle trasformazioni sociali del nostro paese e ridefiniscono il concetto di “famiglia”, aprendolo alle coppie gay e lesbiche.

2. La Cassazione fa presente che non esistono studi scientifici – anzi, aggiungo io, l’APA, l’Associazione di Psichiatria Americana dimostra proprio il contrario – che dimostrino l’incapacità delle coppie omogenitoriali di essere meno idonee alla crescita e all’allevamento dei bambini. Che ne pensino Giovanardi, il Moige, Gasparri, la CEI e qualsiasi altra scheggia impazzita di medio evo, la verità è un’altra. E cioè: un bambino, per crescere bene, ha bisogno di amore, affetto e rispetto.

3. La sentenza pone di nuovo al centro dell’agenda politica la questione omosessuale italiana, partendo proprio dai diritti relativi alla genitorialità. E lì cadranno molte maschere, da Bersani e Vendola in giù. Alcuni esponenti parlamentari hanno addirittura lamentato un’invasione di campo da parte dei giudici. Siamo alle solite fanfare del berlusconismo. E il problema in questo paese non sono i giudici che rendono giustizia, ma la politica che non fa il suo lavoro.

La sentenza di ieri, in altre parole, ha messo ha nudo ben due realtà e ovvero: la società italiana è molto più moderna della classe politica che pretende di rappresentarla, da una parte; dall’altra, i nostri partiti – almeno quelli di centro-sinistra – dovrebbero scegliere da che parte stare. Se dalla parte di Gasparri e del Moige o dalla parte di chi fa di tutto per crescere bene i propri figli, nel segno dell’amore, dell’affetto e del rispetto.

Vendola, le primarie e il circo dei clown che non fan ridere nessuno

C’era da aspettarselo. Se domani si facessero le primarie, tra Bersani e Vendola vincerebbe il secondo. E grazie tante. Per essere un leader, lo storia ce lo insegna, non devi solo essere bravo. Devi essere qualcuno. E attenzione, non sto dicendo che Bersani sia nessuno, parlo, in realtà, di carisma.

Una critica che si faceva a Prodi era quella di essere soporifero. Se Prodi è soporifero, Bersani è nullificante, come lo zero nella moltiplicazione. Appena apre bocca sei già morto di noia. Un concetto elementare come “occorre pagare meno tasse” viene pronunciato con una lentezza indicibile e recitato o spiegato con un giro di perifrasi (che poi sarebbero giri di parole) capaci di narcotizzare un branco di rinoceronti inferociti. Bersani sarà un bravo tecnico, ma è più grigio di Fassino. Vendola ha il carisma, invece. E viviamo un’epoca in cui non vince la bravura, ma l’essenza. Essere qualcuno, appunto. Spiccare. Berlusconi è il segno più evidente dei tempi che viviamo: un’enorme scatola vuota, rivestista internamente di marcio. Ma la gente lo ama e lo vota, perché ha e dà l’impressione che dentro quella scatola, oltre il marcio, ci sia un sogno.

Bersani il suo curriculum ce l’ha. Le famose liberalizzazioni, la lenzuolata. Sepolta e azzittita dai clacson dei tassisti in rivolta. Vendola ha governato la Puglia, ha vinto per ben due volte le primarie contro l’apparato dalemiano, ha promesso che avrebbe impedito la privatizzazione dell’acqua e lo ha fatto. Non è un caso che se domani ci fossero le primarie le vincerebbe lui. Anche dentro l’elettorato del pd, uno dei più lenti a recepire il cambiamento (basta vedere chi è stato il primo segretario e con quali percentuali ha vinto), ci si è resi conto che a parità di valore tra il grigiore e il colore è più interessante la seconda ipotesi.

L’aspetto sostanziale, che adesso dovrebbe saltare davanti agli occhi di tutte e di tutti, è che l’autocandidatura del governatore pugliese e il sondaggio di Repubblica hanno visibilmente irritato Bersani, che lascia intendere che le primarie non sono poi questa panacea democratica e che, sopra ogni cosa (Vendola incluso), bisogna salvaguardare la coalizione. Il principio democratico che ha avuto valore per Prodi e Veltroni, adesso non piace più. Complimenti per la maturità.

Che Bersani voglia fare il leader è legittimo. Eletto pochi mesi fa, rischia di fare da portavoti a Vendola. Dovrebbe esserci abituato, visto che il pd è un contenitore in cui i voti degli ex comunisti sono stati regalati a piene mani al progetto cattolico, conservatore, neocentrista e anche malcelatamente omofobo di un partito che ha come presidente una criptolesbica che sostiene che un bambino africano è meglio che crepi in Africa piuttosto che essere adottato da una coppia gay. O almeno è questo ciò che i suoi dirigenti hanno creato in questi mesi – a proposito: a Pesaro il pd ha votato col PdL contro il registro delle unioni civili con tanto di demonizzazione delle coppie arcobaleno – in barba alla bontà di buona parte della base, che a Roma ha creato una festa dell’Unità che è stata un vero e proprio tripudio di confronto tra culture diverse.

Bersani, dunque ha le sue buone ragioni a voler fare il leader indiscusso di un partito-fantoccio. Il problema che si pone, tuttavia, è un altro. Ed è duplice.

Innanzi tutto la candidatura di Vendola e la sua possibile vittoria dimostrerebbero che il pd è, per l’appunto, un contenitore vuoto. Talmente vuoto da non riuscire nemmeno a esprimere un candidato premier, come avviene in tutti i paesi. Lasciar questo onere/onore a Vendola, leader di un partito che non ha nemmeno il 3%, dimostrerebbe che il progetto del pd è perdente ab origine. E io posso pure aggiungere: ve l’avevo detto…

Secondo poi: con la candidatura di Vendola si rischia di dare al centro-sinistra (e il trattino è d’obbligo) una fisionomia politica concreta. Non un blob indistinto di conventicole unite in nome dell’antiberlusconismo, ma un soggetto in cui c’è un candidato premier che ha alle spalle una storia di buona politica, che ha un suo seguito dentro l’elettorato di pd e SEL almeno e che non viene visto male dentro l’IdV e possibilmente anche dentro l’estrema sinistra. Dare al centro-sinistra un’aura politica, senza farne il circo di clown che non fanno ridere nessuno che per adesso è, è un rischio che preoccupa molti. Soprattutto un certo Pierferdinando Casini che aspira a fare da ago della bilancia tra destra e pd e che, in quanto leader di un partito fieramente omofobo, clericale e che candida condannati e delinquenti, osteggia un candidato di sinistra, dichiaratamente gay che in Puglia ha fatto fallire il progetto dell’UDC della privatizzazione dell’acqua pubblica. Tutti meriti, questi, che porterebbero molte persone come me, quelle affezionate alla democrazia, alla serietà e alla legalità, per intenderci, a non votare.

Bersani, a ben vedere, vuole difendere questo stato di cose quando parla di priorità della coalizione: sacrificare Vendola, fare il leader del pd e perdere le elezioni. Avviare quella vocazione peggioritaria che da Veltroni in poi ha sistematicamente fatto perdere al centro-sinistra tutto ogni importante competizione a livello nazionale. Ai vertici del pd ci sono evidentemente abituati. Noi, invece, ne avremmo un attimo le palle piene. Qualcuno, a questo punto, dovrebbe farlo sapere al direttore del circo che non fa ridere nessuno.