A priori e a posteriori dell’omofobia italiana

no_omofobiaHo scritto un articolo, sul mio blog nel Fatto Quotidiano, sulle orrende leggi dell’Indiana, che permettono a esercenti e ristoratori di discriminare le persone LGBT non servendole nei loro locali, per questioni religiose. Rimandandovi alla lettura dell’articolo, segnalo il commento di un lettore:

Chiamala col suo nome: obiezione di coscienza.
Loro hanno la loro, voi la vostra.
Voi boicottate commercialmente chi è contro i gay, perchè non ne parliamo?
Ti tocca farci i conti, le tue ragioni le dici, le loro ragioni le dicono, entrambi sono sordi l’un l’altro.
Per farti più sereno ti regalo un gelatino portandotelo a domicilio anche s’è m’è un po’ scomodo venire in Sicilia.

Ho fatto notare a chi ha scritto queste parole che non pretendo che il fornaio sotto casa sia gay-friendly o che il titolare del supermercato dove faccio la spesa finanzi il pride. Semplicemente, non me ne curo. Dopo di che, se qualcuno fa considerazioni che vanno contro la mia dignità, ne prendo atto. È una cosa a posteriori. Questi commercianti americani, invece,  chiedono di discriminare a priori. Vogliamo farglielo fare? Benissimo. Non si lamenti poi qualche cattolico se verrà buttato fuori da qualche scuola a maggioranza protestante o da un cinema gestito da ebrei. Toccherà che ci faccia i conti, con certe inoppugnabili ragioni.

Aggiungo, come commento personale, che è sconfortante il grado di analfabetismo politico e culturale di questo paese. Anche perché sembra essere non genuino, ma di ritorno. Ennesimo lusso che la società italiana non può davvero permettersi.

P.S.: Ho infine detto al mio interlocutore che non accetto gelati da sconosciuti, sebbene ne apprezzi il pensiero. Potrà farne l’uso che reputerà più opportuno.

Annunci

Prima o poi ci si incontra

Ultimamente scrivo meno. Molto meno. Ma il discorso non è tanto che non scrivo qui, bensì che scrivo altrove.

Mettiamoci pure che le cose hanno un loro decorso. Si nasce, si cresce e si muore. Adesso devo solo capire se questo blog sta morendo, e in tal caso – dopo dieci anni – ci starebbe pure, o se sta solo cambiando forma. Se sta tornando alle origini, se vogliamo. Quando ci mettevo solo i sentimenti e quello sguardo che faceva di no, interiormente, con la testa, di fronte alle cose che non mi andavano bene.

Le risposte a queste domande verranno da sole. Ma io scrivo lo stesso. Un po’ qui, un po’ sul Fatto o su Gay.it e un po’ su Italialaica. Cioè, io sto un po’ in giro. Ecco. Prima o poi ci si incontra comunque.

L’utilità dell’inutile troll

trolls o criceti?

Ne parlavo oggi con Caterina Coppola, la direttrice di Gay.it. «Come fai» mi chiedeva «a sopportare tutti quei commenti livorosi ai tuoi articoli sul Fatto e sul blog?»

Diciamo – e così le ho risposto – che la vedo così: i miei trolls sono una decina di persone al massimo, non una di più. Scrivono sempre le stesse cose, dall’ideologia/dittatura del gender, all’insulto omofobo come libertà di espressione e boiate simili. 

Adesso se io ho una gabbia di criceti che fanno a gara per contendersi la ruota non posso prendermela perché non hanno scelto di andare ad Harvard in alternativa. Sempre di topi stiamo parlando, con la differenza che topi e criceti sono animali carini, è DNA non sprecato, fanno parte della riserva biologica di Madre Natura.
 
Poi c’è un’altra evidenza. Questa gente, con commenti e clic, non fa altro che indicizzare gli articoli. Mi aiuta, in buona sostanza, a rendere più visibile un certo tipo di pensiero. 
 
Certo, capisco che di fronte a commenti come questo caschino le braccia, per chi è appassionato di questioni quali la logica, l’intelligenza, la razionalità e il pensiero critico:
 
momento di massima tensione intellettuale di un fake

momento di massima tensione intellettuale di un troll

ma credo anche che certi commenti siano, di per sé, monumenti importanti per l’idiozia di chi li scrive e utili per capire il disagio – psichico innanzi tutto – di soggetti cresciuti in contesti evidentemente svantaggiati.
 
Io ancora sto aspettando la risposta sugli accorgimenti tecnici che portano un individuo a riconoscere un gay da una fotografia. A meno che non si tratti di “gay-radar”, il che spiegherebbe molte cose. Converrete.

Mussolini, la colpa di essere moglie (sul Fatto…)

il mio blog sul Fatto Quotidiano

il mio blog sul Fatto Quotidiano

…non l’avevo ancora scritto, qui. Ma da sabato scorso mi potrete leggere, con il mio nome e cognome, anche sul sito del Fatto Quotidiano.

Il mio primo articolo, che potete trovare qui, tratta proprio di Alessandra Mussolini e degli errori da evitare sulla sua persona.

Prima che mi assaltiate, sia ben chiaro: non la sto difendendo, né tanto meno minimizzo il suo pensiero. Dico solo che la sua omofobia non è diventata ancora più grave per quello che ha presumibilmente fatto il marito (deciderà il giudice). È grave di per sé.

Per il resto, buona lettura a tutte e a tutti!

Basi malate e teste che puzzano

“Quando il pesce puzza dalla testa non è mai buon segno.”

“Brutta troia, lesbica vacci a succhiare il pisello a la checca del tuo padrone vecchia zozzona.”
“Io spedirei lei, la kyenge, coucky, letta e tutto il pd in africa assieme ai loro amici rom, clandestini,e gay e costringerli a vivere la.”
“Questa e una povera depressa lesbica.”
“Sei brutta come una ZINGARA nn ti si può guardare.”

Questi e altri commenti dello stesso tono – e grammaticalmente ardui – sono presenti in molti post del blog di Beppe Grillo, e giustamente Alessandro Capriccioli si chiede (e chiede al leader del M5S) come mai si permette a certa gente di avere diritto di parola, in quei modi e in quei termini, senza provare anche un minimo di vergogna.

Queste sono le ragioni per cui non posso votare M5S. Sessismo, omofobia e razzismo rappresentano un robusto sostrato culturale della base del partito pentastellato. Ed è urgente e necessario che i vertici – che se ne dica, Grillo e Casaleggio sono i capi indiscussi – siano chiarissimi in merito. Anche se temo che non abbiano gli strumenti culturali per prendere le distanze da tutto questo. E quindi, come dicevo poc’anzi, non posso votare un partito che presta il fianco a certi sottovalori.

Fatta questa premessa, vorrei però ricordare anche a quanti si stracciano le vesti di fronte a questi fenomeni, che altrove non si naviga in acque migliori.

A Macerata, ad esempio, di recente i rappresentanti del Partito democratico hanno votato un ordine del giorno dell’IdV «con il quale il Consiglio si impegna ad opporsi a qualsiasi disposizione normativa in merito ai diritti degli omosessuali, che sia di contrasto all’omofobia o di riconoscimento delle unioni omosessuali».

Mentre questo accade, il nostro premier Enrico Letta sarà uno dei pochi capi di governo a presenziare ai giochi olimpionici di Sochi, nell’omofoba Russia. Faccio presente che moltissimi altri leader europei e mondiali, a cominciare da Obama, diserteranno l’appuntamento mandando delegazioni LGBT come risposta politica alle persecuzioni di omosessuali russi.

Scrive Cristiana Alicata sul suo blog e sul suo profilo Facebook che gli elettori di un partito danno il senso di cosa sia quel partito stesso. Credo che bollare i milioni di votanti del M5S come “feccia” della politica sia un atto di arroganza pari a quella del grillino medio(cre) che tanto si vuole contestare.

E credo pure che se parte della base del M5S sia malata del tipico cancro italiano – i cui ingredienti stanno appunto nel sessismo, nel razzismo e nell’omofobia, e che ritroviamo sparsi anche in molti altri partiti con cui lo stesso Pd fa accordi politici e governi – altrettanto preoccupante è una dirigenza che non si limita a scrivere insulti su questo o quel blog, ma istituzionalizza l’odio contro le persone LGBT con atti pubblici e gesti istituzionali che fanno forse più male del delirio di un manipolo di esaltati.

Anche perché gli autori di quegli insulti non stanno al potere, chi va a stringere la mano a Putin, invece, è il nostro presidente del consiglio. E quando il pesce puzza dalla testa non è mai un buon segno.

2013 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The Louvre Museum has 8.5 million visitors per year. This blog was viewed about 210,000 times in 2013. If it were an exhibit at the Louvre Museum, it would take about 9 days for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

Dizionario minimo del cattolico integralista medio

cimAccade che il mio profilo Twitter – così come questo blog o il mio profilo su Facebook – diventi oggetto di interesse del/la cattolico/a integralista di turno la cui missione sarebbe, in apparenza, far crollare le mie acquisizioni circa la questione LGBT con le certezze assolute della sua fede. Non importa che le prime siano frutto di studi di settore e le seconde un acritico approccio alla superstizione spacciata per verità assoluta.

Il cuore del problema, a mio avviso, è il seguente: l’umanità non può essere definita nella sua complessità, e quindi non può essere racchiusa esaustivamente in nessuna gabbia definitoria rigida. Per questo, almeno io credo e penso, per comodità terminologica possiamo usare delle categorie in quanto descrittive di un comportamento umano, ma non onnicomprensive dell’umanità intera. Si potrà essere eterosessuali in un modo o in un altro, ci sono gay di un tipo e di tipo completamente opposto, ecc.

Per il cattolico integralista medio (CIM, da ora in poi), invece, esiste un solo concetto di umanità: il suo. Tutto ciò che esula dal quel concetto è sbagliato. E se si prova a chiedergli le ragioni, si ottiene come risposta un “perché sì” o, al massimo dell’elaborazione culturale di cui è capace, scomodando l’ipse dixit di turno.

Ho cercato di isolare alcune sfere argomentative e alcuni termini chiave che servono al cattolico integralista per potersi muovere nel mondo di oggi con lo scopo di sopravvivere a una modernità che non comprende e che ha bisogno di controllare o di disprezzare per potervi sopravvivere. E ho cercato di spiegare cosa essi descrivono nella semantica del mondo civile.

Ma andiamo per ordine. Alfabetico, naturalmente.

Accoglienza (delle persone LGBT): omofobia e transfobia.

Adozione: procedura legale che, per esistere ed esser tale, deve essere necessariamente preclusa a gay e lesbiche.

Bambino/a: creatura di qualsivoglia nazionalità da tenere distante da persone LGBT, da affidare preferibilmente a esponenti religiosi di ogni ordine e grado, non importa se pedofili. Ved. -> feto, -> embrione.

Bestemmia: tendenza a praticare singolarmente e nell’insieme ironia, critica e libero pensiero su questioni religiose attinenti al cristianesimo.

Catechismo: metodologia scientifica di descrizione e decifrazione di tutto il reale.

Cimitero: (per -> embrione/feto) luogo dove conservare qualsiasi produzione cellulare assimilabile al concetto di -> essere umano.

Cristianofobia: qualsiasi esternazione critica nei confronti della -> religione cattolica romana.

Democrazia: sistema politico basato sui concetti di -> rispetto della -> fede e del -> catechismo.

Diritto: esclusiva prerogativa di individui battezzati secondo i precetti della religione cristiana cattolica romana.

Donna: involucro biologico funzionale agli atti procreativi, incubatrice. In certi contesti sinonimo anche di “colf”.

Embrione/feto: soggetto giuridico dotato di identità percepita e autonomia biologica vedi vita.

Essere umano: ente caratterizzato da consistenza cellulare minima, dal liquido prespermatico in su.

Fede: ved. -> religione.

Funerale: sacramento riservato in particolar modo a mafiosi, dittatori, politici corrotti, guerrafondai.

Gay pride: pratica sociale in voga a Sodoma, giustamente punita da Dio col fuoco divino.

Lesbismo: 1. mito dell’antica Grecia per cui due donne insieme possono non solo esistere ma addirittura provare piacere fisico; 2. malattia guaribile attraverso preghiera, elettrochoc, stupro correttivo e dominazione psicologica.

Matrimonio: istituto giuridico che, per esistere ed esser tale, deve essere necessariamente precluso a gay e lesbiche.

Morale: approccio relativista per cui pratiche ammesse (anche di nascosto) a soggetti bianchi, eterosessuali, cattolici e preferibilmente maschi sono da vietare e condannare per tutte le altre categorie sociali.

Natura: tendenza dell’individuo a non esercitare, possibilmente sotto ricatto o per divieto, atti quali libertà di pensiero, critica verso il potere precostituito, sesso omoerotico e pre- o extramatrimoniale, pratiche autoerotiche, gratificazione del sé (shopping incluso), profilassi da malattie sessualmente trasmissibili e quanto non previsto dalle relative encicliche di filosofia wojtyłiano-ratzingeriana.

Normalità: ved. -> fede.

Omofobia: teorizzazione per cui i soggetti LGBT non devono essere uccisi, umiliati, discriminati, picchiati in modo ingiusto, ma solo in modo giusto.

Omosessualità: pratica esistenziale coincidente con svariati mali del mondo, dall’evasione fiscale alla guerra atomica. In alcuni casi è sinonimo di abusi sui minori; 2. malattia guaribile attraverso preghiera, elettrochoc, stupro correttivo e dominazione psicologica.

Privilegio: qualsiasi richiesta proveniente da individuo esterno alla chiesa cristiana cattolica romana.

Pro-life: tendenza filosofica che porta il CIM a inorridire di fronte alle leggi sull’interruzione volontaria di gravidanza, testamento biologico, eutanasia e suicidio assistito, per poi affrontare in modo passivo o eventualmente entusiastico fenomeni quali guerre, genocidi, violenze omofobe, stupri di minori in parrocchia, appoggio a dittature sanguinarie, pappa&ciccia con cosche mafiose e fenomeni analoghi.

Religione: tendenza a non tollerare chiunque sia critico con quanto espresso e contenuto nel -> catechismo.

Rispetto: tendenza filosofica per cui il pensiero del CIM ha la prerogativa ad essere esternato sempre e comunque senza contraddittorio, per cui ogni obiezione a tal pensiero viene vista come mancanza di rispetto.

Sensibilità: intolleranza.

Scuola: sistema educativo basato sui concetti di -> rispetto della -> fede e del -> catechismo.

Sobrietà: tendenza innata a fustigarsi con cilicio e altra tipologia di strumento di mortificazione del proprio corpo. In alcuni casi, sinonimo di sciatteria, ineleganza, inchiavabilità.

Tolleranza (per le persone LGBT): omofobia e transfobia.

Transessualità: vedi -> omosessualità.

Transfobia: vedi -> omofobia.

Verità: 1. -> catechismo della chiesa cattolica romana; 2. tutto quanto proferito da esponenti religiosi di ogni tipo di ordine e grado, purché contenuto nel -> catechismo della chiesa cattolica romana.

Vita: 1.condizione per cui è vietato non nascere o si è obbligati a non morire, possibilmente attaccati a un respiratore artificiale (o altro supporto medico-chirurgico) con eventuale suora accanto che ti ricorda quanto sei fortunato a trovarti in siffatta condizione; 2. associazione di due o più cellule prodotte e/o secrete da organi genitali umani e funzionali alla riproduzione, comprendente vasta tipologia di casistiche dal contenuto mattutino del fazzoletto post-alzabandiera fino a malato grave in fase terminale; 3. qualcosa da garantire a chiunque, ad eccezione di non credenti, esseri umani di altre religioni, donne non devote, gay, lesbiche, trans, ecc.

Ci chiamano diversi

È un progetto del giovane film-maker Enzo Monaco, che prova a raccontare chi sono le persone LGBT in Italia.

E lo fa, lui, da eterosessuale, facendo parlare gli altri e le altre, per vedere se noi siamo poi davvero così diversi/e come ci dipingono.

Se volete capire un po’ meglio di cosa sto parlando potete andare a visitare il blog del regista, Ci chiamano diversi, su Blogspot. Lì troverete il work in progress del documentario e qualche assaggio di molte delle storie già narrate.

Io ho raccontato la mia:

A costo di ucciderci tutti…

Questo è un commento rilasciato da tale Louie, in risposta al mio post Diamo una lezione all’omofobia:

omofobia

credo che il contenuto di questo messaggio si qualifichi da solo. Faccio solo notare che:

1. per certi cattolici questo sarebbe un mirabile esempio di “cultura della vita”
2. per certi altri, e per i loro politici di riferimento, si tratterebbe invece di “libertà di opinione”
3. per certi partiti, infine, sarebbe una scelta auspicabile.

Per me è solo un esempio di una profonda disumanizzazione. Chi pensa che le persone LGBT debbano essere uccise piuttosto che avere i figli, concedendo al massimo un ghetto giuridico, non è poi tanto diverso da chi mandava ebrei e rom nei campi di sterminio.

Ma c’è anche da dire che questa gente riesce a produrre certi abomini anche grazie al pensiero di chi, prima, è andato/a in televisione a dire «meglio un bambino in Africa che a una coppia di omosessuali», di chi – durante il dibattito sulla legge contro l’omofobia – ha scritto lettere per rassicurare coloro i quali temevano di non poter più dire che essere gay è una malattia e amenità similari. Teniamolo sempre a mente.

Ancora sul liceo di Perugia: una “lezione” contro l’omofobia

I miei post sul controverso caso del liceo perugino, in cui un docente di religione ha somministrato un questionario omofobo ai suoi studenti, ha provocato una reazione di massa di diversi commentatori di matrice culturale cattolica, sguinzagliati non si sa bene se da un fervente anelito per il martirio – e mi riferisco a quello a cui è stata sottoposta la pazienza mia e di chi ha letto il loro profluvio di inesattezze – o dall’integralismo tipico di chi pretende di possedere la verità in tasca.

Tralascio i vari casi in cui sia io sia i lettori e le lettrici di questo blog siamo stati invitati/e, senza esclusione alcuna, a ritrovare rette vie, incontri con Gesù, il senso del pentimento e amenità analoghe. Trovo molto violento questo voler imporre la propria visione della fede a chi con quella fede non vuole averci niente a che fare.

Ma al di là degli aspetti folkloristici della vicenda, ho riscontrato da parte di questi trolls – travestiti da opinionisti – una serie di costanti argomentative che vi sottopongo, per capire quali sono le strategie che mettono in atto queste persone per falsificare la realtà, sia quella effettiva, sia quella raccontata da altri per avallare la loro visione dell’omosessualità come condizione sfavorevole.

Mi rifarò a uno dei tanti – e sempre rigorosamente anonimi – che procede attraverso diversi canali che analizzo qui di seguito. Lettura un po’ lunga, ne sono consapevole, ma a mio parere necessaria. Ma andiamo per punti.

***

1. Rovesciamento della questione

Il primo tentativo, solitamente, è quello di sminuire la portata della cosa. Nel questionario proposto ciò che non è andato giù a me e a molte altre persone è stato l’inserimento di condizioni personali e scelte di vita, insieme a comportamenti poco leciti e a reati veri e propri. Penso sia molto offensivo sentirsi accomunare a stupratori e assassini in quanto gay, divorziati o conviventi. Il nostro eroe così ribatte a questa obiezione:

«Dunque anche gli atei, o i tanti giovani che convivono dovrebbero essere scandalizzati da questo questionario e gridare allo scandalo. Chiaramente così non è.»

Si cerca, dunque, di limitare la gravità oggettiva del fatto a una protesta di una categoria e una soltanto. Siamo noi gay che stiamo protestando, non gli altri. La maggioranza delle persone rimane silenziosa di fronte a questo presunto scandalo. Siamo noi, persone LGBT, tanto per cambiare, i soliti esagerati. La questione, in tal senso non solo viene sminuita, ma addirittura rovesciata.

***

2. Ragionamento oppositivo

Continua ancora, il nostro eroe:

«Il questionario resta quello che è: una provocazione e un invito a dei giovani diciottenni a ragionare con la loro testa, senza annichilirla ascoltando in continuazione il lavaggio del cervello che ultimamente i media stanno facendo a favore delle comunità LGBT. Ragionare con la propria testa significa saper discernere il bene dal male.»

Si separano due fenomeni, perciò: la propaganda dei media, indicati come pro-omosessuali, e l’azione del docente perugino. Il docente, secondo la visione proposta, invita a ragionare con la propria testa, in opposizione ai sistemi di comunicazione che fanno “il lavaggio del cervello”. Il questionario del prof di religione, contrariamente ai media, aiuta a discernere il bene – ciò che egli dice – dal male, ovvero ciò che propongono i media. Ma i media, si è appena detto, sono dalla parte dei gay e con essi alleati per plagiare le giovani menti. Ne consegue che il bene sta tutto da una parte (il prof, appunto, e il suo questionario) e, quindi, il male nell'”omosessualismo” dominante. Si diceva la stessa cosa degli ebrei, organizzati in non meglio precisate lobbies messe ad arte per la conquista del mondo. Si sa come è andata a finire.

***

3. Gerarchizzazione

Per difendere l’inserimento dell’omosessualità in mezzo a crimini e peccati, il nostro afferma:

«Nel caso specifico della parola “omosessualità” ciò vuol dire sapere che l’omosessualità non è una colpa, né un peccato. Ma sapere anche che l’omosessualità può portare a colpe e a peccati esattamente come ogni altra condizione umana.»

Affermare “che anche l’omosessualità può portare a colpe e peccati” suggerisce che l’essere gay o lesbiche vada considerato in un gradino più in basso rispetto alla “naturale” norma dell’eterosessualità. Ma se dovessimo ragionare con tali categorie interpretative, ribaltando a nostra volta i termini della questione, andrebbe ricordato che soprattutto l’eterosessualità può portare a malefici effetti per tutti e tutte: fino a ora questa condizione ha garantito all’umanità quasi il 100% delle “colpe” descritte in quel foglio, a cominciare da guerre, stupri e soprattutto dagli infanticidi, tipico male delle famiglie composte da padri e madri, sposati o meno.

Per fortuna il pensiero del movimento LGBT non ha bisogno di questi stratagemmi retorici per affermare la bontà delle proprie posizioni.

***

4. Vittimismo cristiano

Messo alle strette sull’effettivo infelicissimo contenuto di quel test, l’autore del commento in questione sbotta:

«Io trovo un insulto alla mia libertà il non poter esprimere le mie idee. Ho letto altri tuoi messaggi pochi minuti fa, e sei tra coloro che mi imprigionerebbe per le mie idee. Mi fai paura, e come te molti altri attivisti LGBT.»

Mi fa sorridere il fatto che questo individuo si senta minacciato e offeso per la mancanza di spazi in cui poter esporre le proprie convinzioni: ma se contiamo il numero degli interventi qui su questo blog, tra questo articolo e altri, mi sembra che egli abbia approfittato di molte occasioni di dire la sua senza che nessuno gli abbia impedito di farlo.

Tale vittimismo, per altro, è lo stesso che utilizzò a suo tempo il Vaticano quando si oppose alla depenalizzazione dell’omosessualità voluta dall’ONU, sostenendo per mezzo dei suoi diplomatici che vietare di mandare in prigione un gay era discriminatorio per la libertà di quei paesi che prevedevano sanzioni contro l’omosessualità stessa…

***

5. Catastrofismo

Come ogni produzione letteraria di stampo religioso che si rispetti, anche il commento che stiamo analizzando si conclude con un’apocalisse:

«Ricordatevi cosa è stato dell’uomo ogni volta che è stato privato della sua libertà per ideologie: le crociate, il comunismo, il nazismo… L’ideologia del gender è sempre più proiettata verso simili aberrazioni. E questo fa paura!»

Strategia che già conosciamo, perché utilizzata – tra tanti – proprio da Berlusconi nel suo ventennio contro i rischi di chissà quale invasione sovietica, nonostante il muro di Berlino fosse già caduto nel 1989. La cosa si commenta da sé. Ma per il nostro autore evidentemente non fa mai male dipingere i suoi avversari come portatori di “miseria, terrore e morte”.

***

Conclusioni

Commenti come quello appena riportato dimostrano, in buona sostanza, che essere cristiani in una certa ottica significa poter esprimere impunemente i propri pregiudizi a danno delle minoranze. Temo che queste persone non siano abbastanza coscienti del ridicolo in cui cadono con questo tipo di atteggiamento. Ma contente loro!

Adesso, si trattasse solo di suggerire a menti obnubilate da certo integralismo religioso un doveroso senso della vergogna, la cosa toccherebbe solo le coscienze di chi decidesse di cimentarsi in un’impresa tanto titanica quanto inutile. Il dramma è che questo tipo di argomentazioni sono proposte come verità vibrante dai piani alti del potere religioso per poi ricadere, in forme varie e diverse, sulla società tutta a cominciare proprio dalle scuole.

Lì ragazzi e ragazze LGBT subiscono questo tipo di “suggestioni” a danno della loro serenità mentale e della loro integrità fisica e morale. E va da sé che chi è veramente interessato/a al bene collettivo, non può essere contento di questo stato di cose.

Il questionario di quel docente ricalca, in linea di massima, questo tipo di atteggiamento che può fare del male a chi ancora è troppo fragile per poter avere un’identità solida, in un senso o nell’altro, in un mondo strutturato sul pregiudizio. Per questo quel documento diventa irricevibile e, in buona sostanza, anche parecchio pericoloso.