Gli 11 settembre

11settembre1973

ci sono due 11 settembre

11 settembre 2001: ricordo che ero in giro a Catania. Cercavo casa. Mi chiamò un’amica al telefono, Katia, per avvisarmi: «accendi subito la TV!» Venni poi a sapere, chiamando a casa. Andai subito all’associazione in cui facevo volontariato, per cercare di capire meglio. Perché era tutto troppo confuso, troppe parole, le stesse della paura. Trovai Lucia, un’altra amica, che mi disse: «lo sai che siamo in guerra, vero?»

Avevo ventisette anni, quel giorno. E tutto si è avverato, così come mi è stato detto.

11 settembre 1973: il Cile sprofonda in una dittatura sanguinosa e crudele, grazie al supporto del mondo occidentale. Il presidente Allende, socialista e democraticamente eletto, venne spodestato per gli interessi dell’occidente. Lo stesso che appoggia i golpe militari, ma che poi prova orrore per il terrorismo.

Gli 11 settembre

11 settembre 2001, l’attentato alle Torri Gemelle svela al mondo il pericolo del fanatismo religioso islamico e gli orrori che ne possono conseguire. In pochi, tuttavia, mettono in relazione quel pericolo alla real politik americana che quei certi fanatismi li ha pure foraggiati, per un certo tempo, prima che il mostro si rivoltasse contro il proprio creatore.

11 settembre 1973, il colpo di stato organizzato dalla CIA annienta la democrazia in Cile. Il golpe di Pinochet determinerà l’assassinio di Salvador Allende – colpevole di voler perseguire il benessere della sua nazione – e l’istaurazione di una delle più feroci dittature dell’America del sud. Anche in questo caso ci furono migliaia di morti.

Io onoro i martiri di entrambe le ricorrenze, perché vittime di fatti enormi – e altrettanto assurdi – e di una crudeltà di quella politica che porta i grandi a fare del popolo carne da macello.

Quando cerchiamo il nemico del nostro benessere e della nostra sicurezza dovremmo guardare, innanzi tutto, dentro di noi. Per capire che ciò che preserva dall’assurdità della morte è il ricorso a una rigorosa onestà intellettuale.