Momento simpatia #7: le femministe della differenza

samaraMi interrogo molto sulle cosiddette “femministe della differenza”. Mi interrogo sul loro essere così arraggiate* coi maschi gay e con le donne che esercitano le loro libere scelte (leggi Gpa), nello specifico. Mi chiedo se a monte di certo astio a tanto al chilo ci sia quella sindrome da “vecchia mai stata moglie, senza mai figli, senza più voglie”, già isolata da De Andrè, o se sia una conseguenza del fatto che certe signore non sono mai diventate famose quando era il tempo per farlo.

In questo secondo caso, è comprensibile il tentativo di agitare le manine per rimediare un invito in un salotto televisivo qualsiasi delle tre del pomeriggio, in qualche rete sotto-ammiraglia, ma temo che sia anche abbastanza inutile. La carta dell’omosessuale socialmente pericoloso per i destini ultimi del concetto di “normalità” è già stata giocata da ben noti leader omofobi, con libri annessi e palinsesti occupati al seguito.

Per cui, care femministe della differenza, se non volete essere declassate a “club delle poracce” delle due l’una: o superate a destra la De Mari con qualche novità assoluta, tipo piattole carnivore che si prendono solo i gheis (sì, scritto così) e roba simile, oppure magari cominciate a capire che un sereno pensionamento è opzione più che dignitosa. Di certo, più dello scadere nell’universo argomentativo di una sentinella qualsiasi, già difficile da riproporre al family day di Caltabellotta o alla festa della famiglia naturale di Cinisello Balsamo. Per dire, eh. Poi fate voi.

* = termine siciliano traducibile con “arrabbiate”, deriva da “raggia” e indica quella condizione perpetua di rosicamento a prescindere. Una sorta di Lord Voldemort, per simpatia, in collisione con Alessandra Mussolini per la compostezza dei toni. Mixate il tutto e avrete una diapositiva del fenomeno in questione.

Annunci

Momento simpatia #6: la pseudo-star ex velata e il pride

viso manichino uomo con capelliAdesso non è che siccome uno è gay, pseudo-famoso ed emette un peto verbale su come deve essere un pride si deve, per forza:
– pensare che abbia una qualche forma di ragione
– dargli, di conseguenza,visibilità
– inseguirlo, quindi, nel suo delirio.

Così è facile: dopo che per una vita hai fatto la velata – che la moglie di uno sceicco in Arabia in confronto è Belen all’Isola dei Famosi – capisci che la carta dell’omosessualità è l’ultima chance per ottenere un residuo fama. E lo fai, magari, buttando fango sul lavoro di quei/lle militanti che per decenni hanno lavorato anche per te.

E se permettete, la colpa non è poi tanto di chi si avventura in queste forme di sciacallaggio identitario, quanto di chi fornisce a certa gente un megafono. La grettezza si combatte con l’oblio. A fare da eco a un peto, per tornare al discorso di partenza, ottieni solo un certo tipo di effetto sonoro: e non è certo bello o elegante, converrete.

Momento simpatia #5: la maldicenza

6AWlaTx8BkU2Rac2axHhEhPUc5M

Momento simpatia del dì di festa: capisco che attaccare il lavoro degli altri, o l’onorabilità di chi a modo suo ci prova, riempie vuoti esistenziali enormi. Lo capisco perfettamente. Tuttavia, quando vi avventurate nelle selve della maldicenza – in assenza di argomenti, anche risibili – abbiate almeno l’accortezza di avere un seguito credibile o quella reazione che oscilla dal facile scandalo alla stizzita indignazione, avrà il valore di un peto lanciato nel profondo delle galassie: non lo sentirà nessuno. Nemmeno la puzza, dico.

Momento simpatia #4: girl just want to have fun

Ultimamente scrivo di meno qui. Ma scrivo molto altrove (e cioè qui, qui e qui). Volevo chiudere questo blog, ci ho pensato e per alcuni minuti l’ho anche fatto. Salvo poi pentirmene amaramente. Per cui rieccomi qui. E per la cronaca, siamo al tredicesimo anno di “Elfobruno”. Ma non è di questo che volevo parlare.

Girls-Just-Want-To-Have-Fun-Music-Video-cyndi-lauper-23964793-500-375Sto portando avanti, un po’ su tutti i miei canali, il dibattito sulla Gpa. Questo mi ha portato tante nuove “fan”, che periodicamente sulle loro bacheche, sulla mia o tra i miei messaggi privati vengono e si indignano, oppure occasionalmente insultano (“sei un bullo!”) e minacciano (dalla querela alle minacce di farti licenziare a lavoro).

Sono felice e ringrazio tutte queste signore che mi dimostrano quanto sia fondamentale il mio ruolo come antidoto alla loro noia quotidiana e, in alcuni casi, a quel male di vivere forse causato dal fatto di non aver ancora ricevuto inviti in prestigiose tribune, da Giletti a Barbara D’Urso, in qualità di opinioniste.

Unica avvertenza: le parole usatele bene. Magari imparate cos’è il bullismo o cosa significa violenza organizzata contro uno solo, per altro incapace di difendersi. Fate un favore non tanto a me, quanto alla Crusca e al concetto di intelligenza. Anche linguistica. Dopo di che buon lunedì e baci sparsi.

Momento simpatia #3: la lingua italiana

dizionario

E comunque bisognerebbe spiegare a qualcuno, sull’internet, che tra cervello, dita e tastiera collocata vicino allo schermo c’è un fenomeno complesso, da tenere a mente, chiamato “lingua italiana” (e relativa interpretazione della stessa). Così, giusto per non alimentare l’imperante disagio dei tempi moderni.

Momento simpatia #1: il classismo

k10411276Momento simpatia del lunedì mattina: mi fa tanto ridere il classismo alla ‪#‎CiaoPovery‬ sui social da parte di chi ha il bancomat di papà o mamma come unica fonte di reddito, se tutto va bene. Al netto del fatto che per i ricchi, quelli veri, certa gente si colloca in un gradino qualsiasi del concetto di quasi indigenza. Insomma, sembrano “poracce” tanto quanto, di quelle che usano la -y finale per quel gusto dell’esotismo che fa tanto inserto di ukulele in una cover di Gigi D’Alessio.

(E inauguro con questo, la nuova rubrica del mio blog ad alto tasso di diversa amabilità).