Messaggio al gregge, dal treno che porta al futuro

schiff_7_optLeggendo qua è là sui social, mi imbatto in frasi come:  “Il giorno dell’approvazione del matrimonio gay in USA ci sono stati tre attentati e voi lì a festeggiare lo stesso”. Detto da chi, magari, se ne fotte tutto l’anno dei problemi del mondo e continua a ruttare birra di fronte a una partita di calcio. Ma va bene così.

E poi ti imbatti anche nel solito “ci sono cose più importanti a cui pensare”, talmente importanti e urgenti che chissà perché chi sta lì al potere da vent’anni e passa non ci ha ancora pensato (e di conseguenza, non ha risolto il problema dell’urgenza). Però poi magari questa gente continua a votare sempre allo stesso modo.

E ancora: “Gli arcobaleni su Facebook? Roba da pecoroni”. Quando poi chi ti fa questi discorsi è gente unita da una fede che chiama “gregge” la propria comunità. La coerenza prima di ogni altra cosa, giusto?

Insomma, cari (catto)omofobi, mi pare che l’abbiate presa bene questa storia dei diritti per le persone LGBT. Ve lo dico io, qui comodamente seduto sul treno che ci porta – tutti e tutte, anche voi – verso il futuro. Si chiama’evoluzione. E questo non mi impedisce, ovviamente, di vedere le disgrazie di questo pianeta e tutte le sue tragedie.

Mi chiedo semmai, voi che avete le chiavi in tasca per la soluzione dei problemi del cosmo, come mai non le abbiate ancora cacciate fuori e risolto le questioni che vi premono così tanto. Non vorrei che a furia di digrignare i denti contro “froci” et similia, abbiate perso di vista l’obiettivo.

3 thoughts on “Messaggio al gregge, dal treno che porta al futuro

  1. Ormai l’italia deve prendere in mano la questione dei diritti civili e semplicemente accettare quello che già esiste. Non possiamo far finta che sia normale non legiferare su una questione così importante. Gli arcobalenti su fb, però, sono stati abusati ed utilizzati come una moda. Questioni come queste non possono essere una moda, ma devono interrogarci profondamente.

  2. I cattolici non capiscono che la religione non è una imposizione e che il loro punto di vista è solo un punto di vista religioso. Non possono e non devono imporre le loro regole a nessuno. Infatti parlano d’amore ma poi non rispettano l’amore degli altri. nessuno è tenuto a dover sottostare alle regole e ai comandamenti cattolici perchè il cattolicesimo non è che una religione e loro dovrebbero essere i primi a dare esempio di rispetto per gli altri invece di puntare sempre il dito contro. Ma l’amore non sanno cos’è purtroppo perchè sanno solo predicare bene e razzolare male. Esiste un libro di sacerdoti gay anonimi pubblicato tempo fa come dimostrazione che anche nell’ambito della chiesa ci sono persone gay che si devono nascondere perchè la loro stessa chiesa non li accetta. Un bell’esempio davvero di amore una chiesa che non accetta chi non gli va bene e non segue i suoi canoni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...