Manif pour tous contro il Verona Pride, a suon di foto false

Per la serie: “gente che non può farcela”. Apro Twitter e vedo Filippo Savarese, il leader di Manif pour tous Italia condividere una fotografia.

Savarese1

Gli risponde allora Lovecifer, un altro utente del social. Il quale gli fa notare che la foto in questione non è mai stata presa dal pride di Verona, ma da quello di Vancouver, in Canada – e che per altro risale al 2008.

Savarese2

In effetti, se andiamo a cliccare all’indirizzo condiviso nel tweet di Lovecifer, si potrà agevolmente notare qual è l’origine dell’immagine in questione:

Savarese3

Resta da chiedersi come mai il leader del movimento contro il matrimonio egualitario senta il bisogno di diffondere informazioni non veritiere. Sarebbe il caso di capire se lo ha fatto perché male informato da qualcuno dei suoi collaboratori – ed io diffiderei fortemente di chi agisce in modo così pressapochista – o se c’è la volontà di diffondere il falso. Risposte che solo Savarese in persona può fornire.

Ci sarebbe inoltre da capire perché in Manif pour tous si senta l’esigenza di andare a cercare foto di uomini nudi. Per chi è per la famiglia “tradizionale” e dalla rigida morale sessuale, certe peripezie dovrebbero essere vivamente sconsigliate.

Rimane un dato culturale di base, che i fautori di certe posizioni antigay stentano a capire: i pride sono manifestazioni che propugnano specifiche richieste politiche – dal matrimonio per tutti/e alla tutela dell’omogenitorialità, passando per una legge contro l’omofobia – e si fanno portatrici di un messaggio di liberazione sessuale. In quel pride sfilavano le associazioni nudiste, perché per qualcuno a Vancouver è fondamentale portare anche questo tipo di messaggio. Si può essere d’accordo o meno, ma il pride è questo: la libera accoglienza di tutte le diversità.

Spiace che per portare acqua al proprio mulino, ci si copra di ridicolo da soli. Se una posizione politica è forte non ha bisogno di questi espedienti. Evidentemente, quando non si hanno agganci solidi con la realtà, che sconfessa certe posizioni, si ha il bisogno di inventarsi verità che non esistono: ovvero menzogne. Ognuno poi tragga le sue conclusioni.

7 thoughts on “Manif pour tous contro il Verona Pride, a suon di foto false

  1. A certa gente manca proprio l’esprit de liberté, Dario.
    Ma in questo dobbiamo pure far noi (generico) un mea culpa allorché bolliamo il pride come una “carnevalata eccessiva”.
    Ognuno è libero di manifestare come sente se non fa concretamente male a nessuno ma afferma solo la propria personalità, l’importante è lo scopo.

  2. Che poi, a fare una ricerca su Google con scritto semplicemente “gay pride,” la primissima immagine “sconcia” che ne viene dopo una ventina di bandiere arcobaleno e’ di cinque ragazze in costumi colorati da squalo… quell’immagine si trova o molto piu’ in basso, oppure digitando specificatamente “gay pride vancouver” o “gay pride naked” o “nudo” e anche li’ bisogna scrollare un bel po’ prima di trovarla… certo che ci si sono impegnati ;)

  3. Che poveraccio! Io al Gay Pride di Verona c’ero, e il massimo nudismo che ho visto è stato qualche uomo a torso nudo e qualche donna in pantaloncini e pezzo sopra del bikini, probabilmente attribuibili al caldo assurdo che c’era.

  4. @Flaminia Visto che Google “impara” dalle ricerche precedenti e cambia l’ordine dei risultati per l’utente, e’ lecito pensare che chi ha trovato quella foto come ricerca di “gay pride” passi il tempo a cercare foto di uomini nudi… ;)

  5. Caro Elfo, hai notato come hanno risposto a questa figuraccia quelli della pagina “no al Verona Pride a Verona”? Tentando di attribuire la stessa “colpa” a uno dei partecipanti del Pride. Guarda qua: https://www.facebook.com/nogayprideverona/photos/a.938279739526359.1073741828.938103659543967/964667500220916/?type=1&theater
    Ma l’autore di tale post, tale Fassi Marco, ha nella sua pagina tutte foto di Rafael Verga (gran bel figliuolo, per altro) e nell’indirizzo della sua pagina facebook appare come nome un poco maschile Alessia… ma non è un fake, dicono…

  6. Pingback: Gli omofobi e l'ossessione per il sesso (gay)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...