I baci gay, il Concertone e il rispetto

Ho scritto questo articolo sulla figuraccia che sindacati e organizzatori hanno fatto al Concertone del primo maggio, non facendo salire sul palco le tre coppie – etero, gay e lesbica – per promuovere la campagna #LoStessoSì. Ne ho scritto sul Fatto Quotidiano, dove i soliti troll travestiti da esseri umani pensanti hanno lasciato commenti del tipo:

Non so tu, ma a me se mi trovassi in autobus e vedessi due che si mettono a palpeggiarsi, pomiciare e trombare a fianco a me la cosa mi darebbe fastidio. Soprattutto se fossi in compagnia dei miei figli piccoli.

Baciassero chi gli pare, ma non voglio vederlo sul palco che celebra il lavoro. Sono fatti loro.

Si ma il primo maggio e’ la festa dei lavoratori quindi che senso ha il bacio gay o etero che sia?! Questo tipo di polemiche non giova alla causa (della liberta’ di orientamento sessuale)

Devono convincerci a tutti i costi che sia bello vedere due uomini che si baciano.

una continua rivincita con il mondo …..ma basta ……scopatevi ma non rompete i co………alla societa’ e ai bambini

Quindi una campagna per il matrimonio egualitario ridotta, da una manica di cavernicoli digitali, a una sorta di permesso di scoparsi in silenzio. E il solito mantra de “i bambini, chi pensa ai bambini” (e poi magari lasciarli davanti al televisore a vedere scene di violenza e schifezze simili).

Lascio a voi le valutazioni del caso. Io posso solo dire quanto segue: buongiorno a quanti ancora non hanno capito che dicendo “nulla contro i gay, ma i baci in tv no per una questione di rispetto” sembrano solo gas intestinale.

Advertisements

8 thoughts on “I baci gay, il Concertone e il rispetto

  1. Certe manifestazioni, se eccessive, possono dare fastidio, anche se si tratta di etero. Il punto è un altro. E’ normale vedere una giovane coppia etero che si bacia al parco, nessuno si scandalizza. In caso di coppia gay, scandalo! Non sono ammessi bacetti e nè carezze. Da parte mia, se ho voglia di baciare il mio ragazzo in pubblico, sempre nei limiti della decenza, non ci penso due volte a farlo.

  2. Scusami, ho trascurato l’aspetto principale del tuo articolo, se è giusto o meno far salire sul palco le tre coppie di genere durante la campagna “LoStessoSi”. Considerando che ci sono molte coppie gay che convivono, che lavorano, che paganole tasse senza aver nessun diritto, nè la reversibilità della pensione, io direi che non erano proprio fuori tema.

  3. Se mettessero le stesse restrizioni agli etero, cioè di non baciarsi o pomiciare in pubblico perchè ai gay dà fastidio gli etero lo accetterebbero? E’ chiaro che chi non ha mai vissuto in una situazione “limitante” non può capire cosa significa vivere senza potersi esprimere in maniera libera. Infatti di solito le campagne servono proprio a questo, a sensibilizzare verso un problema che alcuni non reputano un problema.
    Poi magari quella stessa mamma che ha paura che i suoi bambini vedano certe cose in autobus li lascia assistere alle litigate violente col padre o con l’ex marito. Son tutti bravi a puntare il dito contro il comportamento altrui e non pensano mai al proprio comportamento. Come se dimostrare amore, a uomo o donna che sia, fosse una cosa sbagliata.
    Ma qui in Italia credo che le cose non evolveranno mai perchè davanti a tutti queste persone normali storcono il naso, poi di nascosto coi gay e coi trans ci fanno sesso e lo nascondono anche a se stessi.
    I sindacati ormai non sono nulla. Lo stato non è nulla. Il popolo italiano non esiste più.

  4. Secondo me, sono frustrati che, perdessero ciò che loro credono li renda superiori (matrimonio, filiazione, diritti coniugali, ereditari e di comunione, ecc.), soffrirebbero come gli togliessero l’identità (il che è indice di quanto fragilmente costruita sia). Io, se maturo, consapevole e autodeterminato, non posso sentirmi svilito dal miglioramento degli altrui diritti, non ha senso alcuno

  5. Caro ElfoBruno,
    Capisco il tuo disappunto, ma devo dirti che mi trovo sostanzialmente d’accordo con un commento che ho letto in un articolo di Beatrice Dondi pubblicato sull’H.P sullo
    stesso argomento.
    Il link e’ questo:
    http://www.huffingtonpost.it/beatrice-dondi/la-rai-protegge-i-bambini_b_7192466.html?utm_hp_ref=italy

    Il testo di quel commento e’ questo:

    “Non mi risulta che in America, in Inghilterra, in Francia, in Germania….insomma… non mi risulta che nel Resto del Mondo siano stati trasmessi in fascia oraria “protetta” spettacoli d’inaugurazione o di commemorazione nei quali si esibivano coppie omosessuali che si baciavano in bocca. E nemmeno coppie eterosessuali.

    Se lei, Beatrice Dondi, giornalista dell’Espresso, ne e’ a conoscenza ce lo faccia sapere.

    Fino a quando lei, Beatrice Dondi, giornalista dell’Espresso, non ci fornira’ i dati di spettacoli stranieri televisivi d’inaugurazione e di commemorazione nei quali coppie omo o etero si sono sbaciucchiati per mandare al mondo chissa’ quale messaggio d’amore e di tolleranza, ci rimarra’ il fondato sospetto che, come al solito, il provincialismo sinistroide italiano non perde mai l’occasione per sputare sull’Italia lasciando intendere ai soliti imbecilli che le altre nazioni sono piu’ “civili e democratiche. Se la BBC facesse quello che lei, Beatrice Dondi, si aspettava dalla RAI in occasione del 1 Maggio, l’intera dirigenza della Televisione pubblica britannica avrebbe dovuto dimettersi. E forse sarebbe caduto anche il Governo.
    Si sprovincializzi, la prego. Allarghi le sue vedute girando un po’ il mondo. Quello vero”.

    Fine del commento.

    ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

    Non sono sicura sulla “caduta del Governo”, ma non ho dubbi che in una situazione simile l’intera dirigenza della televisione pubblica britannica sarebbe stata travolta da uno tsunami di proteste da parte del pubblico, compreso il pubblico aperto alle tematiche “omo”.

    Agli Inglesi non piacerebbe che le loro inugurazioni/commemorazioni nazionali siano strumentalizzate a fini di propaganda politica. Di qualunque tipo.

    E’ impensabile, per esempio, che l’11 Novembre, “The Remembrance Day”, insieme alla Regina, in rappresentanza della Nazione, una coppia gay, una lesbica e un’altra etero si sbaciucchiasero sulla bocca davanti al Monumento ai Caduti di tutte le guerre per sottolineare che invece di fare la Guerra si dovrebbe fare l’Amore e che l’Amore e’ Omo, Etero e Trans, cioe’ e’ sconfinato.

    “Ma che cazzo c’entra!” – esclamerebbe il telespettatore inglese, in Inglese.

    Stesso discorso vale per il Primo Maggio che e’ la Festa del Lavoro: di chi ce l’ha e di chi lo cerca.
    Il Primo Maggio si celebrano simbolicamente tutte le battaglie combattute per conquistare diritti che riguardano tutti i lavoratori, indipendentemente dalla loro sessualita’.
    Sarebbe ridicolo, per esempio, che in Francia, “le Premier Mai”, mentre il povero Hollande fa il suo bel discorsetto socialista, dietro di lui alcune coppie omo ed etero si sbaciucchiassero in bocca in onore…”en l’honneur du travail et des travailleurs”.

    “Ma che cazzo c’entra!” – esclamerebbe lo spettatore francese, in Francese.

    Oppure che alle festose sfilate del 14 Luglio pour la Liberte’, l’Egalite’ et la Fraternite’ de la Revolution Francaise sfilassero carri carnevaleschi affollati di omo in perizoma, con parrucche alla Maria Antonietta e rossetto sulle labbra mentre si scambiano baci rivoluzionari ricordando agli “omofobi” che c’erano anche “loro” ai tempi della Rivoluzione.

    Se ogni volta che prendono a sassate Salvini gli regalano 100 mila voti, cosa succederebbe in Francia se gli omo cominciassero a sbaciucchiarsi durante le festivita’ nazionali per propagandare il diritto all’amore omosessuale?
    Temo che Marie Le Pen si troverebbe catapultata all’Eliseo senza passare per le elezioni!

    Lo stesso vale per il 4 Luglio in America: ve li immaginate omo ed etero che si baciano sulla bocca mentre Obama fa il suo discorso davanti alla Casa Bianca per celebrare il giorno dell’Indipendenza che simboleggia la prima delle grandi battaglie di liberta’ e di civilta’ della grande nazione americana?
    Io no!

    La propaganda politica, quando e’ poco intelligente, ti si ritorce contro.

  6. Antonella concordo con te ma il punto è che in Italia una cosa simile avrebbe destato scandalo anche in una cornice più consona come San Valentino.
    Non capirò mai perchè un bacio dia tutti questi problemi..a me non crea problemi ma è legittimo che uno non voglia vedere due uomini che si baciano ma allora ti volti dall’altra parte, non hai il diritto di impedire alla gente di baciarsi solo perchè a te non piace

  7. Cara Antonella, veramente la Regina britannica ha ripetutamente fatto riferimento alle persone e alle famiglie omosessuali in cerimonie e apparizioni ufficiali; in America Obama ha addirittura vinto le elezioni anche grazie al suo impegno per la visibilità omosessuale sdoganandola in ambienti che sembravano impossibili da aprire mentalmente (l’Esercito)!!
    Il ragionamento è semplicissimo: se non ci scandalizziamo di fronte a un bacio tra due persone di sesso diverso, lo stesso deve accadere per un bacio tra persone dello stesso sesso. Sono d’accordo che sia inconsueto e che quindi a molt* possa persino far schifo, ma per far avanzare la società spesso bisogna forzarla e non assecondarla. Ti segnalo che fino a qualche anno fa al cinema venivano regolarmente vietati ai minori film che contenessero baci omosex anche solo accennati (un caso eclatante? “Maurice” di James Ivory, un capolavoro); da alcuni anni non accade più, ma seguendo il tuo ragionamento saremmo dovuti restare a quel livello lì. La censura del 1°Maggio, poi, non è avvenuta durante la Festa Nazionale ma nel corso di un concerto che avrebbe dovuto celebrare i diritti dei lavoratori e, per estensione, di tutti i cittadini/e italiani/e: questo è il grave. Non concordo quindi in nulla di ciò che hai scritto, e quanto alla giornalista de “L’Espresso”, è in malafede perché paragona situazioni che sono ben diverse tra loro (ammesso poi che sia verificato quel che scrive!): un altro esempio del perbenismo montante che porterà solo discriminazione e conformismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...