Oggi sul Fatto: “Gay Pride Roma 2014, ora Renzi mantenga le promesse”

lo striscione del Roma Pride 2014

Se ne parlo dopo due giorni è perché:

1. volevo prenderne le distanze, a livello emotivo
2. domenica me ne sono andato al mare.

Ad ogni modo, oggi sul Fatto Quotidiano ho pubblicato questo articolo, sul dopo Roma Pride, che fa:

Lo striscione di apertura è stato inaugurato dal sindaco Ignazio Marino, che ha promesso per l’occasione il registro delle unioni civili. La piazza ha visto anche altri big della politica e del mondo dello spettacolo, come Nichi Vendola, insieme al suo compagno, e Vladimir Luxuria. Assente invece Ivan Scalfarotto, che non ha potuto raccogliere i meriti della sua contestatissima legge. Le condizioni climatiche – la capitale è stata colpita da un caldo decisamente anomalo per le medie stagionali – non hanno impedito a migliaia di persone di reclamare a viva voce pieni diritti. Perché un pride, alla fine, è questo. Una festa, un modo diverso di fare politica. Ricordare, attraverso il linguaggio della gioia, che una società è davvero democratica e libera se prevede lo spazio dovuto a chiunque richieda cittadinanza.

Il resto lo potete leggere sul mio blog dall’altra parte. E possibilmente commentare, che di trolls il mondo è pieno e bisogna riportarli al senso del reale.

Annunci

2 thoughts on “Oggi sul Fatto: “Gay Pride Roma 2014, ora Renzi mantenga le promesse”

  1. Tutto giusto. Renzi deve mantenere le promesse fatte e si copre di ridicolo coi tweet nella giornata mondiale contro l’omofobia, come se lui fosse ancora il sindaco di Firenze e non il Presidente del Consiglio. Però, da un Elfo che suggeriva di votare M5S, un accenno alla totale assenza del MoVimento al pride ci poteva anche stare

  2. Caro majortom, vorrei rassicurarti su alcuni punti:

    1. mai suggerito voto di alcun tipo, semmai ho detto che le uniche due scelte legittime (per protesta o per concretezza) erano rispettivamente M5S e Lista Tsipras, e che io avrei votato per quest’ultima

    2. in piazza ho visto diverse bandiere del M5S, ma nessuna del Pd. E ho scritto che il Pd romano ha aderito al documento, ma non ha presenziato ufficialmente.

    Credo di essere stato equidistante e realista. Poi se vuoi continuare a descrivermi come grillino fa pure, ma non corrisponde a realtà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...