Oggi sul Fatto Quotidiano: “Omo-transfobia: alcune questioni sulla lotta”

«La settimana appena trascorsa non solo ha visto la celebrazione della Giornata Internazionale contro l’omo-transfobia, ma anche il proliferare in tutta Italia iniziative organizzate dalle associazioni Lgbtin nome della fine delle discriminazioni. Questo evento, che ha coinvolto per altro le amministrazioni comunali di diverse città (si pensi a Roma e alla Queer Week, in occasione della quale il sindaco Marino ha esposto la bandiera rainbow in Campidoglio, gesto emulato da altri sindaci, come Bianco a Catania e Garozzo a Siracusa, solo per citare le mie tre città) è un’utile occasione per fare alcuneriflessioni sulla questione omosessuale in Italia.»

Il resto lo potete leggere sul Fatto Quotidiano.

Annunci

Due o tre cose sull’omosessualità in Italia

logo_ilref_FINALE548_10-5

«Risponderò in modo molto crudo e mi scuso in anticipo per questo: …la nostra classe politica è popolata da idealisti che hanno sbagliato partito e da cialtroni che invece, in questo o quel partito, ci stanno più che bene.»

Riporto solo questo stralcio di un’intervista su Il Referendum, un giornale on line che si occupa, tra le altre cose, di diritti di cittadinanza. Credo infatti che la causa primaria del disagio delle persone LGBT in Italia sia di natura squisitamente politica.

Il resto potete leggerlo tra le colonne che mi hanno ospitato e per cui ringrazio ancora Alessandro Bovo, che mi ha intervistato.