Renzismo, cittadinanza e plebe omosessuale

20140414-091318.jpg

gay renziani o adeguati al potere?

Ogni tanto mi arrabbio. Soprattutto con quei gay e con quelle lesbiche (di più i maschi, tuttavia) che ti fanno discorsi del tipo:

“Non puoi pretendere diritti in un momento di crisi come questo.”

“L’alleanza con Berlusconi è necessaria, solo così si può cambiare.”

“La legge di Scalfarotto, ok apre all’omofobia, ma cosa puoi pretendere di più dalla situazione attuale?”

E amenità similari.

Mi spaventa per altro il grado di accondiscendenza verso progetti politici che stravolgono l’equilibrio dei poteri, aprendo a derive autoritarie. Pare che il desiderio di una maggiore tranquillità sociale (ammesso e non concesso che certe riforme la garantiscano) sia più forte di quello della dignità.

La storia ci insegna che i processi di democrazia finiscono ogni qual volta si perde la cognizione, sicuramente più complessa, di essere cittadinanza per assumere il ruolo di popolo (e conseguentemente di plebe). Da questo si comprende il successo del renzismo.

Che questo sia patrimonio mentale collettivo è grave. Il popolo si sta adagiando a un processo che lo renderà servo, il dato storico appare evidente. Che lo facciano anche appartenenti alla comunità LGBT è semplicemente vergognoso: noi avremmo dovuto imparare sulla nostra pelle il prezzo della libertà. Che vale più di ottanta euro in busta paga, i della promessa che avrai non tanto più lavoro quanto la possibilità di essere licenziato per sempre. Per dire.

Annunci

One thought on “Renzismo, cittadinanza e plebe omosessuale

  1. Ho un terrore: se è vero che le minoranze più esposte sono quelle che “fiutano prima” l’aria che tira, è possibile che la maggior parte delle persone LGBT di questo Paese abbia capito che siamo già nel pozzo e che dunque tocchi semplicemente prenderne atto come di una qualsiasi calamità contro la quale nulla si può se non tentare di salvare (individualmente) la pelle. In effetti, gli indicatori ci sono tutti.
    Peccato però che alla furia devastante di questa pretesa “calamità” abbiamo contribuito anche noi non avendo saputo combattere e vincere la guerra del riconoscimento dei ns.diritti quando i tempi erano sfacciatamente favorevoli: è stato IN QUEL momento che abbiamo svenduto la nostra dignità, non ora.
    Ora stiamo rotolando verso una decadenza complessiva, fermarne o addirittura invertirne il moto è roba da hashtag renziani.
    A meno che… la paura della catastrofe non ci faccia fare uno di quegli scatti di reni inaspettati che solo chi vede la morte in faccia è capace di compiere. Troppo cupo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...