Twitter e #omofobia: cattolici integralisti alla frutta

Non sanno più cosa inventarsi, pur di perorare una causa destinata al fallimento.

Perché diciamoci la verità: la piena parità delle persone LGBT è un fatto storico, di portata epocale, come lo sono stati la fine della schiavitù e l’emancipazione dei neri, il voto alle donne, la fine del pregiudizio contro gli ebrei. Nonostante Putin e il referendum in Croazia. In virtù del matrimonio in Francia e in Regno Unito, ai quali farà seguito il matrimonio egualitario in Germania. E laddove non c’è per adesso questo istituto, ci sono comunque le leggi contro l’omofobia, le unioni civili, la tutela dell’omogenitorialità. Succede nel cosiddetto mondo civile.

Purtroppo certi gruppuscoli di cattolici estremisti stanno popolando i social network con una vera e propria campagna mediatica il cui scopo è creare un parallelo tra diritti per le persone LGBT e legalizzazione della pedofilia. Ma si sa, le bugie hanno le gambe corte e un giorno ti imbatti in un post come questo:

20131208-100357.jpg

poi controlli e viene fuori che l’articolo linkato allude a un caso di pedofilia tra un maschio eterosessuale e una bambina:

20131208-100510.jpg

Sono messi davvero male i cattolici integralisti se per diffondere le loro “idee”, chiamate omofobia nel consesso del mondo civile, devono mentire così spudoratamente anche di fronte a un’evidenza che li ridicolizza.

E mi preoccupa davvero l’esistenza di personaggi che speculano su un dramma umano, tutto eterosessuale, per alimentare una campagna d’odio contro un gruppo sociale che non chiede la legalizzazione di atti criminali, bensì la piena estensione della democrazia.

Annunci

2 thoughts on “Twitter e #omofobia: cattolici integralisti alla frutta

  1. Quello che più mi inquieta è che ultimamente stanno esplodendo questi figuri sui social network: dopo l’apripista di Alida l’Invasata, gli account stanno aumentando a dismisura, e anche fare segnalazioni è praticamente inutile visto che quelli di FB le ignorano.

  2. perdona ma se si fosse trattato di un bambino di 11 anni avresti scritto di un dramma umano “tutto omosessuale” o avresti parlato più correttamente di pedofilia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...