Primarie, voterò Civati. E poi libera tutti

In poche battute: alle primarie di domenica voterò Civati, perché mi sembra un uomo di sinistra, una sinistra moderna, europea e coraggiosa.

Perché non ha paura, soprattutto quando si parla di questione LGBT, di usare le parole per quello che sono: sì al matrimonio, sì alle adozioni, sì alla tutela dell’omogenitorialità.

E mettiamoci pure che conosco personalmente molti/ volontari/e che si sono impegnati/e nel sostenere e mandare avanti questa candidatura, e sono persone valide, impegnate, limpide. Amici e amiche di cui mi fido.

Per queste ragioni mi recherò ai box di un partito a me sostanzialmente inviso e gli darò l’ultima chance di essere ancora “credibile” sul panorama nazionale. E coerentemente, se dovesse vincere Civati potrei anche pensare di votare in futuro in una coalizione di centro-sinistra. E si noti il condizionale.

Se invece non dovesse vincere e dovessero andare a capo della segreteria Renzi o Cuperlo, in quel caso scatterebbe il ragionamento opposto. Mani libere sul dopo, e pazienza se alle primarie ti sei “impegnato” a votare Pd anche alle prossime elezioni politiche. Questa logica della cambiale in bianco e questa pretesa di fedeltà da parte di un partito che ha sempre tradito tutte le sue promesse elettorali – e di conseguenza milioni di elettori ed elettrici – è francamente ridicola. Se poi i dirigenti piddini vogliono essere presi in giro, sarà un piacere regalar loro due euro e quest’illusione.

Faccio notare, infine, come sia attualmente bersaglio di renziani, su Twitter, che stanno contestando questo mio modo di pensare. Una di loro sostiene che il mio non votare centro-sinistra, un domani, coinciderebbe col voto alla destra. Le ho fatto notare che esistono liste come il M5S o Rifondazione, che non sono proprio filoberlusconiane… mi ha risposto che sarebbe comunque o un voto fascista, il mio, o sostanzialmente “inutile”. Evviva la democrazia, insomma.

Un altro renziano, invece, mi sta addirittura suggerendo di non andare proprio. O scelgo Renzi o me ne sto a casa. Oppure se voto Civati, secondo la sua logica, sarò poi obbligato a votare Pd. Mi piacerebbe proprio vedere come mi costringeranno a farlo. E se questa è la democrazia dei renziani – o voti me o stai a casa – vedo un futuro ancora più cupo del ventennio appena trascorso.

Anche per queste ragioni, tolto un Cuperlo che significherebbe optare per un Pd per come è sempre stato – ovvero dannoso, inutile e bugiardo – ancora una volta vedo il voto a Civati come l’ultima speranza per il centro-sinistra in questo paese.

Annunci

16 thoughts on “Primarie, voterò Civati. E poi libera tutti

  1. Quando si va a votare non è che si può farlo solo pensando al tornaconto omosessuale: quindi voto questo perché mi parla di matrimonio gay, di adozioni ecc., ma bisogna farlo pensandosi come cittadino: se voto Civati, e doto quindi il centro sinistra di un cavallo zoppo, non potrò lamentarmi di quello che combinerà Berluconi al governo (e ci ritornerà), perché anch’io ho contribuito a farlo andar su indirettamente. Se voto Renzi, invece, arginando così il pericolo di ritrovarmi il nano fetuso di nuovo al governo, non otterrò nulla sul versanto diritti gay, ma almeno ho contenuto il danno come cittadino su 360°

  2. come continuo a ripetere, faccio il tifo per Civati da tempi non sospetti, detto chiaramente quando lo conoscevamo in pochi e solo qua in zona (Brianza), se votassi alle primarie non avrei dubbi, ma dato che vincerà Il Nullista (Renzi) perché i democristiani orfani, i videodipendenti orfani del nano che parlava tanto bene, quelli che non votano a destra ma non sanno cos’è la sinistra voteranno per lui, non andrò a votare perchè se l’affluenza alle primarie sarà bassa la vittoria del Nullista sarà un flop:

  3. #Acuxe: a parte il fatto che ti ringrazio per aver ammesso che votare Renzi significa non ottenere nulla sul campo dei diritti civili, e ti prego di informare anche Alicata, Scalfarotto e Concia, ma poi dovresti spiegarmi perché se voto il candidato x per il lavoro o per i temi ambientali faccio una cosa figa, se scelgo lo stesso candidato (o uno diverso) per i diritti civili rovino invece il paese. Per voi renziani essere gay e chiedere la parità giuridica è una rovina per caso? Davvero interessante come prospettiva. Mi convince di più nel vostro implicito berlusconismo di “sinistra”.

  4. Sono con te su tutta la linea, non c’è veramente nulla da eccepire sul tuo ragionamento. Un solo appunto maggiormente per @Acuxe… perchè qual’è il programma di Renzi per il paese? Il fare, il saper fare, il saper far fare o il far sapere? Ma ci rendiamo conto che questo è DC allo stato puro o no e che l’unica cosa di rosso che ha è la croce sullo scudo bianco?
    Lo sappiamo tutti che vincera ma mi domando se chi lo appoggia si rende conto che stiamo parlando di uno che dovrebbe difendere i diriti dei lavoratori ma sta dalla parter di Marchionne, per non parlare “dell’amnistia condizionata” o “l’immigrazione intelligenete”… e mi fermo qui che sarebbe troppo lunga.
    Una lancia però a favore di Renzi la devo lanciare http://www.youtube.com/watch?v=XjrdO_9-uSM
    Questo è un genio, dopo di lui il conte Mascetti è archeologia della supercazzola. Questo è il Mozart, lo Shakespear, il Galielo Galilei della supercazzola e con questo Tarapìa tapiòco a tutti.

  5. “Questa logica della cambiale in bianco e questa pretesa di fedeltà da parte di un partito che ha sempre tradito tutte le sue promesse elettorali – e di conseguenza milioni di elettori ed elettrici – è francamente ridicola.”

    Io i 2 euro per farli giocare non li caccio mica. Quando avranno finto vedremo cosa proporranno alle elezioni. Ce n’è per riconquistare fiducia. Ce n’è.

    Politica è conciliazione degli interessi legittimi, non vedo perchè i miei debbano essere denigrati e accantonati sic et simpliciter. E perchè chi debba sostenerli non lo faccia.

  6. Fai bene Dario. Più voti avrà Civati, meno ne avrà Renzi e più sarà possibile che in sede di assemblea nazionale Renzi dovrà avere l’appoggio di Civati per governare. Quindi sarà necessario un compromesso sul programma, fra i due.

  7. Pingback: Primarie, voterò Civati. E poi libera tutti | Anellidifum0's Blog

  8. A parte le comparsate i tv, gli show a botta di slogan e le battute da macchietta d’avanspettacolo mi piacerebbe sapere su quali argomenti, ripeto argomenti, i cosiddetti renziani si dicono convinti dal loro pupillo. Io ho letto i 4 programmi quando erano ancora 4, e ritengo che con quei programmi uno debba presentarsi ad una competizione. Bene, di quei 4 programmi quello di Civati è dettagliato in una parte, diciamo così, manifesto e in una progettuale, gli altri cosa sono se non un manifesto zeppo di frasi roboanti e colpi ad effetto? Cos’è il documento di Renzi se non un compitino vuoto? In che misura si sta impegnando con quelle pagine? E non venitemi a parlare di sinistra perché l’unica cosa che ci ho visto di sinistra in quel documento, come in quello delle sue precedenti primarie, è il margine. Tempo fa scrissi questo dopo aver letto i 4 documenti, abbandonate le ideologie andavo cercando almeno un progetto e nei documenti di Renzi, Cuperlo e dell’ormai fuori gioco Pittella ho visto solo proclami, di differente indirizzo ma solo proclami, quella che una volta era la propaganda, strumento prediletto delle ideologie, appunto. In quello di Civati ho visto un programma, sicuramente migliorabile, non sempre condivisibile, come è ovvio del resto, ma un programma chiaro. Qui non si tratta di votare Civati (solo) per i diritti omosessuali, la domanda è “chi vota Renzi per cosa lo vota”? L’unica risposta è “per vincere”? Spiacente, a me non basta.

  9. Non hai capito! Con Civati è sicuro che il centrosinistra perderà le prossimi elezioni, con Renzi c’è qualche possibilità che vinca. Ora chiedevi: quanto ci tenere a vedere di nuovo su Berluscono redivivo?

  10. Caro Acuxe, se per vincere il centrosinistra deve scimmiottare la destra, tantovale votare direttamente l’originale!! La lezione di Blair non ci ha insegnato nulla? Ha vinto le elezioni, ha distrutto i Labour che hanno continuato politiche conservatrici e ora sono al minimo storico in GB!

  11. dario, sono molto d’accordo con te. mi viene però da pensare che con le preferenze reintrodotte adesso sarebbe possibile perfino votare pd. (detto da me che non ho MAI votato pd)

  12. Grazie del link @Antonio, una chicca meravigliosa che credo sia sfuggita pure a Crozza.
    Credimi il mio intervento non era tanto per ridere, ero serissimo, è il personaggio in questione che è comico in se ed è questo il punto, questa caratteristica lo rende addirittura più pericoloso ai miei occhi.
    Io non lo so sinceramente quale possa essere la soluzione, chi valga la pena votare, come voi continuo a guardarmi intorno, ma una cosa la so per certa una Renzi è un degno rappresentante della malapolitica italiana, non è di sinistra ed è un venditore di pentole esattamente come Mr. B. (forse persino più bravo di lui)
    Personalmente sono orientato verso il M5S (e adesso chissà in quanti mi daranno addosso) se non altro perchè per quanto votare M5S possa essere un salto nel buio almeno ho il beneficio del dubbio che questi possano essere “diversi” e, visto lo schifo a cui ci hanno abbondantemente abituato i politici nostrani negli ultimi 20 anni, secondo me è molto meglio dell’alternativa di votare PD (coalizione varia) o PDL (NFI, NCD o quel che diverrà)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...