Antimofobia: per il PdL è legittimo odiare i gay. Per il Pd pure

omofobia-web-770x513Puntuali come un avviso di garanzia a Berlusconi, PdL, Lega e Fratelli d’Italia hanno presentato le pregiudiziali di incostituzionalità sulla legge contro l’omo-transfobia.

La Lega Nord sostiene che, così com’è, la legge tutelerebbe solo le persone LGBT per crimini dettati dall’odio. Una minoranza sarebbe, così, privilegiata a dispetto della Costituzione. La Lega dovrebbe però sapere che il movimento LGBT chiedeva solo l’estensione della legge Mancino per i reati commessi su motivi legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Per cui, come sostiene la Lega, se esistesse un “eterofobo” – in altri termini: se un dipendente venisse licenziato dal capo, magari gay, perché non omosessuale – la Mancino si applicherebbe anche a quella fattispecie.

Purtroppo i cattolici si sono messi di traverso e i relatori del ddl hanno accolto supinamente – magia delle larghe intese! – prima le loro rimostranze, quindi il plauso dei teodem per aver reso la legge praticamente inutile. Ciò dimostra, se non altro, che la presenza dei parlamentari confessionali è un ostacolo al sereno svolgimento della vita democratica del paese. Qualcuno dovrebbe spiegarlo a questi signori…

Fratelli d’Italia, invece, vince il premio per la sincerità. Giorgia Meloni infatti è preoccupata del fatto che i vescovi non possano più esprimere il loro pubblico disprezzo. In virtù della loro fede, essi avrebbero il diritto di dire – tra le altre cose – che due gay non possono sposarsi, che due lesbiche sono malate di mente e che le persone trans sono abominio della natura.

Anche in questo caso, la pregiudiziale di Fratelli d’Italia dimostra – oltre al fatto che pure le mosche hanno la tosse – che il cattolicesimo per esser tale ha bisogno di essere anche omofobo. Noi persone LGBT lo avevamo capito da un po’ (gay credenti esclusi). Qualcuno lo spieghi anche ai due rappresentanti della derivata terza del fu partito fascista.

Il partito guidato da Silvio l’evasore, e con il quale molti dentro il Pd sentono la necessità di costruire alleanze politiche proprio su questa legge, invece lancia l’idea, decisamente naïve, che odiare sia un diritto umano. Ne consegue – se vale per gay, lesbiche e trans – che valga per chiunque altro. Ergo, anche per il loro padrone, pardon, per il loro datore di lavoro. Per cui è un diritto della magistratura perseguitare (oltre che perseguire) Berlusconi per i suoi reati e anche per il fatto, insito nella natura umana, che possa fare bellamente schifo a chiunque di noi.

Questi tre partiti comunque possono mettersi il cuore in pace. La legge così com’è, infatti, non tutela le persone LGBT. Sgrassata dal giuridichese di facciata, sancisce semplicemente due cose:

1. si possono punire persone che fanno reati che non sono presenti nel codice penale (come appunto l’omofobia e la transfobia) – per cui ne consegue che la legge siffatta è inutile;

2. è permesso ai vescovi di inveire contro le persone LGBT e magari di predicare che esse non meritano di essere trattate come il resto della popolazione – per cui ne consegue che la legge è pure dannosa.

Un sentito ringraziamento va all’attuale partito democratico e alla sue dirigenze. Ringraziamento che si aggiunge alle lodi di quell’agenzia omofoba – la chiesa cattolica, appunto – e arrivato per mezzo dei suoi rappresentanti parlamentari ad esso interno (a cominciare dalla signora Bindi) che hanno fatto in modo che una legge di tutela divenisse una legge discriminatoria.

Ne terremo conto alle prossime elezioni.

Advertisements

One thought on “Antimofobia: per il PdL è legittimo odiare i gay. Per il Pd pure

  1. “si possono punire persone che fanno reati che non sono presenti nel codice penale (come appunto l’omofobia e la transfobia) – per cui ne consegue che la legge siffatta è inutile” questo passaggio non si capisce, messo così sembra che la casistica sia ampliata rendandendo punibile anche omofobi e transfobi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...