Feudalesimo universitario

Il dramma delle baronie universitarie non sta solo nel fatto che esse bloccano il libero accesso ai piani alti del sapere e della produzione della cultura. E già questo è irricevibile, perché mi si dovrebbe spiegare in virtù di quale ragione questa gente pensa di avere avuto legittimità ad aver trasformato un posto pubblico, al quale si dovrebbe accedere per libero concorso e su basi meritocratiche, in un feudo ereditario.

Il vero problema è che quelle baronie riproducono un circuito culturale sempre uguale a se stesso. Non si riesce ad andare oltre i soliti studi sui soliti autori. Mi è arrivata una proposta di acquisto di una rivista di Italianistica. Studi su Aretino, Dante, Petrarca, Alfieri. Gli ennesimi. Che si aggiungono alle migliaia di articoli e volumi già pubblicati.

Ricordo una lezione di dottorato. Eravamo con un docente che ci somministrò il suo laboratorio sulla ricerca filologica, tirando fuori dal cappello un suo studio su un poema in francese antico. E fin qui va benissimo. Lavoro di altissimo profilo intellettuale, nulla da obiettare. Poi uno di noi gli fece notare che la ricerca andrebbe orientata verso una contemporaneità più militante. Creare un legame tra sapere, cultura e presente. Per evitare, magari, che si rimanga troppo ancorati all’analisi del sonetto di questo o quello, senza capire i processi che la contemporaneità produce e che vanno dominati, se non vogliamo che essi dominino noi.

La risposta fu: “ma cosa c’entra!”. O qualcosa di simile.

La ricerca, a parer mio, dovrebbe essere scoperta, prospettiva, utilità sociale. Non masturbazione per l’ennesimo studio sul pessimismo cosmico di Leopardi o la sua negazione. Poi per carità, ben vengano anche quelli. Ma se sono solo quelli, il problema c’è ed alberga, tutto, nelle nostre sedi universitarie.

Lo svecchiamento della nostra società, la rottamazione, i “tagli utili” dovrebbero cominciare proprio da lì.

Advertisements

One thought on “Feudalesimo universitario

  1. Ti dirò di più. Non solo quelli, ma anche quella minoranza che trovi un po’ in tutti i dipartimenti, che gioca a fare il nuovo come alternativa al vecchio. I primi persi in un profilo intellettuale, che sebbene altissimo in certi casi, non è più capace di trasmettere nessun interesse, e nessuna tensione autentica nella realtà contemporanea. I secondi, ansiosi di liberarsi dai vecchi, giocano a fare l’alternativa, pur rimanendo nello stesso sistema e riproducendone nei rapporti reali, le stesse dinamiche baronali. Del resto un sistema come quello, mai scoperchiato e intaccato da nessuno, o lo distruggi integralmente o è sempre lì. Nessuno parla in Italia della responsabilità di costoro del degrado attuale che sta distruggendo l’Università pubblica. Della perdita di competitività nella ricerca, e tanto altro. Il potere di un barone (quale che sia il suo grado) è qualcosa di indescrivibile. (provato sulla mia pelle)…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...