Pd. Meno elle. E più berlusconiano che mai

La dinamica dell’azione politica del Partito Democratico è molto semplice. Si parte dal presupposto che bisogna affrontare una questione e superare l’eventuale ostacolo che insorge. E il Pd quindi elabora idee e spende energie per trasformare l’ostacolo in norma e per mantenere inalterata la questione. Adducendo giustificazioni sostanzialmente imbecilli, per difendere l’indifendibile

Cercherò di essere schematico.

È già successo con la questione dei diritti per le persone LGBT.

  • La questione era: occorre dare diritti e tutele a vario titolo a gay, lesbiche, bisessuali, trans, ecc.
  • L’ostacolo: la matrice cattolica del partito, che poi rappresenta (secondo loro) la comunità dei fedeli del paese non è d’accordo.
  • La soluzione: si fa una legge, come quella attualmente in discussione sull’omofobia, che permetta all’ala cattolica del partito di essere omofoba e non si danno reali garanzie ai/lle destinatari/e del provvedimento in questione.
  • Giustificazione: il governo di larghe intese prevede che anche il PdL possa dire la sua in merito e poi meglio poco che nulla.

In passato è successo coi DiCo. I gay e le lesbiche volevano un provvedimento che riconoscesse le loro unioni di fronte allo Stato. Il Pd elaborò un DL che sanciva, invece, per legge che due gay o due lesbiche non costituivano una coppia. Queste “non coppie” potevano avere determinati diritti, ma dimezzati, a condizione che dimostrassero una moralità maggiore rispetto alle coppie sposate – per cui i diritti arrivano invece subito e per intero. Con la giustificazione che bisognava assecondare anche le idee degli omofobi, pardon, del cattolici. E poi, va da sé, meglio poco che nulla.

Adesso succede con l’ennesimo ddl salva-Berlusconi, stavolta firmato da Zanda e da altri senatori democratici. Ripercorriamo lo schema appena proposto.

  • Questione: Berlusconi, in quanto accusato e giudicato da un tribunale di aver commesso reati, non può più sedere in Parlamento.
  • Ostacolo: il PdL è un alleato di governo, per cui se Berlusconi viene condannato a essere ineleggibile, il PdL fa saltare il governo.
  • Soluzione proposta: cambiamo la legge e, tramite l’incompatibilità, permettiamo a Berlusconi di rimanere in Parlamento per almeno un anno… (poi magari cade il governo, Berlusconi viene rieletto e si fa una legge apposita che lo salverà definitivamente).
  • Giustificazione: la legge esistente è vecchia va rinnovata, con una più moderna (sì, eliminando la pena e sostituendola con un favore a chi la pena dovrebbe scontarla).

Quest’altra perla di politica piddina si aggiunge a una lunghissima serie di favori fatti al leader della destra italiana. Epifani si difende: la proposta è vecchia di un mese. Non si rende conto, evidentemente, come questa dichiarazione aggravi la posizione del suo partito. Evidentemente dentro il Pd vogliono prevenire l’azione della giustizia con leggi ad personam che, stavolta, arrivano addirittura con l’avallo dell’elettorato del centro-sinistra. E pensare che con il voto sulla sospensione dei lavori parlamentari pensavamo di aver raggiunto il colmo…

Credo che i tempi siano maturi per la fusione tra Pd e PdL. Finalmente ex compagni e supporter di Silvio potranno stare tutti in un’unica squadra. E, tanto per ritornare sul discorso d’apertura, potranno pure essere omofobi, senza sensi di colpa.

Annunci

2 thoughts on “Pd. Meno elle. E più berlusconiano che mai

  1. il pd è un ossimoro apparentemente spontaneo e naturale, invece in ogni occasione studia a tavolino il modo per uscirne fuori dando da bere (crede lui) ai suoi elettori fino a quando? non credo molto ! il m5s continuera’ a incamerare voti
    sono d’accordo con la fusione dei due soggetti , per loro sarebbe una liberazione . Finalmente liberi di essere i servi ricattabili di B:

  2. Comunque la ricostruzione dell’ultimo episodio non è corretta: la proposta di legge Mucchetti modifica la questione dell’ineleggibilità, ossia quella legge del 1957 che stabilisce che chi è titolare di una concessione pubblica oppure è rappresentante legale di una società titolare di una concessione pubblica non può diventare parlamentare. Non ha niente a che fare con l’eventuale condanna e l’interdizione dai pubblici uffici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...