Diritti civili: Biancofiore e verde cicuta

Qualche giorno fa scrissi su Gay’s Anatomy del neonato governo Letta, così commentando quelle scelte infelici e scellerate in merito alla questione dei diritti civili:

Questo governo non può e non vuole affrontare la questione. E sai che novità. Per altro con sei ministri in quota Monti-PdL tutti rigorosamente omofobi non c’era da aspettarsi altro. Il vero dramma è che Letta non sarà stato nemmeno sfiorato dalla cosa. Ma anche qui, attendiamo sereni il cadavere del Pd lunga la riva del fiume. Coi sassi in mano. Ma solo per giocarci sull’acqua, che non si colpisce il corpo di un uomo, pardon, di un partito già morto.

Allora non sapevo che il sottosegretario alle Pari Opportunità sarebbe stata Michaela Biancofiore, esponente di punta del PdL, berlusconiana di ferro e omofoba (sebbene lei, di fronte a questa scusa, neghi tutto).

Perché dico questo? Leggiamo alcune sue dichiarazioni in merito all’universo LGBT:

Sono dell’opinione che le unioni gay non siano assolutamente una priorità per gli italiani. […] Purtroppo qualcuno nasce con una natura diversa, tra l’altro una natura che non ti fa avere una vita facile. Sono persone che considero al pari di me. Non c’è solo l’eterosessualità, ma anche una sessualità diversa, che oggi, purtroppo, è estremamente comune. Ribadisco il mio no ai matrimoni gay.

Sulle persone transessuali così si è espressa:

Chi va con i trans ha seri problemi di posizionamento sessuale. Capisco i trans che si operano, ma non vedo perché si dovrebbe consentire un matrimonio tra un ‘uomo uomo’ e un ‘uomo che vuole sembrare donna e mantiene l’organo maschile’. Lo apprezzerei piuttosto se facesse l’operazione.

E ancora:

Una volta incontrai una donna notoriamente gay. Era estate, lei per salutarmi prima della fine della legislatura voleva baciarmi, ma io reagii imbarazzata e schivai il bacio e le tesi la mano. Per un etero anche un approccio affettivo di un gay crea imbarazzo. Ovviamente negli anni sono cambiata, ma allora reagii così. Mi è dispiaciuto per quella reazione, ma bisogna ammettere che, bene o male, alcune cose sono ancora un tabù in Italia: è stato un comportamento istintivo. Per un etero ricevere un abbraccio da parte di un gay può risultare imbarazzante. Ora ho cambiato idea.

Un misto di “paternalismo” in salsa buonista, condito con il solito moralismo di chi si mette sulla cattedra della “normalità” per poter poi giudicare dall’alto la vita degli altri e delle altre. Gay, lesbiche e trans, nello specifico. Mettiamoci pure una certa compiaciuta e autoassolutoria idiozia nella natura delle affermazioni riportate e la frittata è fatta.

Pare inoltre che Letta abbia fatto le sue scelte, almeno in campo di diritti civili, secondo la logica della foglia di fico: portare qualcuno di presentabile, giusto per accontentare le coscienze e mettersi in pace la propria.

Peccato che poi, nella realtà dei fatti, in mezzo a quelle foglie ci siano piante velenose, a cominciare dalla “cicuta” omofoba e sessista tipica di una certa subcultura di destra ampiamente rappresentata dalla signora in questione.

La quale, come ogni omofobo che si rispetti (e che invece meriterebbe il biasimo dell’Italia civile o di quel poco che ne rimane), non sa nemmeno di esserlo. E rilancia col vittimismo:

Essere oggetto di una discriminazione preventiva, ingiustificata, fondata su presunte dichiarazioni fuori contesto e malamente estrapolate, è certamente il modo migliore per cominciare ad occuparmi, come sottosegretario, di pari opportunità. Non ho nulla da controbattere a coloro che mi criticano. Le associazioni gay non mi conoscono e quindi prima vedano i fatti.

Qualcuno dica alla sottosegretaria che in politica contano molto le parole. Di solito proprio da quelle seguono, poi, i fatti. E aspettarsi il peggio, nel caso specifico, non è un pre-giudizio, ma una valutazione conseguenziale. È una questione di logica. Poi speriamo di essere contraddetti. Ma in tal caso, Biancofiore dovrebbe cominciare a rinnegare il lato omofobo di se stessa. Ne trarremmo tutti, e lei per prima, un grande vantaggio.

Annunci

One thought on “Diritti civili: Biancofiore e verde cicuta

  1. Bellissima la proiezione: siccome _io_ sono un’omofoba, allora _gli italiani_ sono omofobi.
    Farei commentare a Er Monnezza, ma sarebbe imbarazzante.
    (Comunque, lei non si sa se sia veramente così: qualunque cosa dicano ‘ste merde è solo strumentale ai loro fini).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...