Pokarekare Ana

La buona notizia: la Nuova Zelanda ha approvato oggi il matrimonio egualitario. Il mondo civile è sempre più grande.

Dopo l’approvazione della legge gli attivisti e le attiviste presenti in parlamento hanno intonato “Pokarekare Ana”, una canzone d’amore in lingua maori.

Adesso aspettiamo l’ok definitivo da parte di Francia e Regno Unito. In Uruguay, la legge sul matrimonio aspetta di essere firmata dal presidente della Repubblica.

Mentre il mondo va verso il futuro, qui in Italia – unico paese occidentale dell’UE a non aver approvato nemmeno una legge contro i crimini d’odio – i partiti “tradizionali” (e tradizionalisti) consumano l’ennesimo inciucio a dispetto della volontà popolare sull’elezione del prossimo presidente della Repubblica. L’opinione pubblica vorrebbe Rodotà il quale, tra le altre cose, è pure aperto alla questione dei diritti civili. Il Pd, invece, ha scelto il cattolico (e poco gay friendly) Franco Marini. Che, pare, tanto piace a Berlusconi. Questa era la cattiva notizia.

P.S.: si ringrazia Donata Ferrante di I-Ken Avellino per la segnalazione.

Annunci