Fratelli d’Italia. Quella omofoba

Il video di Fratelli d’Italia, che parodizza i due sposi gay apparsi a San Remo, parla da solo.

Io tenderei a riassumere così: due persone orrende che aspirano di entrare in Parlamento, un gruppo dirigente nel migliore dei casi imbarazzante, un partito-farsa succube del peggior berlusconismo e la solita omofobia gestita all’italiana e esercitata a insaputa di chi la mette in pratica.

Ai nostri amici veneti del partito di Giorgia Meloni diciamo, perciò: accogliamo molto volentieri l’invito a non votare “con il culo”. Soprattutto quando esso produce idee e politici di tale risma.

Annunci