Sfiga Nuova

«Le perversioni vanno curate». Firmato Forza Nuova.

È successo alla sede del Cassero, a Bologna, la sede locale dell’Arcigay, una delle più importanti d’Italia, per il suo significato simbolico e per la sua storia: i militanti del centro di cultura gay si sono ritrovati questo bello striscione, proprio all’ingresso.

Le reazioni?

In rete è già scandalo.
La politica si ribella: perfino Mara Carfagna non crede ai suoi occhi e lancia strali. L’unica a criticare la comunità LGBT, invece di portare solidarietà incondizionata, è tale signora Noè, notabile locale in quota UdC – e qui parte, in automatico, l’ettepareva di rito.

Io penso una cosa e una soltanto: questa gentaglia ha bisogno delle comunità che disprezza per farsi pubblicità. Se non ci fossero gay, ebrei, neri, ecc, Forza Nuova non avrebbe nessuna attenzione mediatica, come non si dà spazio – al di là di qualche quarto d’ora di celebrità di warholiana memoria (e anche Warhol, ricordiamocelo, era gay) – alle bravate dei teppistelli da stadio o di periferia.

Ottenendo, per altro, l’obiettivo opposto rispetto quello prefissato: la comunità è, infatti, ancora più vicina alle persone LGBT. La solidarietà (alla quale mi associo) di queste ultime ore lo dimostra.

Ecco, proprio per questa ragione, mentre non c’è nulla che dimostri che essere gay sia una perversione – anzi, semmai è vero l’opposto – ogni cosa evidenzia, al contrario, quanto i ragazzi di questa formazione di sfigati abbiano bisogno di vedere uno bravo. Chissà mai che si rendano conto di rappresentare uno dei tanti reflussi gastrici della storia, provare vergogna e, di conseguenza, correre ai ripari prima che sia troppo tardi.

Annunci

5 thoughts on “Sfiga Nuova

  1. Esser gay non è affatto perversione e son d’accordo con te, ma dire che “semmai lo è l’opposto”…. Beh, ti mette sullo stesso piano di chi addita i gay come pervertiti. Ma son sicura che non intendevi dire ciò che hai detto.

  2. leggiamo bene la frase e l’inciso:

    «non c’è nulla che dimostri che essere gay sia una perversione – anzi, semmai è vero l’opposto»

    io parlo di studi che dimostrino che l’omosessualità sia una perversione. E sostengo che questi studi non esistono. Semmai esistono studi contrari. Ovvero, quelli che dimostrano che l’omosessualità è una variante naturale.

    Non mi permetterei nemmeno di pensare silenziosamente che ciò che si esprime come libera scelta e come affettività o conoscenza del piacere possa essere definito come “perversione”.

  3. Pingback: FORZA NUOVA: "LE PERVERSIONI VANNO CURATE"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...