Oggi su Gay’s Anatomy: “Un dio piccolo piccolo”

Oggi ho deciso di parlare di omofobia religiosa, in merito all’esecuzione dei tre ragazzi gay in Iraq, condannati al rogo.

«…le religioni, che l’uomo ha inventato per rendere più sopportabile la vita su questa terra, si sono trasformate in strumenti di tortura, di perversione dell’umanità e di negazione del diritto. Ed è triste pensare che Allah possa essere grande attraverso il lezzo della carne bruciata di quei poveri ragazzi, così come è tragicomico ricercare la gloria del dio dei cristiani nei continui dinieghi da parte di Ratzinger e dei suoi galoppini parlamentari su questioni quali le leggi anti-omofobia e sulle coppie non sposate.»

Leggete il resto su Gay’s Anatomy.

Annunci