La scuola si ribelli!

Penso che noi precari e – per buona creanza, solidarietà e anche per una buona dose di interesse personale – docenti di ruolo dovremmo cominciare a paralizzare la scuola.

Uno sciopero ad oltranza, magari a staffetta.

In un mese ci sono quattro settimane. A scuola tre aree didattiche. Una settimana di sciopero per area. E la quarta, il personale amministrativo e di supporto.

E così, di fila, fino a quando Profumo non apparirà in tv per (ri)mangiarsi il decreto del concorso-truffa.

La scuola deve ribellarsi, o dimostrerà di meritare almeno gli ultimi cinque-sei ministri della Pubblica Istruzione e il massacro sociale perpetrato fino ad adesso.