Dieci idee per rimettere in piedi la scuola (e pure l’economia)

Visto che tutte/i straparlano di scuola, dal governo a ex ministri della pubblica istruzione, fino a dirigenti di questo o quel partito, e visto che si prova a dare soluzioni sulla falsariga delle parole in libertà – a povertà di contenuti – provo anch’io a dire la mia.

Ecco cosa andrebbe fatto per una scuola di qualità, in dieci comodi punti:

1. abbattere i tagli previsti dalla riforma Gelmini e avviare una massiccia campagna di assunzioni
2. ridurre il numero di alunni per classe, per un massimo di venti unità (contro la media attuale di 27 allievi)
3. ridurre l’orario di presenza dell’insegnante in classe: da 18 a 15 ore. Le tre ore potranno essere messe a disposizione per le supplenze giornaliere (ciò eviterebbe i vuoti e gli spostamenti delle classi da aula in aula) o per altre attività didattiche (organizzazione dei laboratori, turnazione in mensa, doposcuola per gli studenti in difficoltà, ecc)
4. sovvenzionare la scuola pubblica e azzerare i fondi ai diplomifici privati (il 99% cattolici): la Costituzione vieta per altro di finanziare le scuole private
5. abolire l’otto per mille e orientare lo stesso alla scuola, tagliare la spesa militare e gli sprechi della politica a favore di istruzione e ricerca
6. procedere alla costruzione di nuovi plessi scolastici e al miglioramento delle strutture presenti e dell’arredamento (in caso di danni a banchi e sedie, sarà la classe a pagare collettivamente i danni e ciò responsabilizzerebbe i ragazzi e le famiglie)
7. migliorare gli stipendi dei docenti e del personale scolastico e aumentare l’organico di supporto (ATA)
8. settimana corta e ore ridotte a 50 minuti per un massimo di sei al giorno. Ciò permette di risparmiare, per altro, su luce e riscaldamento (sabato e domenica le scuole rimarrebbero chiuse)
9. rendere omogenei i diritti di insegnanti precari e insegnanti di ruolo (e stesso trattamento per il personale ATA di ruolo e precario)
10. assumere direttamente dalle graduatorie ad esaurimento e destinare una parte dei nuovi posti creati agli insegnanti non abilitati già presenti nelle scuole con contratti di almeno due anni, da integrare con un agile test di idoneità su discipline psico-pedagogiche.

Faccio notare altri due aspetti importanti di questi provvedimenti:

a) creando più occupati, si genera maggiore ricchezza e ciò avrebbe ricadute sull’economia nazionale;
b) la creazione di nuovi edifici e la ristrutturazione di quelli esistenti sarebbe un altro input alla ripresa dell’economia, con conseguente sviluppo del settore edilizio.

La differenza tra queste soluzioni e quelle proposte attraverso concorsi e operazioni di chirurgia sociale, sta nel fatto che vengono dopo un’attenta riflessione sul mondo della scuola. Nel mio caso è bastato lavorarci. Chissà da quanti anni il ministro – insieme ai vari dirigenti di partito – non entra in un edificio scolastico. Sarebbe interessante saperlo.

Annunci

Il concorso per la scuola? Inutile. Ma il Pd, ovviamente, lo sostiene

Leggo le dichiarazioni di Bachelet in merito al concorso pubblico della scuola che questo governo scellerato – che anche il Pd sostiene – intende indire, con l’unico scopo di creare l’ennesima guerra tra poveri e cioè tra docenti precari.

Bachelet, che evidentemente poco dimostra di sapere di politiche scolastiche e per tale ragione guida il Forum Nazionale Politiche Istruzione del PD, sostiene quanto segue:

• va garantito un equilibrio tra immissioni dalle graduatorie e nuovo reclutamento
• bisogna assumere nuovi insegnanti, i migliori tra quelli in graduatoria e i migliori tra i neolaureati
• i neolaureati in questione devono però avere l’abilitazione (e peccato che le SSIS siano chiuse…)

In questo c’è un sostanziale controsenso: il concorso sarebbe per abilitati, ma gli abilitati sono già dentro le graduatorie per cui, se ci sono posti disponibili, non si capisce perché dover valutare ancora insegnanti che hanno già superato, secondo i termini imposti dalla legge, le prove previste.

Nessuna critica e nessuna proposta sull’abbattimento dei tagli, vera piaga del mondo della scuola (-8 miliardi negli ultimi anni, 4 dei quali sono andati a vantaggio dei diplomifici cattolici, ma da bravo bindiano Bachelet questo evita di ricordarlo).

Il nostro, per supportare la sua proposta iniqua e contraddittoria, ricorda che alle pubbliche amministrazioni si entra per concorso. E secondo l’esponente del Pd, come si accede alle graduatorie? Non certo per i nostri cognomi altisonanti. Per immetterci in quegli elenchi, con la promessa del ruolo, noi attuali precari abbiamo seguito le seguenti tappe:

1. concorso pubblico, 100 euro di retta a classe di concorso (fino a tre classi)
2. scuola di specializzazione, due anni di corso, frequenza obbligatoria
3. tirocinio diretto e indiretto, 300 ore
4. esame di stato finale

il tutto alla modica cifra di 2600-2800 euro, al netto di ogni ulteriore sacrificio. Noi precari abbiamo già tutte le carte in regola per entrare di ruolo. Altri concorsi sono fuori luogo e servono solo a sperperare denaro pubblico a carico dei cittadini che pagano le tasse.

Bachelet facendo quelle dichiarazioni dimostra che l’ultima volta che è entrato in una scuola c’è stato per ritirare il suo diploma del liceo. E l’Italia meriterebbe veri esperti di politiche scolastiche, non certo di persone che blaterano su cose che evidentemente nemmeno conoscono. Converrete.