Bindi contestata, al pubblico: se non vi sta bene andatevene

 

Ecco il video con la contestazione a Rosy Bindi alla festa dell’Unità. Il presidente si distingue per arroganza, nervosismo, inesattezze e malafede politica.

Da notare, in particolare:

  • lo scarso applauso all’inizio, quando viene esortato il pubblico che risponde in modo piuttosto tiepido
  • la colpa data ai giornali sull’affaire Assemblea nazionale (vi ricorda qualche ex premier?)
  • le bugie di Rosy Bindi sul dettato costituzionale: la stessa Corte costituzionale ha sentenziato che le coppie LGBT devono avere le stesse prerogative delle coppie sposate, non una legislazione separata
  • l’opportunismo di Rosy Bindi sempre sulla Costituzione: la Carta fondamentale vieta, ad esempio, che le scuole private abbiano finanziamenti pubblici eppure i dirigenti del partito democratico al potere hanno finanziato i diplomifici cattolici a danno della scuola pubblica
  • la superiorità del pensiero cattolico su tutti gli altri, affermando la natura confessionale del pd
  • l’arroganza contro i contestatori, le minacce – «lo vedete perché non otterrete mai niente?», «state mettendo in discussione la linea del partito?», «siete voi che dovete andare da un’altra parte, non io!», «se le unioni passano è perché noi lo vogliamo, se continuate a lamentarvi non avrete nemmeno quelle» – l’intimo autoritarismo “del presidente Bindi”
  • l’agitazione del benaltrismo, per cui lascia passare il messaggio: siamo in crisi, per cui le unioni gay non hanno la priorità
  • l’imbarazzo sulla questione primarie
  • il politichese e la lezioncina imparata a memoria.

In tre parole: che brutta persona.