Ma Grillo su Bindi non è stato sessista

Beppe Grillo apre al matrimonio gay e la cosa, lasciatemelo dire, non mi convince. Almeno non ora, non del tutto. Troppa tempestività, il momento è, decisamente, troppo giusto. Quasi opportuno. Voglio aspettare un po’. E capire. E non nego che, se mai nella mia circoscrizione, dovesse presentarsi una lista del Movimento Cinque Stelle con facce presentabili, al momento, e per voto di protesta, lo voterei.

E ripeto: al momento. E per protesta.

D’altro canto, ho sempre contestato chi parla del M5S come antipolitica. Fosse non altro che chi usa questo termine è asservito, di volta in volta, al peggiore dalemismo o al peggiore berlusconismo. Credo sia molto più antipolitico il ventennio appena passato che le istanze portate avanti non da Grillo, ma dal suo Movimento.

Su questo solco, tuttavia, non posso non notare i sepolcri imbiancati di Repubblica, che tacciono di fronte all’omofobia di Rosy Bindi e attaccano il sessismo, presunto ma di fatto assente, del comico genovese che aprendo ai matrimoni per tutti, ha detto: «Problemi di convivenza con il vero amore non ne ha probabilmente mai avuti».

Sul quotidiano di Scalfari e di Ezio Mauro, che su Twitter lancia anche notizie degne del peggior palinsesto di Mediaset estate, si leggono frasi quali ” una caduta di stile in pieno stile berlusconiano”.

Sul suo blog d’autore, Marco Bracconi manda a dire:

Era inevitabile, scontato, scritto nel codice genetico. Dai calembour che storpiano i nomi alla battuta sessista su Rosi Bindi il passo è stato breve. Un piccolo passo per l’uomo. Ma un grande passo per il Movimento a Cinque Stelle.

Non credo che quelle parole siano sessiste. Grillo avrà semplicemente voluto dire: Rosy Bindi non ha mai conosciuto il vero amore, per questo è inadeguata a ricoprire un ruolo politico sulle unioni tra gay e lesbiche. E non lo ha conosciuto, non perché brutta fuori – l’avvenenza con l’amore c’entra ben poco e conosco brutti/e capaci di affettività assolute – ma perché arida dentro.

E questo, per altro, è anche il mio pensiero.

Faccio notare infine a questi signori di bon ton neofemminista e antisessista, che parlare di una donna anteponendo l’articolo al cognome è atto supremo di sessismo. Ma questo, evidentemente, sfugge loro. Come l’omofobia di chi sta lavorando contro la realizzazione affettiva ed effettiva delle coppie di gay e lesbiche.

Tanto si può sempre sparare sugli altri, pretendendo che siano migliori rispetto all’errore che le proprie esperienze e i propri atti possono rappresentare. Oggi tocca a Grillo. Domani chissà.

About these ads

16 pensieri su “Ma Grillo su Bindi non è stato sessista

  1. “Rosy Bindi non ha mai conosciuto il vero amore, per questo è inadeguata a ricoprire un ruolo politico sulle unioni tra gay e lesbiche” … come fai a dirlo? Grillo era così ‘di famiglia’ con la Bindi da conoscerne particolari appartenenti alla sfera personale?
    E non lo ha conosciuto, non perché brutta fuori, ma perché arida dentro … Mi faresti qualche esempio della attività politica di Rosy Bindi che supporti questa tua affermazione?
    E poi dovremmo discutere dell’anteposizione dell’articolo al cognome come atto supremo di sessismo?
    MA PER FAVORE … !
    Padrone di pensarla come vuoi ma la caduta di stile, poco divertente proprio come una battuta del Berlusca è lì, bella evidente. E chi vuol vederla la vede.
    Quanto alla opportunità che tutte le forze politiche abbiano una maggiore apertura verso rapporti omosessuali concordo con te, ma ciò non mi impedisce di vedere il giochino intellettualmente truffaldino di Grillo, per dirla con Marco Bracconi.

  2. Contestate le persone per le loro azioni e le loro idee, non per il loro fisico o per la loro presunta sfortuna amorosa. Detesto la Bindi per il suo bigottismo, penso debba essere esodata al piu` presto. Ma certe frecciate sono fuori luogo.R

  3. Link per link vale forse la pena dare un’occhiata anche a questo:

    http://web.rifondazione.it/home/index.php/12-home-page/8769-il-grillino-francesco-perra-shock-matrimoni-gay-allora-anche-con-animali

    E non mi si dica che è un esponente e non rappresenta il movimento, perchè:
    1) si apre una discussione sul M5S, la democrazia interna, le espulsioni del padre-padrone grillo ecc.
    2) in un partito ampio, come il PD ed altri, ci sono diverse anime e sensibilità. Il problema della laicità dello Stato è grande come una casa ma sono convinto non si risolva con i vaffanculo alla grillo …

  4. Concordo con te, Elfo.
    La frase “clamorosa” (in realtà è molto pulita e semplice) su Rosy Bindii è sacrosanta. Rosy Bindi è arida d’amore. Lo dimostra ogni volta che apre bocca sulle coppie omosessuali. Non è un insulto, è un modo gentile per dire che è omofoba, tanto omofoba da non essere in grado di vedere e riconoscere l’amore. Il nostro. Probabilmente perché non ha mai saputo confrontarsi con questo sentimento. Anzi, perché non ha mai VOLUTO. Il suo problema è questo: non conoscere l’amore e pretendere di giudicare i miei sentimenti.

    A ben vedere, è quindi la Bindi a fare affermazioni sessiste e schifose. E lo fa di continuo.

    P.s. Aggiungo poi che è Rosy Bindi che ha scelto di rimanere single. Non c’entra niente il suo aspetto fisico. Lei ha scelto di non amare e di non essere amata.

  5. Ma solo io mi ricordo che stiamo parlando di una signora che pubblicamente, insieme a Formigoni, ha fatto voto di castità?

    Oltre tutto il sessismo mi sembra uscire più dai commenti di chi la difende che dalle parole di Grillo: la si difende perché si da per scontato (sempre dimenticando il voto di castità) che Grillo si riferisca al fatto che non è avvenente (e negare il fatto che non lo sia è ipocrita, diciamocelo!) e non ci si accorge che invece si riferisce al fatto che, oggettivamente, non ha e “probabilmente” (le dubitative servono a questo!) non ha mai avuto una relazione fatta di amore e sesso.

    Se si affermasse che Formigoni «problemi di convivenza con il vero amore non ne ha probabilmente mai avuti» ci vedreste del sessismo? Eppure lo affermo convintamente visto che il governatore lombardo ha la stessa situazione di Bindi e le stesse identiche posizioni sulle convivenze e sugli omosessuali (sulle persone trans non sappiamo, forse tutt’e due non sanno nemmeno cosa siano, magari le confondono coi travestiti)

  6. #Andrea: guarda, stavo per scriverlo io, rispondendo a Fabrizio. Poi sei intervenuto tu. E il mondo fu felice per sempre… ♥

    #Angelo Ventura: sfortuna? Il voto di castità è una scelta volontaria. Contro natura, ma volontaria…

    #Fabrizio: ti rimando alla risposta di Andrea, alla quale aggiungo solo due constatazioni. La prima, io ho argomentato le ragioni per cui, secondo me, la frase non è sessista, ma è solo opinabile, nel senso che è un’opinione. Per me corrisponde al vero, per quel voto di castità che Andrea metteva in luce. Tu sai solo dire: la frase è sessista. Punto. Chi vuol vederci il sessismo ce lo vede. Appunto. Chi vuol vedercelo. Un po’ come l’amico immaginario che alcuni chiamano Dio. Se vogliamo, eh… La seconda cosa: tu scrivi “in un partito ampio, come il PD ed altri, ci sono diverse anime e sensibilità”. Ora il senso comune della civiltà, in paesi di vecchia e nuova democrazia, dal Regno Unito al Sud Africa, passando per Germania, Brasile, Spagna e Argentina, vedono l’omofobia non come un aspetto della sensibilità, bensì come un male da combattere. Per cui se il pd ammette il pensiero bindiano oggi, domani non avrà problemi ad ammettere chi pensa che i negri sono inferiori e gli zingari fanno tutti schifo. La matrice di quell’odio è unica. Lo dice la UE. Il pd ha affidato alla dignitaria massima, nel suo interno, di quel pensiero malato e antidemocratico, la presidenza del partito. Forse che stiamo parlando di un colossale errore? E ancora tu vieni a cantarcela su quanto è puzzone Grillo? Ma un po’ di vergogna no, eh?

    P.S.: se usiamo l’articolo davanti il cognome solo per il femminile, per sottolineare che chi porta quell’appellativo è donna, e lo stesso non si fa per l’uomo o, al contrario, non si cita il cognome semplice anche per il sesso femminile, si opera una procedura di differenziazione linguistica basata sul sesso. Quindi siamo di fronte al caso più eclatante di sessismo.

    #Michel Darling: che vuoi farci? C’è gente che si indigna per l’omofobia di Rosy Bindi. E c’è gente, come Fabrizio e molti altri dentro il pd, che vedono nell’omofobia una garanzia di pluralismo.

  7. Io non riesco a capire se la gente è scema o se fa finta di esserlo, perchè alla fine si racconta delle panzane grosse come una casa..

    Possibile che nessuno voglia dire esplicitamente che la “frigidità” della Bindi e la “castità” di Formigoni sono pura ipocrisia. Pazienza se se lo dicono loro, ma che glielo diciamo noi è davvero un insulto all’intelligenza.

    Bindi e Formigoni sono entrambi GAY, che più GAY non si può..
    Anche baciapile, ma anche il papa è GAY.. Tutti lo sanno, è talmente evidente.. Calderoli, Franceschini, Gasparri..la lista è infinita..

    Grillo quindi è solo un ipocrita e manca di coraggio: perchè non dice che gli omofobi sono sempre gay repressi (realmente repressi o repressi nella loro possibilità di dichiararsi per opportunismo) ???

  8. d’accordo con te riguardo al polverone ipocrita che repubblica ha sollevato sulle parole di grillo per farlo passare per cattivo. ma non sono d’accordo sul fatto che dire “la” davanti al nome di una donna sia sessista. è una caratteristica dell’italiano, e anzi forse alle donne dovrebbe dispiacere di essere assimilate agli uomini sempre e comunque, come quando dicono la presidente (o magari IL presidente, parlando di una donna), il segretario, il consigliere, il ministro ecc. quando l’italiano ha presidentessa, segretaria, consigliera, ministra… in altre lingue ci sarà l’abitudine di mettere l’articolo davanti ai nomi maschili e non a quelli femminili. i tedeschi z.b. dicono der andi, der christian, der oliver ma non die jessica, die rebecca ecc. :)

  9. Bersani e compagni vi hanno infettato con la loro ipocrisia “cari” elettori del Pd. La Bindi decide DA SOLA, DA VERA DESPOTA di un partito che ha la presunzione di attribuirsi l’aggettivo “democratico” di NON METTERE AFFATTO AL VOTO DEI DELEGATI ALL’ASSEMBLEA PD UN ORDINE DEL GIORNO SUL TEMA DEI MATRIMONI OMOSESSUALI, e voi vi scandalizzate per una battuta – per altro veritiera – sulla Bindi????? Siete tutti dei sepolcri imbiancati, suscettibili su questioni personali che la stessa Bindi decise di mettere in piazza quando disse di essere vergine e di aver fatto voto di castità, mentre guardate un po’, freddi come pezzi di ghiaccio sulla gravità del gesto politico della stessa presidente di partito, e l’omofobia che lo stesso atto ostile rappresenta agli occhi di tutte le persone oggettive quali voi non siete, imbeccati dalle campagne spazzatura di organi di partito speculari a quelli del Caimano. E poi anche fosse stato sessismo, chi di politica ferisce di politica perisce. La Bindi disse tempo fa frasi gravissime sul tema delle adozioni delle coppie gay, frasi degne dei peggiori fascisti almirantiani. E poi Grillo dovrebbe scusarsi per aver dato eco ad una forma di rivalsa satirica? Lui non è migliore degli altri né al di sopra di ogni sospetto di credere a ciò che sostiene o di non voler approfittare del momento per fare propaganda strumentalizzando un tema in un movimento personalistico in cui.domani potrebbe già aver cambiato idea, ma se aspettate per Bindi e il nuovo alleato del Pd, l’Udc, allora probabilmente non avete a cuore i diritti delle coppie gay e a maggior ragione non sarete che persone che solo vogliono assicurarsi che tutto il teatrino per raccogliere voti fili liscio, senza che vengano fuori le vostre divisioni e contrarietà che silenziosamente serpeggiano, in perfetto stile Pd.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...