Gay cileno ucciso dai neonazisti. E da tutti voi che…

All’inizio, quando ho letto questa notizia, ho pensato che non c’erano molte parole da dire, di fronte all’orrore:

Il Cile è sotto choc per l’aggressione da parte di un gruppo neo-nazi a un giovane gay di 24 anni, Daniel Zamudio. Il ragazzo è stato rapito e torturato per oltre sei ore.
Si è visto staccare un orecchio e bruciare una gamba. Poi è stato picchiato a calci e pugni e sfregiato su tutto il corpo con pezzi di vetro che tracciavano delle svastiche.
Zamudio è in fin di vita. La sua aggressione è avvenuta agli inizi di marzo, ma la notizia è emersa solo ora, all’indomani della dichiarazione della morte celebrale del giovane, a opera dei medici dell’ospedale Posta Central di Santiago del Cile.
La famiglia ha deciso di non staccare i macchinari che lo tengono in vita e di aspettare la morte naturale, prevista nelle prossime 48 ore.
L’ospedale è diventato metà di pellegrinaggio di tantissime persone venute a manifestare la propria solidarietà. Intanto le indagini hanno portato all’arresto di tre ragazzi di un’età compresa tra i 19 ed i 26 anni.

Poi un pensiero si è sovrapposto al senso di smarrimento, all’evidenza della tragedia che di per sé dovrebbe dire tutto.

Adesso, in molti diranno che gli dispiace e che la violenza non è mai giustificata. Lo diranno dentro i palazzi del potere e lo diranno, seppur a bassa voce, all’ombra degli altari delle chiese. Persino la gente comune non riuscirà a riconoscersi in questo gesto assurdo e criminale.

Eppure.

Tutte le volte che dite che i gay sono malati, viziosi o pervertiti.
Tutte le volte che dite che non abbiamo il diritto a sposarci, ad amare, a crescere i nostri figli.
Tutte le volte che avete sentenziato che prima vengono cose più importanti, mai fatte.
Tutte le volte che scomodate la natura, il “come sempre è stato”, la Costituzione (senza neanche averla letta, magari).
Tutte le volte che di fronte alla realtà vi opponete con la Bibbia, il Levitico e Sodoma e Gomorra.
Tutte le volte che avete fatto finta di niente, di fronte a un insulto, o avete anche ridacchiato, per qualche battutina.

Tutte queste volte avete armato, senza saperlo, le loro mani. Quelle di chi poi, magari, un giorno, i gay li ammazza davvero. Questo c’è realmente da dire, di fronte a tale ferocia.

9 thoughts on “Gay cileno ucciso dai neonazisti. E da tutti voi che…

  1. Pingback: Gay cileno ucciso dai neonazisti. E da tutti voi che…

  2. In questo caso, anche:
    Tutte le volte che dite che il nazismo in fondo non ha fatto nulla di male.
    Tutte le volte che dite che bisogna rispettare anche le idee degli estremisti.
    Tutte le volte che nei vostri blog, sui social network avete sentenziato e non avete cercato il dialogo.
    Tutte le volte che avete rifiutato di capire per non dover riflettere sulle vostre idee.
    Tutte le volte che di fronte ad una piccola violenza, un piccolo sopruso, una piccola sgarbatezza avete detto “vabbè, finché non fa male a nessuno…”.
    Tutte le volte che quando qualcuno insultava il vostro avversario politico o la persona che detestate avete ridacchiato o avete esultato felici.
    Tutte le volte che siete stati violenti, intransigenti e brutali a parole, pensando che tanto non stavate uccidendo nessuno.

  3. Tutte le volte che leggo simili notizie,recito una preghiera che suona più o meno :”Signore fa che il sangue di questo giusto cada sulla testa dei suoi carnefici 7 volte 7″Tanto per citare la Bibbia.Luigi43

  4. Oppure tutti quelli che pensano che magari se l’è cercata, che chissà come vestiva, come si muoveva, come parlava, che magari ha provato a rimorchiarli, li ha apostrofati “maschioni”… insomma contro tutti quelli che cercano comunque una giustificazione per la violenza, soprattutto omofoba o contro la donna, per avere un senso (malato) di controllo della realtà…

  5. purtroppo c’è troppa gente ignorante e chi è estremista come i noe-nazi non merita nemmeno la comprensione.. che schifo di mondo

  6. Pingback: Gay cileno ucciso dai neonazisti. E da tutti voi che…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...