Ma Alessandra Mussolini fa vedere ai figli come fa sesso?

Lo scorso 19 marzo, ad una trasmissione televisiva, Anan Paola Concia si è confrontata Alessandra Mussolini che, con la grazia che la contraddistingue, si è scagliata decisamente contro l’omogenitorialità.

Per la nipote del duce – quello che ha mandato i gay al confino, gli ebrei ai forni e una nazione intera alla rovina – è inconcepibile sia che una coppia gay ricorra all’inseminazione, sia che adotti.

La motivazione? «Un figlio» e cito testualmente «che vede due uomini che si rotolano nel letto» quale trauma potrebbe accusare?

Adesso, io non so il motivo della preoccupazione della signora Mussolini. Sono figlio di una coppia eterosessuale e i miei genitori non mi hanno mai fatto assistere ai loro atti intimi. Proprio perché la sessualità è una dimensione privata. L’ho appreso dai miei. Se un giorno dovessi aver figli, mi comporterei allo stesso modo.

Mi chiedo come mai Alessandra Mussolini si preoccupi proprio di questo aspetto. Non vorrei che facesse vedere ai suoi figli come, e la cito ancora, si rotola sul letto col marito. No perché a me fa schifo solo pensare l’ipotesi, per assurdo, che mostri i suoi atti sessuali a dei bambini.

Annunci

10 thoughts on “Ma Alessandra Mussolini fa vedere ai figli come fa sesso?

  1. «Leggiteli tu» dice quel che ci resta di Mussolini: qualsiasi cosa sia, se è un libro, leggilo tu; io no.
    (Che devi aggiungere, dài?)

  2. Pingback: Ma Alessandra Mussolini fa vedere ai figli come fa sesso?

  3. L’Italia è piena – credetemi, è piena – di persone che adducono le stesse scuse improbabili; ed è piena di pregiudizi. La Mussolini purtroppo parla per migliaia di altri come lei. Ed è triste che le venga fatto un applauso nello studio televisivo.

  4. è vecchia di quasi 2 mila anni però…

    Marco Valerio Marziale: Bilbilis, Spagna Terragonese 40 d.C. ca – 104 ca. Epigrammi: “liber XII- n. XLII”-

    Barbatus rigido nupsit Callistratus Afro

    Hac qua lege viro nubere virgo solet.

    Praeluxere faces, velarunt flammea vulgus,

    nec tua defuerunt verba, Talasse, tibi.

    Dos etiam dicta est. Nondum tibi, Roma, videtur

    Hoc satis? Expectas numquid ut et pariat

    Callistrato, l’irsuto, ha sposato l’aitante Afro

    tenendo in alta considerazione la legge secondo cui una ragazza va sposa ad un uomo.

    Li precedettero le faci, non mancarono canzonette licenziose

    mentre velato era il volto della sposina.

    Anche il corredo era stato convenuto.

    Roma, Non ti sembra abbastanza tutto questo?

    Forse credi che anche partoriscano?
    kiriosomega

  5. Kiriosomeda, la cosa che mi sbalordisce è il passo “secondo la legge con la quale una vergine si sposa”.Non si può chiedere nulla di più.Grazie di avermi confermato che fin dal primo secolo ci si “sposava”tra uomini.Poi sono arrivati i Cristiani.Luigi43

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...