Il gioco dei “devo esteriori”

Il fatto è che lo so.

Non è questo il mio destino. Mi adagio, per adesso, su questa manciata di giorni per trarne il massimo beneficio possibile. Anche se questo non mi rende felice. Perché – lo so – sto vivendo una vita decisa da altri.

Io non sono un “prof”.
Io non sono il bravo ragazzo con lo sguardo spaventato.
Non sono colui che abbassa gli occhi per dire sì, anche quando non è vero.
Non sono il risultato della menzogna a cui ho creduto da sempre (tu-non-meriti-amore).

Tutto questo mi è stato costruito addosso, in quel gioco crudele e sanguinoso dei “devo esteriori”.

Devo essere bravo.
Devo essere più maschile.
Devo essere più magro.
Devo essere ciò che non sono.

No.

Adesso aspetto, perché è difficile camminare con le tue gambe quando ti han sempre fatto credere che non sei bravo nemmeno a zoppicare. Figurarsi correre, via. In mezzo a ogni cosa, verso la propria direzione.

E allora aspetto quella folata di vento, folle, sano, benefico. Quell’oltre che romperà il castello di paglia che è la mia casa. E disperderà, come i coriandoli di un carnevale triste, questi giorni non miei.

E sarà di nuovo il caos. Ma sarò, in quel momento, io, davvero. Solo io. Per davvero. E se a qualcuno non piace, beh…

Annunci

2 thoughts on “Il gioco dei “devo esteriori”

  1. Pingback: Il gioco dei “devo esteriori”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...