Appunti prenatalizi

Oggi vi affido i miei pensieri lasciati sparsi su Twitter:

Ma perché è così difficile smuovere il culo? Ho un aereo, Dio santo!

Alla fine ho preso un taxi con un altro che ha perso il treno come me… è simpatico e di compagnia come un mangiamorte.

Ovviamente il mio, per Catania, è quello in ritardo…

Ma perché l’aeroporto è sempre un brulicare di froci?

Mai compresa la ragione per cui la gente si mette in coda mezz’ora prima al gate… per di più l’aereo è pure in ritardo. Sarete idioti?

Ho mal di testa e mi viene da vomitare. Sono entrato in pieno spirito natalizio…

Tornato a casa, vedo due casse giganti, Madre mi guarda, minacciosa: “ho preso il karaoke. Stasera si canta…”. Non scherzava, sappiatelo.

E detto questo, mentre i cibi attendono di essere cucinati e il microfono di esser riscaldato, vi lascio anche i miei auguri. Che sarò cinico e disincantato, ma per Dio! (O chi per lui.)

P.S.: e comunque in aeroporto stavo quasi per rimorchiare. Sapevatelo!