Oltre il danno, la beffa

Di nuovo alle scuole medie.
E come se non bastasse, mi hanno convocato, da dopo domani, per una supplenza annuale, sempre alle medie, ça va sans dire, ma fuori Roma.
Ovvero, fare un lavoro che odi, lontano dalla città che ami.

E poi, visto che non ci facciamo mancar nulla, oltre il danno pure la beffa: le vicine di casa cantano a squarciagola l’intero album di Emma.

Qualcosa mi dice che forse è arrivata l’ora di lasciare l’insegnamento e dedicarmi a più sane e dignitose attività manuali.