Se questi li chiamate insegnanti…

A scuola funziona così. Prendi un’abilitazione all’insegnamento, scegli una provincia e finisci in graduatoria. Entri con un punteggio e chi ha meno punti di te, ti passa sotto. Poi lavori, accumuli altro punteggio. E quando ti trasferisci in un’altra città, per qualsiasi ragione, ti reinserisci in una nuova graduatoria dove chi ha meno punti di te viene scavalcato.

A parte un breve periodo – nel biennio 2009-11, per l’esattezza – è sempre stato così. È successo a tutti: ci si abilita, si entra in graduatoria, si scavalca chi ha meno punteggio. Poi entrano i nuovi e scavalcano te. Oppure passi tu di graduatoria e scavalchi altri.

Quest’anno le riaperture delle graduatorie hanno scatenato polemiche alimentate da quel partito ai limiti della legalità che è la Lega Nord. Secondo la vulgata padana un professore che vive al nord ha più diritto di viverci e di lavorarci di un italiano del centro e del sud. La ragione? Al sud si studia meno e i voti sono regalati per cui i professori del sud si abilitano facilmente mentre i docenti nordici lavorano di più e meglio.

La cosa buffa è che questo mantra, anticostituzionale e razzista, è stato pienamente interiorizzato da molti docenti – moltissimi di origine meridionale – che in nome di un becero opportunismo rivendicano un diritto inconsistente: mantenere posizioni di privilegio nella propria graduatoria a discapito dei colleghi provenienti da regioni più povere o svantaggiate.

Dimenticano che quando si è trattato del loro inserimento in graduatoria, tramite concorso o SSIS, anch’essi hanno scavalcato chi aveva meno punti. Chissà se allora si saranno posti gli stessi problemi di cui oggi si lamentano…

Leggo, su Repubblica, che alcuni professori romani hanno contattato il senatore Pittoni – uno di quelli che hanno alimentato il pregiudizio antimeridionale, nonché leghista (il partito di “Roma ladrona”, per intenderci) – per effettuare controlli sui titoli dei nuovi arrivati e per essere agevolati nell’immissione in ruolo a discapito dei colleghi di altre regioni.

Voglio ricordare un fatto fondamentale, e lo dico da insegnante: chi ha più punteggio di me in graduatoria ha lavorato e studiato di più, rispetto a me. Se vogliamo la meritocrazia dobbiamo applicarla anche a nostro discapito.

In secondo luogo: quando questi colleghi si sono inseriti nelle graduatorie romane hanno superato i punteggi di altri insegnanti precedentemente inseriti. Allora hanno dovuto dimostrare la bontà dei titoli conseguiti? Non si sarebbero sentiti offesi se qualcuno, tra il corpo insegnante, avesse preteso un trattamento simile nei loro confronti?

Questi colleghi, in altre parole, invece di fare corpo sociale contro i tagli del governo alimentano una guerra tra poveri. Si comportano alla stregua di cani che si mordono tra loro per tentare di rosicchiare quel po’ di carne che resta attaccato nell’unico osso che la Gelmini ha gettato loro.

Ma una reazione del genere, appunto, non è degna di chi si fregia del titolo di insegnante. Io vorrei che chi istruisse i miei figli fosse qualcosa di psicologicamente più complesso di un cane famelico e di umanamente migliore di un mendicante.

Questi colleghi non hanno lavorato per il miglioramento di un intera classe sociale, ma hanno scodinzolato per avere un pezzo d’osso in più. Hanno elemosinato un privilegio, in barba al concetto di diritto.

E questo non li pone, appunto, sotto l’insegna dei dispensatori di sapere. Fossi in loro proverei solo vergogna.

Annunci

Berlusconi e la campagna Ryanair

…e dopo la campagna sulle famiglie che piacciono a Giovanardi, è chiaro quanto sia simpatico a Ryanair questo governo.

Ovviamente è tutto vero. Se non ci credete, cliccate qui. Prima che la tolgano, ovviamente.

Diritti civili: Bersani alla festa democratica sceglie l’UdC

Leggo di Bersani, presente il 21 luglio alla festa democratica di Roma.

Un Bersani acclamato, convincente, della dimensione di un leader di partito e di coalizione. Un futuro premier, in poche parole. Leggo questo, sulle bacheche Facebook dei miei amici.

Un futuro premier del principale partito di centro-sinistra (si noti il trattino) che manda a dire a Di Pietro: «abbiamo già in corso dei tavoli di lavoro anche con Sel e che stiamo discutendo di istituzioni, economia e questioni internazionali, dopo faremo il punto». E che subito dopo ripropone l’alleanza con l’UdC.

In tutto questo, sempre a sentire chi lì c’era, nemmeno una parola sui diritti civili: fecondazione assistita, legge anti-omofobia, coppie di fatto, matrimonio per tutti, adozione per gay e lesbiche, tutela dei bambini di famiglie omogenitoriali.

Questi temi sono ancora al di fuori della porta (e della portata) di un partito che si candida al governo di un paese che ha, tra i suoi abitanti, anche le persone GLBT. Persone che chiedono rappresentanza politica e giuridica. Rappresentanza che viene ignorata, sistematicamente.

Quali sarebbero i margini di manovra di un pd così timido nella prospettiva di un’alleanza con una formazione, quale l’UdC, apertamente omofoba e reazionaria? Il pd ha realmente voglia di trovare una soluzione politica seria sulla tematica dei diritti civili e su quella dei temi etici (a cominciare dal testamento biologico)?

Va da sé che la prospettiva di un’alleanza con un partito che ha candidato mafiosi – vedi Cuffaro – e che ha la Binetti al suo interno dovrebbe determinare una fuga di massa da parte di chi crede nelle parole di persone quali Falcone e Borsellino e da parte di quei militanti – come Alicata, Concia e Scalfarotto solo per citarne alcuni/e – che lottano per i diritti del popolo rainbow.

Nel mio piccolo, invece, se questa prospettiva dovesse concretizzarsi, opterò per due opzioni: la prima, andare in vacanza in qualche paese civile; la seconda, restarci.

Se questi signori non hanno bisogno dei nostri voti, dei voti di chi vuole un’Italia più libera, occidentale, laica e moderna – e qui il discorso andrebbe esteso a tutti i partiti di centro-sinistra, sebbene, a onor del vero, la differenza tra SEL e IdV con Bersani sta nel fatto che Vendola e Di Pietro hanno inserito nell’agenda i temi succitati già da tempo e senza imbarazzi di sorta – non capisco perché continuare a lavorare per loro e perché votarli.

Omofobia, tette e cultura di morte

In questi giorni, dopo il dibattito in aula di giorno 19 luglio, si voterà (molto probabilmente contro) la legge sulle aggravanti generiche per omofobia e transfobia.

Paola Concia denuncia, dal suo profilo Facebook, il silenzio dei media in proposito.

Di cosa parlano i giornali on line, i telegiornali e le maggiori testate giornalistiche italiane?

Penati indagato per corruzione, l’arresto di Papa, la richiesta di arresto per Milanese e altre amenità siffatte sulla casta che non vuole farsi processare.
La monnezza a Napoli.
Tette e calcio in quantità.
Le ultime rivelazioni del caso Rea, l’arresto del marito e ampia finestra sulle mail scambiate tra lui e l’amante su Facebook. Manco fossimo in una puntata di Porta a porta.

Sesso, corruzione, potere, disprezzo della vita umana. I temi standard di Repubblica, Corriere e la Stampa.

Ma quelli fissati col sesso – nonché portatori di una “cultura di morte” – non erano i gay? Ai quali, per altro, non si dedica nemmeno un trafiletto per una legge contro violenze e discriminazioni.

Evidentemente i pruriti sessuali di presunti omicidi rappresentano un pasto ben più allettante per gli appetiti dell’italiano medio.

In piazza, contro l’omofobia parlamentare

Ricevo da Certi Diritti – Dio, o chi per lui, li abbia in gloria – e inoltro:

L’Associazione Radicale Certi Diritti insieme alle associazioni lgbt(e) e a parlamentari di diversi gruppi seguirà i lavori dell’aula da Piazza Montecitorio dalle ore 15 con un sit-in e una maratona oratoria per chiedere al Parlamento un segnale forte contro l’omofobia e la transfobia.

Roma, 14 luglio 2011

È previsto per martedì 19 luglio dalle ore 15 il voto sulla proposta di legge contro l’omofobia che introduce l’aggravante per i reati commessi in ragione dell’orientamento sessuale della vittima.

La legge molto probabilmente non passerà a causa delle pregiudiziali di costituzionalità presentate da deputati dell’UDC, del PDL e della Lega Nord. Deputati genuflessi alla casta vaticana e del tutto indifferenti ai diritti dei cittadini, che tentano così di aggrapparsi a inesistenti ipotesi di incostituzionalità per negare la gravità della violenza omofobica.

Per questo saremo in piazza con lo slogan “Legge incostituzionale? Omofobia parlamentare”.

Hanno aderito:
Associazione radicale Certi Diritti
Arcigay
Agedo
Famiglie Arcobaleno
MIT
Circolo Mario Mieli
Equality
Gay Center
Radicali Italiani
Forum Queer SEL
Associazione Luca Coscioni
CGIL- Nuovi Diritti
Associazione 3D
Fondazione Massimo Consoli
I-Ken Onlus
Yellow Sport

Per aderire scrivere a tesoriere@certidiritti.it

Ricordo, per dovere di cronaca, i nomi di quei parlamentari che vogliono affossare la legge (fonte Gay.it):

Si tratta dei deputati dell’UDC Buttiglione, Capitanio Santolini, Binetti; per il PDL gli onorevoli Bertolini, Saltamartini, Stracquadanio, Pagano; infine per la Lega si tratta degli onorevoli Lussana, Nicola Molteni, Isidori, Paolini, Follegot, Vanalli, Luciano Dussin, Pastore, Volpi, Bragantini, Polledri. Un’ultima curiosità: il regista della bocciatura della legge contro l’omofobia nel 2009, quando arrivò in aula la prima volta, fu Piero Vietti, dell’UDC, premiato poco tempo dopo con la vicepresidenza del CSM.

Per questa gente le persone GLBT possono essere insultate liberamente, discriminate aggredite, violentate e uccise senza che la cosa costituisca un’aggravante, come invece succede in tutto il mondo civile e democratico e come già succede per le vittime di odio razziale e antisemita.

Essere a Montecitorio o negli altri raduni organizzati in tutta Italia è una manifestazione di civiltà e democrazia. E, prima di ogni altra cosa, una dimostrazione di umanità. Chi non andrà sarà della stessa pasta di persone come Buttiglione e Binetti, fieramente omofobi e nemici naturali dei diritti fondamentali dell’uomo.

A voi la scelta.

Radio 105 omofoba

L’ho saputo solo ieri, parlandone con Cri. E poi l’ho pure letto su Queer Blog, che denuncia:

Una trans si sarebbe sentita offesa perchè l’altra sera, durante la trasmissione, i presentatori avevano fatto un’incursione in un ristorante sudamericano pieno zeppo di belle ragazze. A tal punto che ‘pure gli omosessuali si sarebbero ricreduti’. Al tavolo, un uomo dal nome d’arte Eva, ‘il re dei ricchioni’ che vive prostituendosi. La cosa non è piaciuta ed ecco arrivare la querela perchè diseducativi. Il pezzo trasmesso non è stato gradito.

La donna, sempre secondo Queer Blog, avrebbe querelato la trasmissione. I conduttori dello Zoo di 105 allora diffondono la notizia, su Facebook:

Vi faccio ridere: Un trans ci ha querelato per le battute di ieri in apertura!! Dicendo che siamo diseducativi!!! Noi???? Il mondo gira al contrario cazzo…

La reazione? Commenti come questi

meglio una denuncia che un cazzo in culo,ricchioniiiiiiiiiiiii​iiiiiiiiiiiiiiiiii

Lo andiamo a prendere e lo bruciamo sto scemo di merda oooooo!!!!

Trans di merda…loro si che sono educativi…meta’ uomini e meta’ donna solo per fare soldi…merdeeeeeeeeeeeeee​eeeeeeeeee…

e altri di tono simile, se non peggiore.

È triste constatare che questo tipo di reazioni provengano da una trasmissione che voleva essere irriverente, contro corrente, fuori dagli schemi e che invece si ritrova a seguire il più becero, conformista e omofobo sentire comune.

La radio dovrebbe essere lo strumento per andare oltre le differenze, un canale che dà voce a tutti e a tutte, nel rispetto della propria umanità, del proprio modo di essere. Radio 105, per altro, è una radio con un target di giovani e giovanissimi e, anche col format di una trasmissione di rottura, rimane sempre un modello, con tutta la responsabilità che ne consegue.

Cosa hanno voluto dimostrare quelli dello Zoo di 105? Che è facile ironizzare su una categoria discriminata, alimentando confusione – si noti l’equivalenza trans/prostituta, nei commenti – e facendosi spalleggiare da un pubblico che in qualsiasi paese civile verrebbe bollato come insulso, volgare, ai limiti della civiltà?

Testimonianze come questa ci dimostrano che in Italia la strada da fare è lunga, che deve partire dal basso e che deve portare tutti, media in primis, a responsabilizzarsi al cospetto di un’utenza che va abituata al rispetto e non addestrata al dileggio.

Ecco chi è Massimo D’Alema

Massimo D’Alema. Messo di nuovo in fuga da un ragazzo di diciotto anni (Matteo Marini).

È questa classe dirigente che vogliamo alla guida del paese?
Persone incapaci di sopportare il peso delle domande?

Per tacere, per il momento, sullo squadrismo delle truppe dalemiane (più pericolose dei berlusconiani, violente a volte come teste rasate).

Biotestamento: denunciamo i nostri parlamentari per crimini contro l’umanità!

Ancora sul testamento biologico.

Il parlamento ha prodotto una legge che prevede processi dolorosi, non risolutivi e obbligatori, quindi lesivi della dignità personale, per persone in fin di vita.

In altre parole: le camere hanno varato una legge che introduce la tortura psico-fisica.

Mi chiedo se non ci siano gli estremi per denunciare i nostri parlamentari per crimini contro l’umanità.

Fine vita e voto cattolico: vivi per forza

(Josef Mengele)

Mi stupisce sempre vedere la doppia morale dei nostri parlamentari. Siamo di fronte all’allarme rosso: la disoccupazione galoppante, il potere d’acquisto degli italiani sempre più alle corde, la situazione finanziaria pronta ad esplodere, la scarsa credibilità etica di un governo più presente nelle aule dei tribunali che nei consessi internazionali. Eccetera.

Di fronte a tutto questo i nostri rappresentanti trovano il tempo di leggi ulteriormente liberticide – sulla scia della legge 40 – come quella appena approvata sul (mancato) trattamento di fine vita.

Curioso, se facciamo attenzione, per tutta una serie di ragioni.

In tempi meno critici, infatti, cioè nel biennio 2006-2008, la questione omosessuale veniva bollata come secondaria, non prioritaria rispetto ai temi dell’economia. Di PaCS e unioni civili era meglio non parlarne, per riprendere l’argomento dopo la soluzione di urgenze maggiori quali appunto la mancanza di lavoro, la crisi, lo scioglimento dei poli e qualsiasi meteorite diretto sul pianeta Terra da allora ai successivi mille anni.

Adesso che tutto brucia e rischia di essere ridotto in cenere, e sto parlando del mondo occidentale così come lo conosciamo, il tandem Binetti-Gasparri, con la complicità di tutto il centro-destra e col finto scandalo dei cattolici del partito democratico, trova il tempo di creare una legge che vieta, di fatto, il testamento biologico.

La legge appena varata, in altre parole, non tiene conto delle volontà del paziente. Scrivere il proprio testamento biologico sarà un esercizio letterario, in punto di morte, ma l’ultima parola sarà data al medico che potrà decidere di non tener conto, appunto, del volere del malato.

Idratazione e alimentazione saranno obbligatorie, a discapito del dolore fisico che sondini e apparati medici provocheranno a chi, nella fase finale della propria esistenza, magari vorrebbe decidere altrimenti.

Qualificante, a tal proposito, l’intervento di Paola Binetti, a cui si deve un grazioso emendamento:

L’alimentazione e l’idratazione, nelle diverse forme in cui la scienza e la tecnica possono fornirle al paziente, devono essere mantenute fino al termine della vita, a eccezione del caso in cui le medesime risultino non più efficaci nel fornire al paziente in fase terminale i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche essenziali del corpo. Esse non possono formare oggetto di dichiarazione anticipata di trattamento

In pratica: si potrà sospendere l’alimentazione solo a certe tipologie di malati di cancro allo stomaco o all’intestino. Tutti gli altri verranno nutriti e idratati contro voglia e con molto dolore. Alla cattolica Binetti – creata dal trasformista Rutelli e voluta fortemente dal democratico Veltroni, eletta con i voti degli ex PCI-PDS-DS e poi, con quei voti, confluita in un partito cattolico-integralista quale l’UdC – nulla importa della sofferenza umana.

Ma stiamo parlando di chi per dare un senso alla propria esistenza si infligge punizioni corporali. Una persona, in altre parole, che tutti vorremmo in casa nostra a dispensare consigli su come vivere, su come esercitare la nostra sessualità ed educare i nostri figli. Sarete sicuramente d’accordo con me.

Questa legge, infine, rischia di seguire lo stesso decorso della legge 40 sulla maternità assistita. Prima al vaglio delle urne, col referendum abrogativo – e domani come allora di certo la chiesa pretenderà di avere l’ultima parola in merito – quindi nelle aule dei tribunali dove basterà una diffida del paziente a fermare la mano di medici fin troppo pietosi e altrettanto spietati.

Da qui ad allora scorrerà molto sangue invisibile, quello di chi, in punto di morte, non avrà la sufficiente forza di ribellarsi e nemmeno il diritto di morire in pace. Ma alla Binetti, al suo partito di cattolici iraniani, alla destra di governo e ai mandanti politici di questa legge criminale cosa può mai importare? I fatti rispondono egregiamente a questa domanda.

Scene da un matrimonio (gay)

***

Che dire, gli sposi erano bellissimi, gli invitati sembravano simpatici e a quanto pare è stata una festa da non perdere.

Per i resto, auguri a Moreno e Francesco!

P.S.: va da sé che a me è scappata la lacrimuccia, ma d’altronde io piango sempre ai matrimoni..