Identikit dell’attentatore di Oslo. Praticamente un leghista

Da Repubblica on line:

“Single, cristiano, conservatore e anti-islamico” è questo il profilo che tracciava di se stesso Anders Behring Breivik, il 32enne arrestato dalla polizia norvegese e sospettato del doppio attacco che ieri, sull’isola di Utoya e a Oslo, ha causato 91 morti.

La visione di una società chiusa in se stessa, che vede il nemico nello straniero, di “razza” e religione diversa.
Il riconoscere nell’islam il nemico specifico.
Considerare la rovina per il paese (o una parte di esso) chi auspica e opera politiche di integrazione.

Dettami che richiamano il programma politico della Lega Nord in Italia, a ben vedere.

Ovviamente non voglio affermare (né lo penso) che il militante leghista medio sia capace di stragi simili. La differenza tra Anders Behring Breivik e un “padano” qualsiasi sta esattamente in ciò che distingue la tragedia dalla farsa. Ma a ben vedere, quando entrambe si fanno politica – nella versione dell’estremismo e dell’integralismo, di matrice eversiva o di governo – a farne le spese sono le vite degli altri. In un modo o nell’altro.

I recenti fatti di Oslo, in buona sostanza, dimostrano che una visione di società di uguali basata sul mito della “razza” e della “religio” è un modello già bocciato dalla storia. Il perpetuarsi di tali ideali porta agli eccessi che ci fanno (o dovrebbero farci) inorridire, si chiamino essi attentati o respingimenti.

L’idea di una società basata su valori squisitamente cristiani e di specificità etnica – il modello di partiti quali anche l’UdC, in una certa misura, oltre che la Lega, in Italia – se portata alle estreme conseguenze porta al disastro.

Questa storia ci insegna che l’estremismo, di matrice etnico e/o religiosa, non conduce alla felicità e al rispetto della vita umana, alla sua autodeterminazione, alla sua realizzazione. Ancora una volta la cultura di morte che certo integralismo addita alle società laiche – come quella norvegese – va ascritta, invece, a una visione confessionale della società.

Sulla sua pagina Twitter, lo scorso 17 luglio, Breivik ha postato una citazione del filosofo inglese, John Stuart Mill: “Una persona con un credo ha altrettanta forza di 100.000 persone che non hanno interessi”. Se i sospetti della polizia verranno confermati, il “credo” di Breivik ha lasciato dietro di sè, per ora, 91 corpi senza vita.

Non ho altro da aggiungere.

About these ads

17 pensieri su “Identikit dell’attentatore di Oslo. Praticamente un leghista

  1. quello che la storia ha bocciato è il multiculturalismo e la società islamica. in tutti i paesi c’è diffidenza verso i musulmani, e non perchè tutti gli europei sono ignoranti ma perchè troppi musulmani non vogliono integrarsi e creano problemi. gli eccessi sono sempre sbagliati, ma questo nulla centra con la visione assolutamente condivisibile che ha la lega nei confronti dell’immigrazione. i fatti norvegesi in parte danno ragione alla lega. se il problema non viene governato la gente s’incazza, e qualche testa particolarmente vuota può compiere simili fatti.

  2. Mauro, il multiculturalismo è realtà in molti paesi, dal Brasile agli Usa, dal Canada all’Argentina, e via discorrendo.

    Se in Norvegia è successo quello che è successo non è perché ci sono i musulmani, ma perché c’era un pazzo, cristiano, integralista, estremista, fascista. Da noi tutto questo è incarnato dalla politica della Lega è negarlo significa fare un torto alla realtà e sputare sui cadaveri di quei ragazzi che portavano avanti un ideale esattamente diverso da quello in cui tu credi.

    Vergognati di esistere.

  3. multietnicità è cosa ben diversa da multiculturalismo. dire che la lega incarna le ideologie di colui ha compiuto tale crimine è incommentabile.

  4. Non c’è multiculturalismo senza multietnicità. E poi non dico che la Lega incarna le ideologie di Breivik, semmai è Breivik che si è mosso partendo dallo stesso humus sub-culturale della Lega: uno sfondo di razzismo, violenza, omofobia, estremismo e integralismo.

    Lo dicono i fatti, purtroppo. La cultura di base della Lega è una cultura di morte. E i fatti, dai respingimenti alle forme più estreme come quelle del norvegese, lo dimostrano.

  5. @elfobruno
    tu sai che ideali avevano quei ragazzi? la Lega è una cultura di morte??? ma dove vivi scusa??

  6. Quei ragazzi erano laburisti, cioè di sinistra, uccisi perché portatori di un messaggio di multiculturalismo.
    La Lega, di estrema destra, esattamente come quel pazzo, propugna l’odio per l’islam ed esalta la “purezza” di una società cristiana. E, se vogliamo dirla tutta, la Lega odia pure froci e meridionali.

    Secondo te questo è filantropismo?

  7. multietnicità è diverso da multiculturalismo. si può essere multietnici ma non multiculturali (negli stati uniti ci sono musulmani, ma le donne hanno tutti i diritti che non hanno in paesi dove ci sono altre culture)

  8. È così pure in Italia e negli altri paesi multietnici. Non sono previste legislazioni “ad aetniam”. Sentire Bossi vi fa perdere il contatto col piano della realtà. Multiculturalismo significa accettare gli aspetti specifici delle culture accolte, nel rispetto, tuttavia, della legge fondamentale. Questo è pacifico, siete voi della Lega che fate di tutto per trasformare un processo difficile, come quello dell’integrazione, in una guerra tra culture. Ma verrete sconfitti, come sempre accade alle forze del regresso.

  9. non sei sufficientemente informato, ci sono paesi come inghilterra svezia in cui ci sono aree in cui i musulmani si stanno creando una sorte enclave in cui la stessa polizia ammette che sono aree pericolose in cui vengono praticate forme di sharia. daltronde di omicidi di onore e donne segregate in casa se ne sente parlare persino nella cattolica italia. tra l’altro per far incazzare la gente non serve vedere applicati certi concetti, basta vedere che c’è qualcuno che vorrebbe imporli, e tra togliere i crocefissi ed i cibi di maiale dalle scuole, occupare strade pubbliche per le preghiere, dividere i bambini dalle bambine nelle piscine perchè è immorale per l’islam di esempi ne abbiamo moltissimi.

  10. Quello non è islam, è integralismo religioso. Lo stesso dei cattolici che vorrebbero che i gay, ad esempio, possano essere uccisi in paesi come l’Uganda, e le islamicissime nazioni quali Arabia Saudita, Afghanistan e Iran.

    Per altro nemmeno la Lega è esente da questo male: si vuole imporre una cultura di divisioni sociali e di morte, storicamente falsa (il concetto di Padania) e discriminatoria verso alcune componenti del paese, tipo gli insegnanti del sud. Dubito, per altro, che un leghista doc vorrebbe che sua figlia andasse in moglie a un meridionale, un nero o un musulmano.

    Come vedi gli idioti ci sono un po’ ovunque.

  11. balle i cattolici che vogliono che i gay vengano uccisi sono una percentuale che non tocca l’1%, iu mussulmani che fanno quello che dico io sono ma maggioranza. bossi a sposato una meridionale, le tue sono solo leggende. non è con paragoni assurdi e relativismo che riuscirai a sotterrare un problema che si fa sempre più grande

  12. I cattolici a cui mi riferisco io sono i membri della chiesa cattolica e della Citta del Vaticano. Bastano quelli a fare magagne e a coprirne altre ben più gravi (do you know “pedofilia”?) di quelle dei musulmani che conosci tu (evidentemente sei sfigato).

    Per il resto: vivi in un altro pianeta. La Lega è razzista e antimeridionale, lo dicono i fatti. Se vuoi credere che la Luna sia fatta di formaggio, accomodati, ma la realtà è un’altra e io non ho voglia, tempo e interesse di discutere con uno che, oltre a bere tutto quello che la sua dirigenza gli propina in modo acritico, non riesce nemmeno a scrivere il verbo “avere” corretto.

    Per il resto, non è mia intenzione salvare chi ha deciso di far parte di un partito così odioso. Basterà la storia a cancellarvi. Io non ho davvero tempo da perdere con gente come te.

  13. ahh bravo, ti riferisci ai cattolici della città del vaticano, allora io posso riferirmi ad alqaeda? il papa ha sempre condannato pubblicamente certi atti, ti sembra che bin laden lo abbia fatto? sei proprio messo male se cadi in questo gioco, e la polemica sul verbo avere è forse ancora più bassa. daltronde altri argomenti non ne ai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...